JPEG vs. PNG: quando e perché utilizzare un formato rispetto all’altro

Adobe Lightroom CC iMac
Daven Mathies / Tendenze digitali

Nel mondo dell'imaging digitale, ci sono due formati di immagine che prevalgono soprattutto: JPEG (o JPG) e PNG.

A prima vista, una singola immagine mostrata in entrambi i formati potrebbe sembrare identica, ma se si guarda abbastanza da vicino e si scava nei dati, c'è una bella differenza tra i due. Un formato non è sempre migliore dell'altro, poiché ciascuno è progettato per essere utilizzato in circostanze specifiche in base alle tue esigenze di qualità dell'immagine, dimensione del file e altro. Ecco cosa devi sapere su entrambi i formati per sfruttare al massimo i loro punti di forza e di debolezza.

JPEG

Abbreviazione di Joint Photographic Experts Group – il team che ha sviluppato il formato – JPEG è diventato il formato compresso standard nella fotografia digitale e nella condivisione di immagini online grazie al suo attento equilibrio tra dimensione del file e qualità dell'immagine.

Il rapporto esatto varia in base al programma e alle impostazioni utilizzate, ma l'immagine JPEG tipica ha un rapporto di compressione di 10: 1. Cioè, se inizi con un'immagine da 10 MB e la esporti in formato JPEG, dovresti finire con un'immagine di circa 1 MB. Un JPEG dovrebbe avere una differenza percettibile quasi nulla in termini di qualità, sebbene ciò dipenda dal contenuto e dal tipo di file dell'immagine originale.

Per fare ciò, JPEG si basa sulla trasformazione del coseno discreto (DCT) . Mentre la matematica dietro è complicata, questo algoritmo di compressione dà un'occhiata all'intera immagine, determina quali pixel nell'immagine sono abbastanza simili a quelli che la circondano e unisce i pixel in riquadri (gruppi di pixel che hanno lo stesso valore ).

Questo metodo è estremamente efficiente ma comporta il costo di eliminare informazioni che non è possibile recuperare. Le immagini JPEG (con alcune eccezioni menzionate di seguito) sono in perdita, il che significa che dopo il salvataggio dell'immagine, i dati persi non possono essere recuperati. Quindi, proprio come fare una fotocopia di una fotocopia, ogni volta che apri e salvi un JPEG, sembrerà leggermente peggio di prima.

Per questo motivo, JPEG non è suggerito come formato di immagine d'archivio, perché se dovessi mai aprirlo e apportare di nuovo delle modifiche, subirai una perdita di qualità. Gli editor di foto non distruttivi , come Adobe Lightroom , possono aiutarti a aggirare questo problema a condizione che non elimini mai i file originali, poiché salvano le modifiche solo come metadati anziché scrivere sull'immagine originale.

JPEG dovrebbe essere evitato anche con immagini pesanti o illustrazioni con linee nitide, poiché le linee definite tendono a sfocarsi a causa dell'antialiasing. (L'anti-aliasing è una sfocatura intenzionale progettata per eliminare i bordi irregolari .) Come puoi vedere nell'immagine qui sotto, uno screenshot tratto dalla nostra homepage, il testo e lo sfondo bianco mostrano molti artefatti sul JPEG (a destra) rispetto al PNG (a sinistra).

JPEG vs PNG

Detto questo, ci sono momenti in cui è necessario trasformare formati come PDF in JPEG . In questi casi, è meglio assicurarsi di esportarlo con le impostazioni di massima qualità per garantire che tutto il testo sia nitido.

JPEG supporta gli spazi colore RGB e CMYK a 24 bit, ma le sue offerte CMYK lasciano molto a desiderare. (Le moderne stampanti gestiscono bene i file RGB, quindi questo non è un grosso problema. Dovresti comunque utilizzare formati di qualità più elevata per la stampa.) Una scala di grigi a 8 bit è anche un'opzione, ma i rapporti di compressione sono molto meno impressionanti con scala di grigi rispetto alle immagini a colori.

Nel corso degli anni, molte varianti di JPEG sono andate e vengono. Ad esempio, JPG-LS è stato progettato per risolvere il problema della compressione con perdita, ma non ha mai preso piede e alla fine è caduto sul ciglio della strada. Anche JPG2000 ha tentato di risolvere il problema senza perdite, ma anche questo non è riuscito a guadagnare trazione. BPG, un nuovo formato basato sullo standard video H.265, era determinato a prendere il controllo di JPEG , ma non ha mai preso piede.

I creatori di JPEG hanno recentemente condiviso un nuovo formato progettato non per sostituire il JPEG ma per esistere al suo fianco come opzione per uno streaming più veloce. In JPEG XS , la compressione è solo sei volte anziché 10, ma algoritmi più semplici indicano che il file è più veloce per attività come lo streaming. Una potenziale sostituzione potrebbe presentarsi sotto forma di HEIF , anch'esso basato sullo standard h.265. Laddove altri hanno fallito, HEIF potrebbe avere successo grazie al supporto di uno dei più grandi marchi tecnologici: Apple . Ha ancora molta strada da fare, ma più programmi di modifica delle immagini e più dispositivi stanno aggiungendo il supporto per il nuovo formato, facilitando l'accesso ai file.

Professionisti Contro
File di piccole dimensioni Compressione in perdita
Supporto EXIF ​​integrato Non eccezionale per la stampa CMYK
Ampiamente supportato Nessun supporto per la trasparenza

PNG

Acronimo di Portable Network Graphics, PNG è un formato di file lossless progettato come alternativa più aperta al Graphics Interchange Format (GIF).

A differenza di JPEG, che si basa sulla compressione DCT, PNG utilizza la compressione LZW , la stessa utilizzata dai formati GIF e TIFF. In breve, la compressione LZW a due stadi di PNG prende stringhe di bit contenute nei dati dell'immagine, quindi abbina quelle sequenze più lunghe ai codici abbreviati di accompagnamento contenuti in un dizionario (a volte indicato come libro di codice) che è memorizzato nel file di immagine. Il risultato è un file più piccolo che mantiene alta la qualità.

Il più grande vantaggio di PNG su JPEG è che la compressione è senza perdita, il che significa che non vi è alcuna perdita di qualità ogni volta che viene aperta e salvata di nuovo. PNG gestisce bene anche immagini dettagliate e ad alto contrasto. È per questo motivo che PNG è il più delle volte il formato di file predefinito per gli screenshot , in quanto può fornire una rappresentazione pixel per pixel quasi perfetta dello schermo, piuttosto che comprimere gruppi di pixel insieme.

Una delle caratteristiche distintive di PNG è il suo supporto alla trasparenza. Con entrambe le immagini a colori e in scala di grigi, i pixel nei file PNG possono essere trasparenti. Ciò ti consente di creare immagini che si sovrappongono ordinatamente al contenuto di un'immagine o di un sito Web. Come visto nella GIF sopra, molti programmi di editing – in questo caso Adobe Photoshop Mix – usano uno sfondo a scacchi per indicare la trasparenza di un elemento grafico. Questo rende PNG eccezionale per i loghi, in particolare quelli con testo, utilizzati su un sito Web. Se crei uno sfondo trasparente in Photoshop e salvi le immagini in JPG, invece, quello sfondo diventa bianco perché il formato non supporta la trasparenza.

Quando si tratta di fotografia, PNG potrebbe sembrare una solida alternativa ai formati RAW proprietari per l'archiviazione di immagini senza perdita di dati, ma la verità è che ci sono molte alternative migliori, come Digital Negative (DNG) di Adobe – che puoi persino scattare sul tuo smartphone – e TIFF. PNG inoltre non supporta nativamente i dati EXIF , che includono informazioni quali velocità dell'otturatore, apertura e ISO della fotocamera con cui è stata acquisita.

PNG è stato creato per il Web e ha dimostrato il suo valore. JPEG potrebbe essere il formato della maggior parte delle immagini, ma PNG occupa un'importante nicchia che JPEG non è in grado di raggiungere efficacemente, ed è sostanzialmente l'unica scelta quando è necessario rendere chiaramente un logo o un testo su altri elementi su un sito Web.

Proprio come JPEG, PNG ha anche avuto alcune variazioni nel corso degli anni. APNG è un formato ancora supportato progettato per replicare la funzionalità animata delle GIF . Non è altrettanto diffuso ma è supportato da molti browser moderni.

Un'altra curiosità è che nelle prime fasi dello sviluppo di PNG, è stato suggerito che si chiamasse PING, acronimo di "PING Is Not GIF", uno sfacciato sfogo ai creatori del formato GIF.

Professionisti Contro
Compressione senza perdita File di dimensioni maggiori rispetto a JPEG
Supporto per la trasparenza Nessun supporto EXIF ​​nativo
Ottimo per testo e schermate

Qual è il migliore?

In definitiva, nessuno dei due formati di immagine è migliore dell'altro. È semplicemente una questione di quale sia più adatto alle tue esigenze.

Se vuoi condividere una foto dalla tua fotocamera su Instagram, Twitter, ecc. La soluzione migliore è usare un JPEG. È di dimensioni più ridotte, è ottimizzato per la fotografia ed è ampiamente supportato su quasi tutte le piattaforme e tutti i servizi immaginabili.

Se stai scattando uno screenshot che prevedi di annotare o archiviare per un uso successivo, PNG soddisferà meglio le tue esigenze. La dimensione del file potrebbe essere maggiore di quella di un equivalente JPEG, ma non devi preoccuparti che perda qualità ogni volta che viene salvato e sai che ogni pixel è nitido come l'ultima volta che l'hai aperto. La maggior parte della grafica web, come i loghi, è anche meglio salvata come PNG poiché può utilizzare aree trasparenti.