La formula divertente: perché l’umorismo generato dalla macchina è il Santo Graal di A.I.

In “The Outrageous Okona”, il quarto episodio della seconda stagione di Star Trek: The Next Generation , l’androide residente dell’Enterprise, Data, tenta di apprendere l’unica abilità che in precedenza non era stato in grado di padroneggiare: l’umorismo. Visitando il ponte ologrammi della nave, Data prende lezioni da un comico olografico per cercare di capire l’attività di rendere divertente.

Mentre i mondi di Star Trek e il mondo reale possono essere distanti a volte, questa trama suona vera per l’intelligenza delle macchine qui sulla Terra. In parole povere, far capire a un’intelligenza artificiale l’umorismo e poi generare le proprie battute si rivela straordinariamente difficile.

Quanto dura? Dimentica di andare, pericolo! , scacchi e una serie di altre impressionanti demo : secondo alcuni esperti, costruire un’intelligenza artificiale al livello di un grande comico può essere la vera misura dell’intelligenza artificiale.

E, anche se non ci siamo ancora arrivati, è sicuro dire che potremmo essere molto più vicini.

Witscript decifra il codice

Joe Toplyn è una persona che non evita le sfide. Toplyn, un ingegnere di formazione (con un ampio divario di carriera in termini di pratica effettiva), si è ritagliato una carriera di successo come scrittore televisivo. Vincitore di quattro Emmy, è stato uno scrittore capo per artisti del calibro di David Letterman e Jay Leno. Diversi anni fa, Toplyn si interessò alla questione se esistesse o meno un algoritmo (cioè un processo o una serie di regole che possono essere seguite) che aiutasse a scrivere battute davvero divertenti.

“La gente pensa che sia magia”, ha detto a Digital Trends. “Alcuni scrittori di commedie o comici, credo, cercano di ritrarre ciò che fanno come una magia. Beh, è come la magia, nel senso che un trucco magico è costruito e progettato, e c’è un modo in cui funziona che ti fa pensare che il mago abbia poteri soprannaturali. Ma c’è davvero una logica in tutto questo”.

Il comico Joe Toplyn con Jay Leno

Questa convinzione in una logica d’acciaio per raccontare barzellette – affinata mentre Toplyn stava cercando di insegnare la sua “magia” ad aspiranti aspiranti comici – alla fine lo ha portato a provare a costruire un’intelligenza artificiale in grado di generare battute improvvisate che si adattassero a conversazioni regolari. Chiamato Witscript , i risultati si sommano a un innovativo sistema di intelligenza artificiale che crea battute improvvisate. Un chatbot che utilizza Witscript per scherzare ad-lib potrebbe, ha detto Toplyn, aiutare a creare simpatici compagni artificiali per aiutare a risolvere il “grande problema” della solitudine umana. Pensalo come PARO, il sigillo del robot con le battute.

“È rilevante per il contesto”, ha detto Toplyn di Witscript, che è stato recentemente presentato alla 12a Conferenza internazionale sulla creatività computazionale (ICCC 2021). “Questo lo distingue da altri sistemi di generazione di battute che generano battute autonome che non sono facili da integrare in una conversazione. Quando parli con un amico spiritoso, è probabile che le sue battute vengano integrate in una conversazione in risposta a qualcosa che hai detto. È molto meno probabile che il tuo amico inizi a raccontare una barzelletta come: “Un uomo entra in un bar con un’anatra in testa…”

La formula divertente

Questa qualità spontanea deriva dagli algoritmi di scrittura delle barzellette sviluppati dallo stesso Toplyn.

“Fondamentalmente, il modo in cui funziona l’algoritmo di base per scrivere le barzellette è questo: inizia selezionando un argomento per lo scherzo, che potrebbe essere una frase che qualcuno ti dice o l’argomento di una notizia”, ​​ha detto. “Il passo successivo è selezionare quelli che chiamo due ‘maniglie dell’argomento’, le parole o le frasi nell’argomento che sono le più responsabili per catturare l’attenzione del pubblico. Il terzo passaggio consiste nel generare associazioni dei due handle di argomento. Le associazioni sono ciò a cui è probabile che pensi il pubblico quando pensa a un particolare argomento. Il quarto passo consiste nel creare una battuta finale, che colleghi in modo sorprendente l’associazione di uno dei due topic a un’associazione dell’altro. L’ultimo passo è generare un angolo tra l’argomento e la battuta finale: una frase o una frase che collega l’argomento alla battuta finale in modo naturale.

blue man group perform in milan - La formula divertente: perché l’umorismo generato dalla macchina è il Santo Graal di A.I.
Francesco Prandoni/Redferns via Getty Images

Se tutte queste maniglie e angoli suonano come un duro lavoro, la prova è – in definitiva – nel budino. Utilizzando 13 argomenti di input, Witscript ha generato una serie di barzellette, che Toplyn ha poi confrontato i propri sforzi. Per un comitato di revisione, ha affidato il giudizio ai lavoratori di Amazon Mechanical Turk, che hanno valutato ogni battuta appena coniata su una scala da uno (non uno scherzo) a quattro (un’ottima battuta). Uno dei migliori sforzi di Witscript ha ottenuto un punteggio di 2,87 (“È abbastanza vicino a essere uno scherzo”, ha detto Toplyn) al suo 2,80 come maestro di beat studente. Lo scherzo di Witscript? Riprendendo una battuta sul 25° anniversario della compagnia d’arte performativa Blue Man Group, ha scherzato: “Benvenuti al Bluebilee”.

Anche se forse non è ancora pronto a sostituire Dave Chappelle, Toplyn crede che Witscript dimostri che l’umorismo può, in una certa misura, essere automatizzato. Anche se c’è ancora molta strada da fare. “Man mano che le macchine migliorano nell’esecuzione di quegli algoritmi, le battute che generano miglioreranno”, ha affermato.

Tuttavia, ha anche preso una nota di cautela. “Per generare battute [veramente] sofisticate nel modo in cui può farlo un esperto scrittore di commedie umane, le macchine avranno bisogno della conoscenza del buon senso e della capacità di ragionamento di buon senso di un tipico essere umano”.

Un pioniere della commedia AI

Questo, a quanto pare, potrebbe essere il nocciolo della questione. L’umorismo potrebbe sembrare frivolo, ma per coloro che lavorano nei campi del linguaggio, della commedia e dell’intelligenza artificiale, è tutt’altro.

“Usiamo l’umorismo in molti modi diversi”, ha detto a Digital Trends Kim Binsted , professore presso il Dipartimento di informatica e scienze dell’Università delle Hawaii. “Lo usiamo per stabilire rapporti sociali. Lo usiamo per definire in-group e out-group. Lo usiamo per introdurre idee che potremmo non essere disposti ad esprimere seriamente. Ovviamente c’è l’umorismo non linguistico, ma [l’umorismo linguistico] rientra in una categoria di uso del linguaggio che è davvero potente. Non è solo un cabarettista sul palco che lo usa per farsi qualche risata. È qualcosa che usiamo sempre [all’interno della nostra società.]”

Quando si tratta di umorismo computazionale, Binsted è un pioniere. Negli anni ’90, ha creato una delle (forse la ) prima IA progettata per generare battute. Sviluppato con il professor Graeme Ritchie, JAPE (Joke Analysis and Production Engine) di Binsted era un bot generatore di battute in grado di creare giochi di domande e risposte. Un esempio potrebbe essere: “D) Come si chiama un mercato strano?” “A) Un bizzarro bazar.”

“È stato fantastico perché significava che potevo raccogliere tutti i frutti più bassi prima di chiunque altro”, ha detto modestamente. “Che è più o meno quello che ho fatto con i giochi di parole.”

Un problema completo di intelligenza artificiale

Da allora, Binsted ha sviluppato vari altri robot di umorismo computazionale, incluso uno in grado di inventare variazioni sulle battute di “Yo mama”. Mentre il lavoro di Binsted da allora si è evoluto per guardare all’esplorazione umana di lunga durata dello spazio, vede ancora l’IA che racconta barzellette come una sorta di Santo Graal per l’intelligenza artificiale.

“Non è una di queste cose come gli scacchi, dove quando l’intelligenza artificiale era agli inizi, la gente diceva: ‘Beh, se un computer può davvero giocare a scacchi, allora sapremo che è completamente intelligente’”, ha affermato. “Ovviamente non è così. Ma penso che l’umorismo sia una di quelle cose in cui l’umorismo fluente che usa un computer dovrà essere genuinamente intelligente anche in altri modi”.

microfono in un bar
7713Fotografia

Ecco perché raccontare barzellette è una sfida così interessante per le macchine. Non è perché rendere intelligente l’intelligenza artificiale è utile per l’umanità quanto, ad esempio, usare l’intelligenza artificiale per risolvere il cancro. Ma è un enorme significante di intelligenza avanzata perché, per essere veramente divertente, un’intelligenza artificiale ha bisogno di capire molto del mondo.

“L’umorismo dipende da molte diverse abilità umane, come la conoscenza del mondo, le abilità linguistiche, il ragionamento [e altro]”, Thomas Winters , un dottorato di ricerca in informatica. studente alla ricerca di intelligenza artificiale e umorismo computazionale, ha detto a Digital Trends. “Anche se una macchina ha accesso a quel tipo di informazioni e abilità, deve comunque avere un’idea della difficoltà dello scherzo stesso. Affinché qualcosa sia divertente, anche una battuta non deve essere né troppo facile né troppo difficile da capire per un essere umano. Una macchina che genera battute non dovrebbe usare conoscenze troppo oscure, né conoscenze troppo ovvie con battute prevedibili. Questo è il motivo per cui l’umorismo computazionale è generalmente visto come un problema completo di intelligenza artificiale. [Significa] che abbiamo bisogno di avere un’intelligenza artificiale che abbia componenti funzionalmente simili a un cervello umano per risolvere l’umorismo computazionale, a causa della sua dipendenza da tutte queste abilità del cervello umano.

Pensalo come un test di Turing con una traccia di risate. Presto in una superintelligenza vicino a te. Auspicabilmente.