Perché Virtual CES è stato un enorme fallimento per il settore tecnologico

L’edizione virtuale 2021 del CES rimarrà a lungo nella memoria, ma perché? Purtroppo, molto è per i motivi sbagliati.

Oggi diamo uno sguardo al tech show della scorsa settimana e valutiamo cosa è andato bene (non molto) e cosa è andato male (molto).

Non è solo Las Vegas …

Prima di iniziare, diamo un po ‘di equilibrio. Il CES è tutto incentrato sul vivace show floor, il networking, la copertura dietro le quinte sui social media, le interviste individuali con specialisti del settore, cibo e bevande gratuiti e la sfavillante vita notturna di Las Vegas.

Un CES virtuale non sarebbe mai stato in grado di ricreare quell’esperienza, ed era irragionevole aspettarselo.

Sono stati presentati meno nuovi prodotti

coldsnap ces - Perché Virtual CES è stato un enorme fallimento per il settore tecnologico

Il CES è normalmente il momento in cui le aziende tecnologiche, grandi e piccole, lanciano i loro ultimi prodotti per il prossimo anno.

All’evento del 2021, c’è stata una chiara riduzione del numero di nuovi prodotti rispetto a quello che normalmente ci aspetteremmo di vedere.

Certo, i nomi più grandi erano tutti sui titoli; I laptop aggiornati di HP , le sedie da gioco di Razer e il nuovo smartphone Galaxy S21 di Samsung hanno fatto parlare di sé in tutto il mondo.

Ma all’altra estremità della scala, le aziende di piccole e medie dimensioni spesso sembravano accontentarsi di utilizzare il CES come piattaforma per spingere i loro vecchi gadget 2020 per la seconda volta. Questo fenomeno non è nuovo, ma è stato decisamente più diffuso quest’anno.

Col senno di poi, forse questa è stata una mossa intelligente. La natura virtuale dell’evento ha reso molto più difficile per quei tipi di società superare, un problema favorito solo dalla piattaforma CES grossolanamente inefficace.

La pianificazione del CTA era scarsa

Gli organizzatori del CES, la Consumer Technology Association (CTA), hanno trascorso la maggior parte del 2020 sperando di poter condurre uno spettacolo di persona. Abbiamo perso il conto del numero di volte nel 2020 in cui qualcuno del CTA ci ha inviato un sondaggio chiedendoci se saremmo disposti a partecipare a un evento fisico.

Una volta presa la decisione di “passare al virtuale” in autunno, c’è stato pochissimo tempo per l’organizzazione del CTA o per i numerosi espositori e venditori.

Il risultato è stato un sacco di cabine virtuali con poco più di un video di YouTube e un comunicato stampa di una pagina e un’interfaccia utente del portale che era tristemente priva di strumenti, informazioni e facilità d’uso.

Copertura mediatica subita

muo ces - Perché Virtual CES è stato un enorme fallimento per il settore tecnologico

Se sei un fanatico delle notizie tecnologiche che segue religiosamente gli ultimi avvenimenti al CES ogni gennaio, sarebbe stato difficile non notare un massiccio calo della quantità di copertura CES nel 2021 .

Tre cose hanno contribuito al declino. In primo luogo, la natura virtuale dell’evento ha significato che un minor numero di giornalisti ha coperto l’evento in generale.

In secondo luogo, non sono stati effettuati test pratici. In qualità di reporter tecnico, la possibilità di fare esperienza pratica con un dispositivo o un’app durante il CES è essenziale. È così che possiamo fornire più valore ai lettori, nonché verificare in modo indipendente le affermazioni spesso grandiose dei produttori su caratteristiche e qualità. Ovviamente, significava anche che non potevamo portarti la solita serie di video, foto e copertura sui social media che ti aspetteresti di vedere da tali eventi.

Infine, l’assenza di un piano espositivo fisico ha reso difficile imbattersi nelle gemme nascoste che illuminano il CES ogni anno. Anche in questo caso, era un problema aggravato solo dalla piattaforma CES inadeguata.

La piattaforma CES era terribile

Alla base di tante delle carenze del CES 2021 c’era la piattaforma online.

Quando abbiamo partecipato all’evento IFA virtuale nel settembre 2020 , anche la piattaforma era scarsa. Ma IFA è molto più piccolo e ha avuto molto meno tempo per prepararsi. Il CES non aveva scuse. Le menti più grandi e brillanti della tecnologia erano tutte a disposizione per aiutare, eppure era pieno di problemi di usabilità.

Ad esempio, durante la scansione della directory degli espositori, non c’erano informazioni oltre al logo dell’azienda. Non si poteva dire in che campo si trovava un’azienda, quali prodotti stava presentando, con quali rappresentanti dell’azienda erano disponibili a parlare o qualsiasi altra cosa utile. Dovevi fare clic su ogni cabina individualmente per imparare qualcosa. Quando ci sono 2.000 fornitori in mostra, il processo diventa obsoleto molto rapidamente.

Allo stesso modo, i filtri e le funzioni di ricerca erano mal pianificati. I filtri della directory degli espositori, ad esempio, utilizzavano la logica booleana di OR anziché di AND, il che significa che era completamente impossibile perfezionare gli elenchi di espositori in modo significativo.

Persino la tecnologia stessa sembrava lottare sotto il peso degli utenti: i tempi di caricamento erano spesso lunghi e le presentazioni video erano nervose. Entrambi i problemi erano facilmente evitabili con più risorse.

Nei giorni successivi all’evento, sempre più venditori, espositori e società di media hanno espresso la loro delusione. In effetti, dozzine di piccoli venditori hanno affermato di aver contato il numero totale di visitatori nei tre giorni dell’evento nelle decine; normalmente sarebbe in migliaia.

Sono emersi aspetti positivi dal CES 2021?

Finiamo con un paio di note positive.

Innanzitutto, un saluto alle persone che lavorano nel settore delle PR tecnologiche. Per le persone di pubbliche relazioni, contattare i media può essere un compito ingrato nel migliore dei casi. In un evento virtuale, in cui così tanto è costretto a essere incanalato tramite e-mail e posta in arrivo di LinkedIn, il lavoro è molto più difficile. Ma tutte le persone di pubbliche relazioni con cui abbiamo avuto a che fare sono state veloci nel rispondere e spesso hanno fornito informazioni più utili rispetto agli stessi stand del CES.

E merito ai team dietro Pepcom, Showstoppers e Techfluence, i tre principali eventi marginali solo per i media. Sebbene le interfacce dei loro portali sembrassero tutte un po ‘datate, gli espositori sembravano molto più impegnati che al CES vero e proprio, portando a un’esperienza più preziosa.

Il CES sarà di nuovo un evento fisico nel 2022?

Non abbiamo una sfera di cristallo, ma il CTA ha confermato che intende tornare a Las Vegas e tenere un evento di persona nel 2022. La data ufficiale è dal 5 gennaio all’8 gennaio.

Se l’implementazione globale del vaccino COVID procede come tutti speriamo, ci sono buone probabilità che il 2021 finisca per essere l’unico CES virtuale con cui dobbiamo affrontare. Forse è meglio se lo spazziamo insieme sotto il tappeto e lo dimentichiamo.

Assicurati di farci sapere su Twitter cosa ne pensi del CES virtuale, insieme alla nostra copertura.