Questo “cerotto intelligente” sa quando applicare la medicina alle ferite

0331smartbandage title - Questo “cerotto intelligente” sa quando applicare la medicina alle ferite

Uno dei modi più comuni per curare le ferite sulla pelle è usare medicazioni (garze, batuffoli di cotone, cerotti, ecc. sono tutte medicazioni) e gli antibiotici sono solitamente usati per prevenire l’infezione della ferita e consentirle di guarire non appena possibile.

Tuttavia, alcune ferite non necessitano effettivamente di antibiotici e lo spreco di antibiotici non solo porta al trattamento eccessivo delle ferite, ma porta anche all’emergere di batteri multiresistenti, che è diventato un problema non trascurabile nell’assistenza sanitaria globale. Sotto medicazioni opache, è anche impossibile sapere quanto bene la ferita stia guarendo.

0331smartbandage - Questo “cerotto intelligente” sa quando applicare la medicina alle ferite

▲ Immagine da: Unsplash

Per risolvere questi problemi, un team interdisciplinare guidato da Ren Qun e Pan Fei, due laboratori Empa Biointerfaces and Biomimetic Membranes and Textiles a San Gallo, in Svizzera, ha sviluppato uno “smart dressing” e ha pubblicato i risultati della ricerca sulla rivista In ACS Materiali Bio applicati.

L’aspetto “intelligente” di questa medicazione è che rilascia automaticamente i farmaci per il trattamento quando la ferita ne ha bisogno.

0331smartbandage 2 - Questo “cerotto intelligente” sa quando applicare la medicina alle ferite

▲ Foto da: Empa

I ricercatori hanno progettato e fabbricato una membrana nanofibrosa e, sulla base di essa, hanno sviluppato un materiale composito contenente vari componenti tra cui PMMA (polimetilmetacrilato) ed Eudragit.

Durante l’esperimento, il team di ricerca ha incapsulato l’octenidina, un disinfettante che agisce rapidamente contro batteri, funghi e alcuni virus e può essere utilizzato nel settore sanitario per disinfettare la pelle, le mucose e le ferite in nanofibre. Quindi, come puoi farlo funzionare al momento giusto?

0331smartbandage 3 - Questo “cerotto intelligente” sa quando applicare la medicina alle ferite

▲ Foto da: Empa

La realizzazione della medicazione “intelligente” è proprio quella di permettere alla medicazione di rispondere agli stimoli dell’ambiente, e questo ambiente è la ferita.

Se la ferita non è anormale, sarà nel normale intervallo di temperatura della pelle. Ma quando la ferita è infetta e infiammata, la temperatura aumenterà e la “medicazione intelligente” cambierà forma in base al cambiamento di temperatura.

0331smartbandage 4 - Questo “cerotto intelligente” sa quando applicare la medicina alle ferite

▲ Immagine tratta da: ACS Applied Bio Materials

L’”interruttore di temperatura” che determina la variazione è di 37 ºC. A temperature cutanee normali, le medicazioni realizzate con questo materiale composito sono allo stato solido. Quando la ferita si infiamma e la temperatura sale a circa 37 ºC, la medicazione si ammorbidisce e l’octenidina “nascosta” all’interno viene rilasciata.

Dopo che la ferita è stata trattata, la temperatura della pelle diminuirà, a quel punto la medicazione passerà da uno stato più morbido a uno più solido. Dopo gli esperimenti, il processo di rilascio del farmaco dalla “vestizione intelligente” può essere ripetuto fino a cinque volte.

0331smartbandage 5 - Questo “cerotto intelligente” sa quando applicare la medicina alle ferite

▲ Immagine tratta da: ACS Applied Bio Materials

Non c’è dubbio che questa “medicazione intelligente” ha molti vantaggi rispetto alle comuni medicazioni attuali: può decidere se rilasciare farmaci in base allo stato della ferita, il che significa che gli antibiotici verranno “usati al limite”, evitando così stato abusato. Ed è riutilizzabile e non richiede un trattamento frequente delle ferite.

Tuttavia, l’Empa ha condotto solo alcune prove preliminari delle medicazioni realizzate con questo materiale composito e, sebbene abbia dimostrato la sua fattibilità, c’è ancora molto da migliorare. Ad esempio, la “messa a punto” che i ricercatori stanno attualmente cercando di ottenere è auspicabile che la differenza di temperatura della “vestizione intelligente” possa essere controllata entro un piccolo intervallo, invece di raggiungere i quattro o cinque gradi.

0331smartbandage 6 - Questo “cerotto intelligente” sa quando applicare la medicina alle ferite

▲ Foto da: Empa

Infatti, qualche anno fa, un gruppo di ricerca della Tufts University nel Massachusetts ha sviluppato anche una “bendaggio intelligente”, spesso solo 3 mm, composto da nastro medico trasparente, gel antibiotico termoattivato e componenti elettronici flessibili.

Il “bendaggio intelligente” utilizza sensori che misurano il pH o la temperatura della ferita per determinare se si è verificata un’infezione. Se c’è un’infezione, attiva un elemento riscaldante integrato nella benda per aumentare la temperatura del gel e rilasciare più antibiotici nella ferita Attualmente questa ricerca è ancora in fase sperimentale.

0331smartbandage 7 - Questo “cerotto intelligente” sa quando applicare la medicina alle ferite

▲ Foto da: Tufts University

È necessario curare e prevenire l’abuso di antibiotici e il trattamento delle ferite non è un compito facile. Si spera che queste “medicazioni intelligenti” vengano ampiamente utilizzate il prima possibile e, anche se purtroppo sono ferite, la ferita può essere trattata “intelligente”.

end - Questo “cerotto intelligente” sa quando applicare la medicina alle ferite

#Benvenuto a prestare attenzione all’account WeChat ufficiale di Aifaner: Aifaner (WeChat: ifanr), contenuti più eccitanti ti verranno forniti il ​​prima possibile.

Love Faner | Link originale · Visualizza commenti · Sina Weibo