Da Crystal a Kimmel, questi sono gli ospiti degli Oscar più memorabili di tutti i tempi

Jimmy Kimmel | migliori host peggiori oscar
Getty Images

Nel corso delle 92 cerimonie degli Academy Awards che si sono svolte dal 1929, un totale di 76 persone hanno servito come ospite. Molti hanno ospitato da soli, mentre altri hanno ospitato insieme ad altri attori, musicisti o altre personalità di Hollywood. I primi ospiti in assoluto sono stati Douglas Fairbanks e William C. DeMille, che hanno ospitato insieme nel 1929. Bob Hope ha ospitato la cerimonia per 19 volte scioccanti. Agnes Moorehead ha l’onore di essere la prima co-conduttrice donna nel 1948, mentre Whoopie Goldberg è stata la prima donna a fare da solista nel 1993. Che si tratti di performance fantastiche o di momenti virali, ogni conduttrice ha lasciato il suo segno. Con questo in mente, ecco la nostra lista degli ospiti degli Oscar più memorabili di sempre.

Bob Hope (1940-1943, 1945-1946, 1953, 1955, 1958-1962, 1965-1968, 1975, 1978)

Questa icona di Hollywood ha ospitato le cerimonie più di chiunque altro, a volte con i co-conduttori ma spesso da solo. Rimane il gold standard per quello che dovrebbe essere un host. Nel 1966, durante la 38a edizione degli Academy Awards, l’ Accademia consegnò a Hope una medaglia d’oro , un meritato onore, per il suo “servizio unico e distinto all’industria” e all’Accademia.

David Niven (1958-1959, 1974)

Molto prima che Will Ferrell diventasse una serie televisiva nel film Old School del 2003, Niven affrontò il suo incidente di serie nel 1974 durante il suo ultimo dei tre concerti. Mentre stava presentando Elizabeth Taylor, un uomo è arrivato sul palco nudo. Fedele allo stile equilibrato e disinvolto di Niven, l’attore britannico ha gestito la situazione con eleganza . “Non è affascinante pensare”, ha detto dopo aver fatto qualche risatina, “che probabilmente l’unica risata che un uomo avrà mai nella sua vita sarà spogliarsi e mostrare i suoi difetti?” Il momento è diventato uno dei più memorabili di sempre per gli Oscar, in parte a causa dell’incidente, ma anche a causa dell’arguzia di Niven.

Johnny Carson (1979-1982, 1984)

Non sorprende che a Carson sia stato chiesto di tornare a ospitare più volte, anche quattro volte di seguito. Come previsto per il consumato presentatore di talk show a tarda notte, ha fornito una performance solida ogni volta, sapendo esattamente come bilanciare la sua consegna per generare risate e intrattenimento. “Vedo molti volti nuovi qui”, ha detto durante l’evento di un anno, “soprattutto sui vecchi volti”. Alcuni dicono che Hope è l’uomo da battere quando si tratta del miglior ospite degli Oscar di tutti i tempi, ma altri credono che la distinzione appartenga altrettanto a Carson.

Billy Crystal (1990-1993, 1997-1998, 2000, 2004, 2012)

Mentre Carson e Hope sono leggende, negli ultimi anni Crystal è diventata quasi sinonimo degli Oscar, avendo ospitato un totale di nove volte. Anche se le sue apparizioni successive potrebbero non essere state all’altezza dei suoi primi giorni, hanno sempre ricevuto elogi critici; ha anche ricevuto diversi Emmy per aver ospitato e scritto per lo spettacolo. Crystal ha guadagnato elogi per le sue sequenze di apertura sempre esilaranti in cui si inserisce in un montaggio video e musicale che rende omaggio ai film nominati.

Jimmy Kimmel (2017, 2018)

In qualità di conduttore più recente, Kimmel ha dimostrato la sua arguzia lanciando divertenti gag, come invitare i turisti a teatro , con loro grande shock e stupore. Detto questo, forse ciò che ha reso il suo tempo sul palco più memorabile è stato quando il vincitore del miglior film sbagliato è stato nominato alla fine delle cerimonie del 2017, cogliendolo di sorpresa. Ma difficilmente possiamo biasimarlo per quello, e non dimenticheremo mai quel momento.

Ellen DeGeneres (2007, 2014)

Mentre alcune delle sue battute potrebbero essere cadute piatte, e alcune gag hanno lasciato gli spettatori perplessi (ordinare la pizza per gli ospiti?), DeGeneres è diventata una delle presentatrici più memorabili per un motivo specifico: organizzare un selfie costellato di stelle. Quella foto di #oscarselfie, scattata da Bradley Cooper e inclusi altri attori di prima fila come Julia Roberts, Brad Pitt, Meryl Streep e Jennifer Lawrence, insieme alla stessa DeGeneres, ha letteralmente rotto Twitter. È diventata l’immagine più ritwittata di sempre , raccogliendo complessivamente oltre 3,3 milioni di retweet.

Whoopi Goldberg (1994, 1996, 1999, 2002)

Come prima donna ad ospitare le cerimonie da sola, Goldberg ha mostrato perché meritava di essere sul palco. Oltre al suo fantastico tempismo comico e alla sua sensibilità stravagante, ha anche riconosciuto quando attenuare la commedia, specialmente durante la sua prima partecipazione, quando il potente film Schindler’s List ha vinto il miglior film. D’altro canto, Goldberg non aveva nemmeno paura di essere eccentrico e di fare il possibile per farsi ridere.

Seth MacFarlane (2013)

Probabilmente uno dei conduttori più polarizzanti, MacFarlane è uno di quei funnymen il cui stile o ami o odi, e questo si è tradotto in Oscar. Il suo umorismo “crudo” è stato un successo con alcuni spettatori e membri del pubblico, ma un errore con altri. La sua canzone di apertura tributo alle attrici che erano apparse in topless nei film intitolato “We Saw Your Boobs!” è stato definito uno dei più memorabili passi falsi nella storia degli Oscar da Vanity Fair. Ma nonostante alcuni non fossero d’accordo con il suo marchio di umorismo, le valutazioni quell’anno erano più alte di quelle che l’Academy aveva visto dal 2010.

Hugh Jackman (2009)

Un altro conduttore polarizzante, Jackman ha preso il concerto in una direzione unica, concentrandosi maggiormente sul canto e sulla danza rispetto a qualsiasi altro presentatore prima di lui. Alcuni spettatori lo adoravano, mentre altri pensavano che uno stile del genere dovesse essere riservato invece ai Tony Awards. Qualunque sia la tua impressione, l’introduzione di un giovane attore azzimato che è anche incline alla musica ha portato a un evento molto apprezzato. Il suo tributo musicale di apertura ai film nominati ha ricevuto più di 16 milioni di visualizzazioni su YouTube.

Anne Hathaway e James Franco (2011)

Era quasi troppo difficile da guardare. Mentre Franco era a malapena presente, in piedi con gli occhi da cerbiatto come se preferisse essere altrove che su quel palco, Hathaway compensò eccessivamente l’essere troppo animato ed eccitato. Con battute che sono cadute piatte e zero chimica, passano alla storia come la peggiore e più strana coppia di conduttori di Oscar di sempre. Tuttavia, li stiamo portando qui, quindi forse hanno avuto più successo di quanto pensassimo?

Neil Patrick Harris (2015)

Harris deve averlo buttato fuori dal parco, giusto? Sembra nato per essere un ospite, con un sorriso assassino, un ottimo tempismo comico, talenti musicali e un lungo curriculum di hosting. Ma Harris purtroppo non è stato all’altezza delle aspettative. Insieme alle sue battute che affrontano la controversia #OscarsSoWhite sui mancati totali, una gag ricorrente durante la trasmissione su una misteriosa teca di vetro di false buste degli Oscar non sembrava mai ripagare.

Steve Martin e Alec Baldwin (2010)

Un perfetto esempio di come due cose buone non siano necessariamente migliori insieme, Steve Martin e Alec Baldwin sono entrambi esilaranti a pieno titolo, ma per qualche motivo, come co-conduttori, l’alchimia non c’era. Nonostante abbia ospitato con successo nel 2001 e nel 2003 da solo, quando Martin è stato accoppiato con Baldwin, la magia era svanita. Molti hanno criticato la loro mancanza di tempismo comico .

Chris Rock (2005, 2016)

Rock ha fatto un ottimo lavoro portando l’attenzione sulla controversia #OscarsSoWhite quando ha ospitato per la seconda volta nel 2016, con un memorabile monologo di apertura di 10 minuti che ha toccato questioni serie con umorismo. “Quest’anno”, ha scherzato, “il pacchetto In Memoriam, saranno solo persone di colore che sono state uccise dalla polizia mentre andavano al cinema.” Sembrava che ogni battuta o battuta affrontasse la questione del razzismo con una dose ironica di umorismo, e considerando che il suo dovere non ufficiale era quello di combattere la questione #OscarsSoWhite, ha sicuramente raggiunto il suo obiettivo.

Sapevi che hanno ospitato?

Tra i tanti ospiti degli Oscar nel corso degli anni, ce ne sono stati alcuni sorprendenti. Donald Duck ha co-ospitato una volta, apparendo solo nel film insieme a Hope, Niven, James Stewart, Jack Lemmon e Rosalind Russell. Il crooner Frank Sinatra ha ospitato due volte: una nel 1963 da solo e una seconda volta nel 1975 insieme a Sammy Davis Jr., Hope e Shirley MacLaine.

Alcune attrici di serie A che hanno indossato il cappello da ospite includono Jane Fonda (nel 1977 con Warren Beatty, Ellen Burstyn e Richard Pryor, poi di nuovo nel 1986 con Alan Alda e Robin Williams), Liza Minnelli (nel 1983 con Dudley Moore, Pryor e Walter Matthau) e Goldie Hawn (nel 1976 con Gene Kelly, Matthau, George Segal e Robert Shaw, poi di nuovo nel 1987 con Chevy Chase e Paul Hogan).

Kimmel non è l’unico presentatore di talk show a tarda notte ad essere salito sul palco dopo Carson: nel 1995, David Letterman è stato ospite delle cerimonie.