È in parte drone, in parte aereo e si è diretto verso i cieli nel 2025

Alle nove e mezza di sera, un giorno altrimenti anonimo del novembre 1954, un uomo belga di nome Roelants stava andando in bicicletta nel villaggio di Dudzele, nelle Fiandre occidentali. Mentre passava davanti a una latteria, vide una luce brillante scendere rapidamente dal cielo. Mentre si avvicinava in bicicletta, la luce – che ora si rese conto era una specie di oggetto volante – si alzò verticalmente nel cielo e poi, improvvisamente, passò a una modalità di volo orizzontale e decollò ad alta velocità come un jet. L’intero incidente, che si è svolto in pochi secondi, è stato completamente silenzioso.

AutoFlight Prosperity 1 che vola nel cielo.
Volo automatico

La storia di Roelants – uno dei tanti, molti rapporti simili descritti nel corso degli anni – conteneva molti dei tratti distintivi dell’avvistamento del disco volante non identificato. Di solito si presumeva che questi veicoli molto ipotizzati fossero ultraterreni per il motivo principale che, in parole povere, i veri aerei terrestri non volano in quel modo.

Almeno, non l’hanno fatto.

Nel gennaio 2022, nella provincia cinese di JiangSu, un team di ingegneri di ricerca e sviluppo, dirigenti assortiti e altri della compagnia di aerotaxi AutoFlight si sono riuniti per assistere all’ascesa del drone Prosperity I. (No, non è a forma di piattino, ma il suo movimento insolito è ancora abbastanza probabile da spaventare lo strano ciclista degli anni ’50.)

A comando, il velivolo elettrico a decollo e atterraggio verticale (eVTOL) telecomandato, simile a un elicottero combinato, un aeroplano leggero e un drone a otto rotori, si è sollevato verticalmente in aria fino a raggiungere un’altezza di circa 500 piedi. Quando raggiunse questa quota, passò a una modalità di volo simile a un aeroplano; i rotori in alto smisero di girare e si bloccarono in posizione, mentre le eliche posteriori iniziarono a spingere l’aereo in avanti come un tradizionale aereo ad ala fissa. Ha quindi iniziato a viaggiare in orizzontale a velocità fino a 123 mph, prima di atterrare senza intoppi, ancora una volta in modalità verticale. Il test proof-of-concept, che mostra questa insolita forma di locomozione in azione, è stato considerato un successo travolgente.

“Per i nostri voli da crociera, non stiamo volando come un drone – come ti aspetteresti – con le eliche”, ha detto a Digital Trends Mark Henning, amministratore delegato europeo di AutoFlight, ex Airbus. “Abbiamo una vera ala, necessaria per un volo efficiente. Significa che [la nostra imbarcazione vola] aerodinamicamente. Il passaggio tra i voli verticali e quella che chiamiamo fase ad ala fissa è, dal punto di vista meccanico del volo, qualcosa di estremamente interessante. Questo è qualcosa che non troppe aziende hanno imparato. … Pensiamo che valga la pena dirlo al mondo”.

Naturalmente, una cosa è dire al mondo di qualche grande potenziale svolta nel trasporto aereo. È un altro da consegnare su di esso. Il test JiangSu è stato una consegna, almeno in parte.

L’evoluzione dei trasporti

Un rendering di Prosperity I di AutoFlight sorvolando Londra.
Volo automatico

Come per qualsiasi altra cosa sul nostro pianeta, il trasporto è in un costante stato di evoluzione. In meno di tre secoli, i nostri mezzi di trasporto quotidiani più sofisticati sono passati dal cavallo e carro al battello a vapore e locomotiva a vapore fino alle prime auto e biciclette. Oggi, il ritmo del cambiamento è continuato, sia attraverso l’avvento delle auto elettriche e dei veicoli a guida autonoma, sia attraverso l’ascesa di piattaforme di ride-hailing come Uber e Lyft.

Tuttavia, il problema con qualsiasi trasporto terrestre è, in parole povere, lo spazio, e non il tipo di cui Jeff Bezos ed Elon Musk sono ossessionati. È qui che Prosperity I (e altre compagnie di taxi aereo assortite) vogliono ripulire.

“Nelle mega città dove abbiamo situazioni di traffico molto congestionate, dove molto probabilmente il sistema di trasporto pubblico è già sovraccarico, non puoi più crescere per trasportare persone”, ha detto Henning. “Ma c’è ancora la necessità di trasportare sempre più persone perché le città [diventeranno più densamente popolate] in futuro. Allora cosa fai? Vai nella terza dimensione. Voli.”

Questa è la stessa traiettoria seguita dagli architetti quando hanno iniziato a creare grattacieli alla fine del 1800, e sul serio, durante il ventesimo secolo. È anche la stessa traiettoria seguita oggi da alcuni progettisti di chip, che credono che la chiave per mantenere viva la legge di Moore sia usare l’asse z dei chip per inserire più transistor come se fossero edifici a più piani.

L’idea di offrire taxi aerei non è un’idea del tutto nuova. Ci sono altre aziende che stanno esplorando questa idea quando si tratta di droni elettrici. E ormai da anni, elicotteri privati ​​sono stati utilizzati per traghettare l’uno per cento verso i loro uffici rivestiti di marmo mentre il resto di noi è nel traffico. Ma questo non è un mezzo di trasporto accessibile per la maggior parte delle persone.

Un ritratto dell'amministratore delegato europeo di AutoFlight, Mark Robert Henning.
L’amministratore delegato europeo di AutoFlight, Mark Robert Henning. Volo automatico

Gli elicotteri sono costosi da gestire, complessi da usare e fanno molto rumore. Un dirigente di Goldman Sachs potrebbe usarne uno per raggiungere l’ufficio più velocemente, ma probabilmente non si stanno godendo un viaggio particolarmente zen con un tranquillo tempo di riflessione in arrivo. Prosperity I, invece, promette di essere tranquillo. Henning, che vive in Germania, dice che sarà “silenzioso come un’automobile che viaggia in autostrada”.

Anche se non avrebbe offerto un livello di rumore preciso in termini di decibel, ha detto: “L’idea è che puoi sederti sull’aereo e puoi parlare mentre stiamo parlando ora”. (Nota: non ci stavamo urlando a vicenda in quel momento.)

“Volare con questo tipo di aereo, come Prosperity I, sarà anche [molto] conveniente”, ha affermato. “Abbiamo un design semplice e utilizziamo l’elettricità, non motori a combustione o ingranaggi complessi o trasmissioni come negli elicotteri. Tutto ciò si traduce in costi operativi molto bassi e i bassi costi operativi si traducono in prezzi bassi per i clienti finali”.

Ancora una volta, i prezzi devono ancora essere annunciati, ma la società afferma che si aspetta che un viaggio che richiede ore in auto possa essere ridotto a circa 10 minuti “senza essere meno sicuro o più costoso di una corsa in taxi in auto”.

Il veicolo stesso può trasportare fino a quattro persone, incluso un pilota di sicurezza. A pieno carico, secondo quanto riferito peserà poco più di 3.300 libbre e offrirà velocità di un massimo di 200 mph su una gamma di 155 miglia.

Prossimamente in uno spazio aereo vicino a te?

Un rendering di Prosperity I di AutoFlight che sorvola lo skyline di New York.
Volo automatico

AutoFlight sta attualmente prendendo di mira i voli commerciali per il 2025. Tuttavia, se riuscirà a raggiungere questo obiettivo ambizioso è il vero “aspetta e vedrai”. La demo della provincia di JiangSu è estremamente promettente, ma c’è ancora molta strada da fare.

Henning indica tre pilastri che devono essere completati affinché questo obiettivo possa essere raggiunto. Uno è il problema tecnologico della costruzione di un Prosperity I completamente certificato e completato. Il secondo è lo sviluppo delle necessarie infrastrutture a terra. Ciò equivale a creare una solida rete di porti di ricarica per le auto elettriche, ma, in questo caso, è la costruzione di porti di decollo e atterraggio sufficienti per ospitare la flotta proposta.

Il terzo è la legislazione sulla gestione del traffico. “Avremo molti aerei – e molto deve essere quantificato, ovviamente – ma avrai molti aerei in un piccolo spazio aereo”, ha detto Henning. “Devono essere gestiti in modo agile e molto, molto sicuro in modo da poterli sorvolare sulle città all’interno degli ambienti urbani”.

Se tutti e tre i pilastri possono essere eretti contemporaneamente, il futuro sembra roseo per Prosperity I.

“Ovviamente, hai bisogno di agenzie governative innovative che dicano: ‘Sì, voglio consentire e voglio abilitare questo tipo di operazioni, specialmente nelle aree congestionate delle città, perché è lì che ne abbiamo bisogno”, ha continuato. “E sì, consentiremo [la costruzione di] VertiPorts.”

Ha notato che si aspetta che Singapore sia uno dei primi ad adottare la tecnologia, mentre Londra nel Regno Unito servirà probabilmente da proof-of-concept per il resto d’Europa.

autoflight prosperity i - È in parte drone, in parte aereo e si è diretto verso i cieli nel 2025
Volo automatico

“Spero che negli Stati Uniti avremo una certa accelerazione, perché anche lì abbiamo situazioni di traffico terribili”, ha detto. “Non abbiamo un sistema di trasporto pubblico adeguato, niente di niente.”

AutoFlight è, come accennato, tutt’altro che l’unica azienda che lancia il cappello sul ring eVTOL. In effetti, è un relativamente nuovo arrivato, ma ha molto da offrire a suo favore. Tanto per cominciare, è evidentemente fatto abbastanza per attirare talenti come Henning (“Questa è stata un’opportunità irripetibile, onestamente.”), e ha anche un notevole finanziamento dietro, incluso un recente investimento di 100 milioni di dollari dal prossimo l’investitore di mobilità di generazione Team Global. Se può continuare a basarsi sul suo approccio innovativo in modalità di transizione di volo, potrebbe avere un brillante futuro davanti a sé.

I grandi vincitori in questo campo di viaggio di nuova generazione devono ancora essere rivelati. Tuttavia, AutoFlight sta sicuramente facendo un buon lavoro nel creare un ronzio. E basandosi sul fatto che ha chiamato il suo taxi aereo Prosperity, crede chiaramente di avere un vincitore.

Se non vuoi che i lunghi spostamenti di traffico bloccato tornino presto, potrebbe essere solo un’azienda per cui vale la pena fare il tifo.