Intervista: Come Kimi è diventato il perfetto thriller pandemico

A volte un film esce al momento giusto. Che sia dovuto a un’attenta pianificazione o a una coincidenza, viene presentato in anteprima in un momento in cui i suoi temi risuonano in un modo che rende particolarmente vero il vecchio adagio sull’arte che imita la vita.

È il caso di Kimi , il thriller in stile La finestra sul cortile di Steven Soderbergh su una donna che crede di aver scoperto le prove di un crimine brutale, ma non riesce a farle credere a nessuno.

Il film vede Zoë Kravitz nei panni di Angela Childs, una dipendente agorafobica di un’azienda tecnologica specializzata in assistenti “intelligenti” basati sull’intelligenza artificiale simili ai sistemi Alexa di Amazon e Siri di Apple , che trascorre le sue giornate ascoltando frammenti di audio anonimo degli assistenti “Kimi” gli algoritmi non sono stati in grado di dare un senso. Quando incontra una registrazione di quella che sembra essere un’aggressione, è costretta ad affrontare il trauma passato e la sua paura di ciò che si nasconde fuori dalla porta del suo appartamento per portare le prove all’attenzione delle autorità – e questo è solo l’inizio della sua prova.

Steven Soderbergh dirige Zoe Kravitz in una scena di Kimi.

L’arte incontra la vita pandemica

In un momento in cui le protezioni della privacy digitale sono messe alla prova dall’ubiquità della tecnologia “always-on” e una pandemia ha costretto tutti noi a confrontarci con gli effetti di un isolamento prolungato, la storia che si svolge in Kimi spesso sembra scomodamente familiare.

“Se la sceneggiatura avesse incontrato il mio percorso un paio di anni fa, avrei dovuto usare molta più immaginazione”, ha detto Kravitz a Digital Trends della sua esperienza nel ruolo di una donna il cui mondo si è ridotto alle dimensioni del suo appartamento di Seattle . “[Avevo appena trascorso sei mesi] da solo con il computer di casa mia. E come tutti noi, mi ha reso strano. Sono diventato strano, sai? Quindi è stata una cosa davvero interessante da esplorare, e ancora di più a causa dello sfortunato stato del mondo”.

Eppure, secondo Soderbergh, la capacità del pubblico di relazionarsi con il senso di isolamento provato a tal punto dai personaggi del film non faceva parte del piano iniziale di Kimi , ideato dallo sceneggiatore David Koepp ( Jurassic Park ) ben prima la pandemia di COVID-19 ha rimodellato il nostro modo di interagire con il mondo che ci circonda.

“La premessa che David mi ha proposto era pre-COVID e la storia funziona senza di essa, ma funziona ancora meglio con essa”, ha spiegato Soderbergh. “L’abbiamo ereditato senza chiedere.”

Kimi (2022)

Kimi
icon rotten tomatoes - Intervista: Come Kimi è diventato il perfetto thriller pandemico
89%
icon metacritic - Intervista: Come Kimi è diventato il perfetto thriller pandemico
77 %
r 89m
genere thriller
Protagonisti Zoë Kravitz, Byron Bowers, Jaime Camil
Regia di Steven Soderbergh

 

E proprio come abbiamo visto più e più volte nel mondo reale, anche a Kimi ognuno trova modi diversi per affrontare l’isolamento. Mentre alcuni tentano di vivere la vita come al solito, andando a cena fuori e vivendo la propria vita come se la pandemia non esistesse, altri – come Angela, per esempio – trovano conforto nella convalida della loro natura solitaria fornita dalle restrizioni pandemiche.

“Per la maggior parte di noi, il blocco è stata una vera lotta psicologica”, ha affermato Soderbergh. “Ma per Angela non poteva chiedere scusa migliore per non uscire di casa. È una delle poche persone in quella città a cui va benissimo non lasciare mai il suo appartamento. Quindi si è rivelata solo questa strana collisione tra l’idea e il mondo reale. E ha migliorato [la storia], fortunatamente”.

Tuttavia, non sapere dove stessero andando le cose nel mondo tra il momento in cui Kimi è stato girato e l’eventuale data di uscita del film ha creato alcune domande aggiuntive, ha ammesso.

Se la pandemia stesse svanendo quando Kimi fosse disponibile per il pubblico, vorrebbe ricordare loro le restrizioni e l’isolamento? Fare troppo affidamento sugli elementi della storia ispirati alla pandemia impedirebbe al film di entrare in contatto con il pubblico post-COVID? Questa è stata la “parte difficile”, secondo Soderbergh, che ha indicato che non c’era carenza di deliberazione e discussione quando si trattava di stabilire come i vari elementi che cospiravano per tenere le persone al chiuso nel film, comprese sia la pandemia che le proteste in tutta la città, sarebbero equilibrio alla fine.

Zoe Kravitz cammina per una strada mentre è mascherata in una scena di Kimi.

La tecnologia è andata storta

Un tema che Soderbergh non si è astenuto dall’enfatizzare in Kimi , tuttavia, è il confine che si sta rapidamente sfumando tra la nostra privacy personale e la tecnologia su cui dipendiamo sempre più nella nostra vita quotidiana.

Per tutto il film, Angela si affida al suo assistente “Kimi” per accendere le luci, effettuare chiamate e fare molte delle cose che molti di noi usano i nostri dispositivi Siri o Alexa per gestire. Il fatto che la stessa tecnologia venga utilizzata in caso di emergenza per registrare un crimine, quindi utilizzata in modo più sinistro per nascondere potenzialmente le prove di quel crimine, offre un promemoria sia dei vantaggi che dei pericoli posti dalla tecnologia.

Date tutte le conversazioni in corso a vari livelli di governo e nei media sul modo in cui Amazon, Apple, Google e altri creatori di assistenti “always-on” guidati dall’intelligenza artificiale gestiscono il contenuto audio (e persino video), registrano entrambi attivamente e passivamente, questi particolari punti della trama in Kimi risuonano ora in modi che potevano sembrare inverosimili solo pochi anni fa.

“Sono sempre stato un po’ diffidente nei confronti della tecnologia”, ha detto Kravitz quando gli è stato chiesto se il suo rapporto con la tecnologia è cambiato dalle riprese di Kimi . “Sono la persona che ha un cerotto sulla fotocamera del mio computer e non uso Siri. Non ho un’Alexa. […Ma] penso che questo sia il motivo per cui ero così incuriosito da questa storia, perché viviamo davvero in questo tipo di età del Grande Fratello, ed è diventato così normale. [Questa storia] è come ciò che Jaws ha fatto con l’acqua: trasforma qualcosa che tutti conosciamo, amiamo e sperimentiamo in qualcosa di spaventoso. Questi sono i tipi più spaventosi di thriller. Può succedere a chiunque di noi. Non è l’apocalisse zombie. Questa è una cosa molto reale, e penso che sia per questo che è così inquietante”.

Zoe Kravitz lavora al computer in una scena di Kimi.

Soderbergh dice che spera che il film ispiri conversazioni su quanto accesso diamo alla tecnologia nelle nostre vite, nonché sui modi migliori per utilizzare la tecnologia e il software che già abbiamo, del resto,

“Mi chiedo fino a che punto andrà”, ha spiegato. “Qual è il prossimo passo? Hai un dispositivo di ascolto che può dire dal timbro della voce di qualcuno che sta per esserci un’aggressione, o è una situazione abusiva basata sulla firma di uno schema vocale. Puoi farlo ora. La domanda è, qualcuno lo farà? Se quella fosse un’impostazione sulla tua versione di Kimi – quella “Modalità d’assalto” in cui, se sente una certa escalation nel tono di una voce, come un rilevatore di fumo, chiama qualcuno o invia un ping – dovrebbe succedere? Perché ora puoi farlo”.

“Sta diventando molto Minority Report “, ha detto Kravitz, aggiungendo che tutti gli eventi sinistri che si sono verificati attorno al suo personaggio l’hanno effettivamente fatta sentire meglio riguardo ad alcune delle decisioni che stava già prendendo nel mondo reale.

“È stato confortante per me perché [inizialmente] mi sentivo paranoica per aver spento il telefono o aver messo il cerotto sulla mia fotocamera e cose del genere”, ha detto a Digital Trends. “[Ma] mi sono reso conto, ‘No, è quello che dovrei fare e non sono una persona pazza per farlo’”.

Kimi di Steven Soderbergh è ora disponibile sul servizio di streaming HBO Max.