L’ammiraglia dell’imaging Android, pronta per lo standard di un pollice

All’inizio di quest’anno, tra le nuove macchine equipaggiate con la piattaforma mobile Qualcomm Snapdragon 8 Gen1, abbiamo riscontrato che i principali produttori hanno iniziato a sbilanciare la regolazione e l’algoritmo nell’immagine, mentre la parte hardware appartenente al campo ottico tradizionale non ne aveva impilamento radicale, ma invece molto più piccolo di prima.

▲ Realme GT2 Pro con fotocamera principale IMX766

A quel tempo, abbiamo anche affermato che “le fotocamere Android non vogliono utilizzare la suola” sulla base di questo fenomeno.

La fotocamera principale IMX766 all-in-one e Xiaomi, a cui piace impilare i materiali, hanno scelto solo l’IMX707 (1/1,28 di pollice), che si sta allontanando sempre più dal limite superiore di un pollice accettato.

Allo stesso tempo, molti modelli hanno aggiunto “chip sviluppati in proprio”, come il V1+ di vivo e Mariana X di OPPO. Anche se il sensore è difficile da aprire a colpo d’occhio, le caratteristiche di queste categorie di “fotografia computazionale” sono sufficienti per rendere i produttori pieni di riconoscibilità e attualità.

Ma dopo più di sei mesi, con l’arrivo della nuova ondata di macchine alla fine dell’anno, gli Androidi che un tempo erano riluttanti a usare il “big bottom” sembrano aver iniziato a rivisitare il contesto delle dimensioni del CMOS.

“Un pollice” diventerà il fiore all’occhiello dell’immagine standard

Nella seconda metà dell’anno, Xiaomi 12S Ultra può dirsi un peccato, ridefinendo la “luce di Android”.

L’uso del sensore di immagine IMX989 da un pollice e il matrimonio con Leica hanno rimodellato il livello estetico delle immagini dei telefoni cellulari Xiaomi.

Il Mi 12S Ultra ha anche plasmato l’immagine di un’ammiraglia di imaging, rendendo la capacità di imaging di uno smartphone più simile a una “fotocamera”.

▲ Sony RX100 Black Card vs Xiaomi Mi 11 Ultra Immagine da: dpreview

Il sensore da un pollice che un tempo era esclusivo delle fotocamere digitali con scheda nera è stato applicato ai telefoni cellulari, dando al pubblico l’impressione che “i telefoni cellulari possono essere sullo stesso piano delle fotocamere”.

Si può affermare che il sensore “suola” da un pollice è una base per la percezione pubblica delle prestazioni di imaging professionale dello Xiaomi Mi 12S Ultra.

▲ Il sensore da un pollice IMX989 sul Mi 12S Ultra

Rispetto al tono e all’estetica difficili da esprimere intuitivamente, un sensore di dimensioni maggiori ha una soglia cognitiva più bassa.

Secondo la notizia, con l’emergere della nuova piattaforma mobile Snapdragon 8Gen2 di Qualcomm a novembre, le immagini di punta Android di punta di molti produttori saranno anche dotate del sensore di immagine da un pollice IMX989.

▲ L’attesissimo Qualcomm Snapdragon 8 Gen2

Insieme agli stili di regolazione di ciascuna azienda e alla benedizione dell’algoritmo dei chip auto-sviluppati, le prestazioni dell’immagine delle ammiraglie del campo Android faranno un grande balzo in avanti.

Riacquista il sensore “suola”.

Che si tratti di hardware o algoritmi o di co-branding con i produttori di immagini tradizionali, la “differenziazione” è sempre stata una ricerca dei produttori di immagini.

Differenze di immagine sufficienti diventeranno gradualmente una caratteristica invisibile del marchio, che è in qualche modo simile alle caratteristiche di imaging dei marchi di immagini tradizionali, come il “Deweier” di Leica, il blu di Zeiss, il rosso di Hasselblad e la simulazione di pellicola di Fuji, ecc.

Questi attributi, che non sono così importanti agli occhi dei fotografi professionisti, sono diventati un fattore decisivo nella percezione del pubblico. Anche il tradizionale marchio di fotocamere che si concentra sull’immagine stilizzata, ovvero la “differenziazione”, ha guadagnato un notevole favore di mercato negli ultimi anni.

Il processo di sviluppo dell’immagine dello smartphone in realtà non è come i marchi tradizionali andranno fino in fondo in termini di hardware.

All’inizio della sua nascita, le fotocamere erano strumenti di registrazione puramente professionali, le proprietà degli strumenti erano complete e lo scopo era quello di scattare foto. Tuttavia, il pubblico dell’immagine degli smartphone è in realtà il grande pubblico, ed è intenzione originale scattare bene.

Prima che la “fotografia computazionale” diventasse mainstream, gli smartphone erano simili alle fotocamere, con pixel alti, sensori della suola e altre specifiche che avrebbero portato abbastanza differenze.

▲ Marc Levoy, considerato il padre della “fotografia computazionale”

I pixel alti avranno più dettagli e l’immagine sarà più solida, mentre le prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione del sensore della suola sono più evidenti.

Con il successivo emergere della “fotografia computazionale”, un’intelligenza artificiale e algoritmi sufficientemente potenti possono persino contrattaccare un hardware migliore. Ad esempio, la singola fotocamera di Google Pixel, sotto la benedizione dell’algoritmo, è sufficiente per contrattaccare in alcuni scenari.

Se la fotografia computazionale è il limite superiore, l’hardware tradizionale è il limite inferiore.

All’inizio dell’anno, sotto i grandi passi avanti nella potenza di calcolo portati da algoritmi e chip sviluppati in proprio, e in assenza di importanti innovazioni nell’hardware (soprattutto sensori), concentrarsi sull’adeguamento degli algoritmi e dei chip sviluppati in proprio è un scelta comune per i produttori.

▲ L’iPhone 14 Pro Max che utilizza anche la “suola”

Nella seconda metà dell’anno, il successo di Xiaomi 12S Ultra e iPhone 14 Pro Max ha utilizzato anche una fotocamera principale con suola da 48 megapixel (1/1,28″). Dopo che l’algoritmo è gradualmente maturato, ho voluto continuare a differenziare e migliorare il “limite inferiore”. “È anche diventata una tendenza importante per i produttori di smartphone aggiornare in modo iterativo.

Un pollice non significa “grande”

Per le fotocamere digitali tradizionali, un pollice è solo una specifica delle dimensioni “entry” e ci sono M4/3, APS-C, full frame e così via più grandi.

▲ Diverse “telecamere” sono dotate di sensori di diverse dimensioni Immagine da: henrys.com

Sensori più grandi si tradurranno in foto più pulite, migliori prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione e migliori effetti di “sfocatura”.

Lo stesso vale per gli smartphone, tranne per il fatto che il divario di imaging tra di loro non è grande come il divario da APS-C a full frame quando è stato aggiornato dall’IMX766 da 1/1,56 pollici all’IMX989 da un pollice.

In altre parole, in un piccolo smartphone, il sensore grande non è il fattore decisivo per l’effetto immagine finale.

Ma per la percezione del pubblico, un pollice è in realtà “l’ultimo autobus a catturare la telecamera”, confondendo i confini tra telefoni cellulari e macchine per carte digitali.

Quando la fotocamera principale di uno smartphone raggiunge un’area di un pollice, lo smartphone è in un certo senso una fotocamera “professionale”.

In questo modo, un pollice su uno smartphone ha in realtà un significato simile al “full frame” che sta iniziando a diventare mainstream nelle fotocamere.

Da quando Sony ha aperto la strada all’era mirrorless (senza specchio), il full frame è diventato naturalmente una specifica popolare.

L’idea di aggiungere un po’ di soldi a un full frame e dare il via a tutto ha influenzato anche le decisioni di acquisto di molte persone.

▲ Il full frame non rappresenta tutto Immagine da: [email protected] Did It

Inoltre, il nome frame APS-C è chiamato “frame residuo” interessa anche il frame completo di lato e ha un significato più positivo.

Prima della comparsa di un pollice, la dimensione del sensore nel telefono cellulare non aveva un “punto di memoria” per il pubblico ed è stata prestata maggiore attenzione al numero di pixel.

Di conseguenza, nel processo di sviluppo delle immagini degli smartphone, c’è stato anche un percorso di “impilamento di pixel alti” e in alcuni modelli compaiono spesso anche 100 milioni e 200 milioni di pixel.

Tuttavia, il significato delle immagini degli smartphone è quello di registrare e condividere: dopo la compressione dei social network, i vantaggi delle immagini ad alto pixel che sono minimamente presenti si esauriscono.

▲ Negli ultimi anni, il miglioramento delle immagini dell’iPhone è dovuto principalmente ad alcune funzionalità facilmente percepibili dal pubblico

Al contrario, un sensore da un pollice è superiore a un elevato guadagno di pixel per casi estremi. Ma in alcune situazioni di registrazione casuali, la dimensione di un pollice non è in realtà molto diversa da una suola vicina a un pollice.

Ma proprio come il concetto di “full frame”, per gli smartphone, un pollice è diventato una soglia per la percezione del pubblico.

Forse non conoscono il vero significato di un pollice, ma stanno gradualmente influenzando alcune decisioni di acquisto e utilizzo.

Il centro dell’immagine in movimento è ancora l’onnipotenza

Il Mi 11 Ultra è dotato di un GN2 da 1/1,12 pollici, mentre il Mi 12S Ultra è un IMX989 da un pollice.

All’epoca erano entrambi i sensori di dimensioni maggiori su Android, ma le recensioni erano molto diverse.

Lo stesso è lo stoccaggio, Xiaomi Mi 12S Ultra ha anche collaborato con il tradizionale produttore di immagini Leica per ottimizzare lo stile di imaging finale, che è pieno di riconoscimento.

In effetti, è l’immagine di Xiaomi che una volta era semplice come l’acqua e l’algoritmo della macchina è serio e gradualmente ha una sua estetica.

Invece di perseguire ciecamente HDR e effetti di scarsa illuminazione, c’è una certa scelta di tono e tono, e non trasformerà semplicemente e bruscamente la notte in giorno.

Le persone comuni hanno una certa capacità di comporre immagini e possono scattare buone foto, il che abbassa la soglia di “scattare buone foto facilmente”.

Se gli attributi di Leica e un pollice diventano argomento di discussione in conferenza stampa, allora lo stile del tono stilizzato è il fattore decisivo affinché lo Xiaomi Mi 12S Ultra diventi gradualmente la luce del vero Android.

La scena della fotocamera dello smartphone copre una gamma molto più ampia rispetto alla fotocamera e scatta buone foto e l’aspetto estetico sta diventando sempre più alto.

In pochi anni, la fotografia dei telefoni cellulari è cambiata da un singolo confronto di hardware, al confronto di algoritmi, a chip sviluppati autonomamente e di nuovo all’hardware, che sembra essere una reincarnazione.

Ma ora la competizione non riguarda solo l’hardware, ma con la premessa che “un pollice” può suscitare la consapevolezza del pubblico, algoritmi di intelligenza artificiale, chip sviluppati autonomamente, combinati con immagini tradizionali portano un’estetica del tono unica, oltre a una multi-camera completa Il ” concorrenza a tutto tondo” del sistema e così via.

L’hardware unico può infatti suscitare discussione e attenzione.Per mantenere e diventare un prodotto con una reale forza di imaging, deve comunque essere completamente configurato senza carenze.

#Benvenuto a prestare attenzione all’account WeChat ufficiale di Aifaner: Aifaner (WeChat: ifanr), contenuti più eccitanti ti verranno forniti il ​​prima possibile.

Love Faner | Link originale · Visualizza commenti · Sina Weibo