Un minatore crittografico utilizza 78 schede grafiche RTX 3080 per guadagnare oltre $ 20.000 al mese

Sebbene molti giocatori non siano stati finora in grado di aggiornare le loro GPU alle ultime schede grafiche di punta di Nvidia a causa di carenze – una situazione che ha persino costretto il CEO dell’azienda Jensen Huang a scusarsi pubblicamente – sembra che un minatore di Bitcoin sia riuscito a proteggere 78 GeForce RTX 3080 .

Nella foto che ha avuto ampia diffusione sui social media , il mining rig – denominato Berta 2 e creato da Simon Byrne – viene mostrato con la sua illuminazione. retroilluminazione RGB colorata, secondo i rapporti su VideoCardz e Tech ARP .

La piattaforma mineraria Berta 2 di Simon Byrne. Credito fotografico: Tech ARP.

Secondo quanto riferito, la piattaforma mineraria è in grado di generare circa $ 20.000 di reddito ogni mese in valuta Ethereum . Sulla base dei prezzi attuali per Ethereum, ogni scheda grafica, secondo i dati di Minerstat , può generare circa $ 6,35 a $ 9,15 al giorno, incluso il costo dell’elettricità. Tech ARP ha stimato che costa $ 1,444 al mese solo per alimentare l’impianto di Byrne – e questo non tiene conto dei costi di raffreddamento – in base alle tariffe a Las Vegas, dove risiede. Nel complesso, il sistema di Byrne può generare in media tra $ 15.000 e $ 21.000 di reddito in media ogni mese.

Tuttavia, 78 unità delle schede grafiche di punta GeForce RTX 3080 di Nvidia hanno un costo elevato e l’impianto stesso ha un valore stimato di $ 100.000. Ogni scheda grafica ha un prezzo iniziale di $ 699 e le varianti personalizzate costano di più. Ciò significa che ci vorrà in media circa sei mesi prima che Byrne raggiunga il pareggio e inizi a generare entrate.

Con il tasso di cambio fluttuante per la criptovaluta, il ritorno sull’investimento potrebbe richiedere molto più tempo di sei mesi.

I minatori di criptovaluta sono i responsabili della carenza?

app di criptovaluta bitcoin | crypto
Chesnot / Getty Images

Byrne – e per procura, i minatori di Bitcoin – da solo potrebbe non essere l’unica ragione per cui le GPU sono state molto richieste e scarseggiano. I dirigenti di Nvidia hanno citato la domanda senza precedenti dovuta a situazioni create dalla pandemia di salute in corso che costringe più persone a lavorare, imparare e intrattenersi a casa. Per farlo, si rivolgono alla tecnologia, come processori e schede video più potenti, per alimentare le loro esigenze di produttività e intrattenimento.

La teoria di Nvidia e la sua carenza di fornitura sono state condivise dai rivali, inclusa AMD, che ha anche sperimentato carenze sia dei suoi processori Ryzen lanciati di recente che delle sue schede grafiche Radeon . Nonostante i migliori tentativi dei rivenditori di rifornire le GPU di Nvidia e le CPU e le GPU di AMD, queste parti per PC si esauriscono rapidamente. Quando le carte sono state inizialmente lanciate, gli scalper che utilizzavano i robot sono stati accusati di aver cancellato i primi lotti di inventario.

Sebbene AMD sia stata meno esplicita riguardo alla causa delle carenze, il Chief Financial Officer di Nvidia Colette Kress ha recentemente affermato che le carenze nella catena di fornitura dell’azienda – ampiamente ritenute carenze di memoria GDDR6 – stanno contribuendo anche alla carenza di schede grafiche.

Sebbene l’RTX 3080 e l’RTX 3090 di classe per gli appassionati si basino su una memoria GDDR6X più avanzata, le altre schede della serie RTX 3000 di Nvidia e le recenti schede Radeon di AMD utilizzano lo standard GDDR6. Kress ha ipotizzato che la carenza durerà fino alla prima parte di quest’anno .

AMD Radeon RX 6000

I minatori di criptovaluta non sono senza colpa. Prima del lancio della serie Radeon RX 6000 di AMD e delle schede della serie GeForce RTX 3000 di Nvidia, i minatori di Bitcoin venivano spesso accusati di aver spazzato via le forniture della GPU. La carenza ha fatto arrabbiare i giocatori e gli appassionati fan di Nvidia così tanto che Huang ha dovuto affrontare il problema durante una sessione multimediale alla conferenza GTC dell’azienda nel 2018, notando che il mining di criptovaluta “non è affar nostro” e allo stesso tempo dichiarando che Nvidia è con i giocatori.

“Non siamo affatto coinvolti in Bitcoin“, ha detto Huang. “Bitcoin [mining] è fatto in gran parte dagli ASIC oggi.”

Nonostante abbia preso le distanze dalle polemiche, Huang non ha esitato a promuovere la forza della GPU sugli ASIC o persino sulla CPU.

“Il motivo per cui la GPU è così popolare con Ethereum è perché la GPU è il singolo supercomputer distribuito più grande al mondo”, ha detto. “È l’unico supercomputer che è letteralmente nelle mani di tutti. E di conseguenza, nessuna singola entità può controllare la valuta “.

Alla fine della giornata, la domanda di GPU è in aumento perché generano denaro. Per i creativi e i giocatori, le GPU sono uno strumento fondamentale, mentre i minatori di Bitcoin scoprono che l’investimento può spesso ripagare.