5 problemi comuni sulla privacy dei social media (e come risolverli)

I social media e la privacy non vanno d'accordo. Ma solo perché usi i social media non significa che non puoi avere una vita online e un certo grado di privacy.

Alcuni di voi potrebbero pensare che la privacy e i social media non vadano d'accordo. Dal nostro oversharing alla divulgazione dell'azienda, questo articolo tratta alcuni dei maggiori problemi di privacy con i social media e come puoi cercare di evitarli.

1. Sovrascrivere le informazioni personali

Quando si tratta della privacy dei social media, siamo la nostra prima linea di difesa. Anche se il tuo profilo è impostato per essere visualizzato solo dagli amici, dovresti essere prudente con le informazioni che condividi.

Le informazioni che non dovresti mai aggiungere al tuo profilo sui social media includono:

  • Il tuo indirizzo di casa
  • Il tuo numero di telefono o indirizzo email personale
  • Qualsiasi informazione finanziaria
  • Tag di posizione esatti
  • Immagini che rendono identificabile la tua casa dalla strada
  • Immagini di bambini che rendono identificabili le loro scuole
  • Date di viaggio esatte e informazioni su quando sarai fuori casa

Come evitare la condivisione eccessiva delle informazioni personali

Quando si tratta di piattaforme come Facebook, è necessario assicurarsi che il profilo, le informazioni e i post siano visualizzabili solo dagli amici .

Se non stai utilizzando il tuo account Twitter o Instagram per attirare un pubblico seguito, puoi impostare questi profili come privati. Ciò significa che hai il controllo su chi può seguirti e, quindi, su chi può vedere i tuoi contenuti.

Se hai caricato dettagli privati ​​sui tuoi account sui social media, dovresti rimuoverli il prima possibile per evitare che possano essere sfruttati.

Un altro modo per evitare il oversharing è quello di evitare l'uso dei social media per eseguire ricerche. Invece di cercare un argomento da Facebook o Twitter, utilizza invece un motore di ricerca proxy come Startpage.com. Il motivo è che tutto ciò che fai su una rete di social media viene registrato e utilizzato per modellare un profilo su di te.

2. Autorizzazione di app non affidabili

Molte persone usano app di terze parti con i loro account sui social media. Questi vanno dalle app di pianificazione per i post sui social media ai giochi per dispositivi mobili che si sincronizzano con il tuo account sui social media.

Tuttavia, le app di terze parti sono anche uno strumento popolare utilizzato dai data mining per accedere alle tue informazioni personali. I minatori di dati analizzano e riconfezionano tali informazioni per venderle agli inserzionisti.

Nel peggiore dei casi, queste app di terze parti possono essere utilizzate per esporti a malware, accedere a dati sensibili o pubblicare contenuti senza la tua autorizzazione.

Come evitare le app dannose

Quando si autorizza un'app di terze parti, ci sono alcune cose che dovresti fare per proteggere la tua privacy. Questi includono:

  • Non utilizzare mai app che dichiarano di sbloccare funzioni nascoste o segrete
  • Evita i quiz che richiedono di accedere con i social media
  • Controlla sempre le autorizzazioni richieste dall'app
  • Autorizzo solo le app da sviluppatori affidabili
  • Quando provi una nuova app, controlla prima con le persone che conosci per vedere se l'hanno utilizzata in precedenza

Ogni poche settimane, dovresti anche controllare quali app hanno accesso ai tuoi vari profili. Queste informazioni si trovano di solito nelle impostazioni sulla privacy. Qui sarai in grado di revocare l'accesso a tutte le app che non usi più.

3. Privacy dei social media: la scappatoia degli amici

Mentre può sembrare innocuo aggiungere persone che non conosci sui social media, questo può aprirti a vari problemi di privacy.

Ad esempio, i truffatori possono utilizzare account falsi per campagne di spear phishing. Aggiungendo una persona su una piattaforma come Facebook, possono raccogliere informazioni che renderanno le e-mail di truffa più convincenti.

Un altro modo in cui può compromettere la tua sicurezza è quando le app sono in grado di accedere alle tue informazioni tramite l'account di un amico . Questo è ciò che ha reso lo scandalo Cambridge Analytica così scioccante. La maggior parte delle persone le cui informazioni sono state raccolte non ha nemmeno preso il quiz utilizzato per estrarre i dati.

Piuttosto, il quiz di Facebook ha usato una scappatoia per accedere alle informazioni di tutti gli amici delle persone che hanno partecipato al quiz. Mentre Facebook ha rafforzato la privacy della rete in questo senso, i vari modi in cui gli amici possono compromettere la nostra privacy sono ancora molto preoccupanti.

Come evitare le truffe "amichevoli"

Per cercare di mitigare il rischio che gli amici rappresentano per il tuo account su queste reti, dovresti evitare di accettare richieste di connessione da estranei . Dovresti anche eseguire una pulizia ordinaria dell'elenco delle connessioni per rimuovere le persone a cui non sei realmente interessato a rimanere in contatto.

4. Gli hacker che utilizzano i social media come strumento

Esistono vari modi in cui gli hacker possono utilizzare il tuo account di social media per compromettere la tua sicurezza.

Alcuni modi in cui gli hacker utilizzano i social media per colpire le vittime includono:

  • Hacking di account per raccogliere password che possono essere riutilizzate su altri account
  • Truffe di catfishing, in cui qualcuno finge di essere qualcuno che non è
  • Invio di collegamenti malware tramite messaggi privati

Come evitare di essere truffati

Il primo passo per impedire agli hacker di utilizzare il tuo account di social media contro di te è quello di non riutilizzare mai la password tra account . Pochissime reti sono infallibili quando si tratta di violazioni e perdite. Una volta che la password e l'e-mail vengono compromesse su un sito, viene compromessa su tutti i siti.

Inoltre, non dovresti mai fare clic su collegamenti casuali inviati alla tua casella di posta sui social media . Se ritieni che il link sia legittimo, non fa male confermare che la persona con cui stai interagendo lo ha effettivamente inviato. Invia al tuo amico nella vita reale un'e-mail, un messaggio di testo o un messaggio diretto per verificare che ti abbiano effettivamente inviato messaggi.

Potrebbe salvarti dalla visita di un sito di truffa o dall'iniezione di malware nel tuo browser. Sì, il tuo computer può essere compromesso semplicemente visitando il link sbagliato.

5. Modifica dei Termini di servizio

Poiché i modelli di reddito e le strutture aziendali cambiano, le reti di social media possono adattare i loro termini di servizio. Ciò è particolarmente vero quando una società ne acquisisce un'altra.

Ad esempio, quando Facebook acquisisce un'azienda, i suoi dati utente vengono spesso condivisi con la rete pubblicitaria di Facebook. I termini dell'azienda potrebbero anche cambiare per adattarsi alla nuova visione della sua società madre, qualcosa che sta attualmente accadendo con WhatsApp sotto la proprietà di Facebook.

Come evitare la raccolta dei dati

Dovresti periodicamente rivedere le impostazioni sulla privacy del tuo account social e i termini della piattaforma per mitigare la quantità di dati che vengono condivisi.

Non c'è sempre molto che puoi fare. Ad esempio, non molto impedirà a Facebook di condividere il suo profilo psicografico su di te attraverso le sue varie piattaforme pubblicitarie.

Tuttavia, puoi rimanere aggiornato sulle modalità di utilizzo dei tuoi dati e provare a ridurre la quantità di informazioni raccolte da un'azienda. Inoltre, puoi passare a un servizio più incentrato sulla privacy se la nuova visione di un'azienda non si allinea più con la protezione della tua privacy.

Proteggi la tua privacy sui social media

Non sarai in grado di prevenire la violazione dei dati o il superamento dei dati da parte di società ficcanaso, ma puoi prendere provvedimenti per mitigare i rischi che i social media comportano per la tua privacy. Un'altra opzione è l'utilizzo di una VPN. Sebbene non protegga completamente dall'essere profilato da una rete di social media, una VPN può nascondere il paese di provenienza del traffico.

Ti consigliamo di utilizzare Windscribe (la nostra recensione VPN Windscribe ) o Mullvad VPN (la nostra recensione VPN Mullvad ).

Leggi l'articolo completo: 5 problemi comuni sulla privacy dei social media (e come risolverli)