Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

chumen1 - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

La protezione dell’ambiente è un foglio di risposta che compete solo per il giorno e la notte e i grandi emettitori di carbonio stanno lavorando sodo.

Di recente, il “Corporate Climate Responsibility Monitor” pubblicato dalle organizzazioni ambientali senza scopo di lucro NewClimate Institute e Carbon Market Watch, ha utilizzato un audit dettagliato per spiegare:

Non lasciarti ingannare dagli impegni climatici delle grandi aziende!

Lo studio ha selezionato 25 grandi multinazionali in vari settori e regioni, ha valutato la trasparenza e la completezza degli impegni climatici di ciascuna azienda e ha assegnato loro un punteggio di “integrità”, con una sola qualifica.

Le grandi aziende hanno “esami negativi”, ma stanno lavorando abbastanza?

I 25 “candidati” non sono stati scelti a caso, certo, erano tutte grandi aziende con impegni climatici di alto profilo e tanti soldi.

chart1 - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Top 4. Immagine da: Monitoraggio della responsabilità climatica aziendale

I risultati della selezione sono più simili a “un più alto di un nano”. Nessuno di questi è abbastanza buono. C’è solo Maersk con un’integrità ragionevole. Apple, Sony e Vodafone hanno un’integrità media. 10 hanno un’integrità bassa e 11 hanno un’integrità estremamente alta Basso. Dov’è il problema?

chart2 - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ I restanti 21. Immagine da: Corporate Climate Responsibility Monitoring

Come si suol dire, “l’atteggiamento determina l’altezza”, gli atteggiamenti della maggior parte delle aziende nei confronti della riduzione delle emissioni non sono corretti.

Solo tre società, Maersk, Vodafone e Deutsche Telekom, si sono impegnate chiaramente a ridurre le emissioni di gas serra di oltre il 90% nei rispettivi anni target; tuttavia, molte sono in ritardo, con almeno cinque società impegnate solo a ridurre le emissioni di meno superiore al 15%.

Mettendo insieme il buono, il cattivo e il difficile, le 25 aziende dovrebbero ridurre le proprie emissioni in media del 23% dal 2019 al 2030, ben al di sotto dell’obiettivo che gli scienziati del clima sperano di ridurre le emissioni globali di gas serra sono quasi dimezzate, ancora una volta necessario per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C.

un1 - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Immagine da: Nazioni Unite

C’è un problema con l’atteggiamento, l’azione non è attiva e ci sono più colpi di scena qui.

Parte di esso è la fazione “nascondere l’orecchio e rubare la campana”, nascondere le informazioni chiave o giocare trucchi contabili.

Le emissioni divulgate da Carrefour nel suo rapporto annuale 2020 coprono solo 9 paesi o regioni, coprendo meno del 12% dei negozi Carrefour in Francia e meno del 20% dei negozi Carrefour nel mondo. L’omissione delle principali fonti di emissione come questa consente a consumatori, azionisti e autorità di regolamentazione di ignorare segmenti di mercato, aree geografiche e linee di prodotti.

carrefour - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Foto da: carrefour

CVS Health, azienda sanitaria americana, ha scelto come anno base il 2019, un anno con emissioni estremamente elevate: le “emissioni Scope 3” di quest’anno sono state del 70-80% in più rispetto al 2017, 2018 e 2020. Ciò significa che è più facile raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni e rende anche privi di significato gli obiettivi di riduzione delle emissioni.

carbontrust1 - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Secondo il Greenhouse Gas Accounting System, ci sono tre “scopi” di emissioni di gas serra. Immagine da: carbontrust

Parte di esso è la fazione “Acque pericolose verso l’est”, che distrae i dati e distrae l’attenzione.

La tedesca E.ON e l’italiana Enel sono tutte società di servizi energetici che stanno trasferendo attività ad alta intensità di carbonio a filiali o joint venture e segnalano le emissioni solo da alcune delle loro filiali.

redshift - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Immagine da: spostamento verso il rosso

A loro avviso, si tratta di concentrarsi sullo sviluppo di modelli di business più sostenibili, ma gli spettatori non possono fare a meno di vederlo come un mezzo di rebranding per mantenere l’impronta delle emissioni molto più bassa di quanto non sia in realtà.

Unilever segnala in modo selettivo le emissioni indirette durante l’uso del prodotto, piuttosto che le emissioni dirette, ad esempio quanta energia viene spesa per le lavatrici che utilizzano detersivi a marchio Unilever. Questi dati dovrebbero essere riportati dai produttori di lavatrici e Unilever ha un proprio ambito di rendicontazione delle emissioni più fondamentale.

unilever1 - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Immagine da: unilever

Parte di esso è la scuola di “alzare la zuppa per fermare l’ebollizione” e il metodo di riduzione delle emissioni può trattare i sintomi ma non la causa principale.

La legge sulla “compensazione di carbonio” è particolarmente controversa, ma sono coinvolte 24 aziende. In poche parole, le “compensazioni di carbonio” compensano le emissioni di carbonio sostenendo progetti di riduzione delle emissioni. L’imboschimento è uno dei progetti di compensazione di carbonio più comuni.

Il problema con le compensazioni di carbonio è che le emissioni di carbonio e lo stoccaggio del carbonio non sono scambi equivalenti: gli alberi sono il futuro, l’inquinamento è adesso e il tempo non aspetterà nessuno; lo stoccaggio biologico del carbonio può essere annullato ed è probabile che le foreste vengano abbattute e bruciate per non parlare di Said che alcune aziende avevano acquistato crediti di carbonio di bassa qualità.

un - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Immagine da: Nazioni Unite

Dovremmo ridurre le emissioni e aumentare lo stoccaggio di carbonio allo stesso tempo, neanche. Il gruppo ambientalista Greenpeace ha sottolineato:

Le compensazioni di carbonio ostacolano le ambizioni di riduzione delle emissioni e aprono la strada agli inquinatori. Le riduzioni reali, concrete e tempestive delle emissioni di carbonio devono basarsi sull’accelerazione dell’eliminazione graduale dei combustibili fossili.

unsplash2 - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Immagine da: unsplash

C’è anche una fazione della “dipendenza da procrastinazione” che posticipa le misure chiave fino all’ultimo minuto.

GlaxoSmithKline, una società farmaceutica con sede a Londra, prevede di sostituire gli inalatori ad alta intensità di emissioni nel 2028 e nel 2029, con conseguenti riduzioni significative delle emissioni e obiettivi per il 2030.

google - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Immagine da: google

Se vuoi fare un riassunto dei sintomi di queste “sette”, allora questo è ciò che dice il rapporto:

L’accelerazione degli impegni aziendali sul clima, unita agli approcci frammentati, significa che è più difficile che mai distinguere tra vera azione per il clima e greenwashing non provato, aggravato da una generale mancanza di regolamentazione e supervisione a livello nazionale e settoriale.

Sebbene i risultati siano brutti, questi luoghi sono comunque “notevoli”

Lo scopo di questo audit annuale non è solo quello di evidenziare le carenze, ma anche di migliorare.

I due gruppi ambientalisti sperano di trovare innovazioni più replicabili e scalabili che si diffondano come increspature, perché la mitigazione del cambiamento climatico dipende dall’innovazione e le grandi aziende ne sono al centro.

un4 - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Immagine da: Nazioni Unite

Per l’approvvigionamento e l’utilizzo di energia rinnovabile, puoi imparare da Google.

In termini di appalti, nel 2020, l’80% degli appalti di energia rinnovabile di Google proveniva da PPA. PPA sta per “Power Purchase Agreement”, in cui i venditori di energia vendono energia rinnovabile agli acquirenti a un prezzo fisso, con termini che possono durare dai cinque ai 20 anni.

- Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Foto da: pexapark

L’energia rinnovabile non può fare affidamento solo sui sussidi governativi: nel volatile mercato aperto dell’energia, il ruolo importante del PPA è allocare efficacemente i rischi a tutte le parti, in modo che i venditori possano ottenere un flusso di reddito futuro sicuro e gli acquirenti possano ottenere una certa quantità di energia a costo fisso. Inoltre, i PPA possono fornire fiducia in fonti di finanziamento di terze parti come le banche per facilitare il finanziamento di progetti di energia rinnovabile e lo sviluppo a lungo termine.

In termini di utilizzo, Google ha raggiunto una nuova pietra miliare nel carbon-smart computing .

google5 - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Immagine da: google

Può trasferire attività di calcolo tra diversi data center e calcolare la disponibilità oraria di “energia priva di emissioni di carbonio” in ciascuna regione, comprese le fonti di energia variabili come l’energia solare ed eolica e l’energia geotermica “sempre attiva”. Entro il 2030, Google prevede di decarbonizzare completamente il consumo di elettricità 24 ore al giorno.

Maersk nel settore dei trasporti è “leader” nell’uso di energia verde e combustibili alternativi.

Maersk è leader nei carburanti a zero emissioni di carbonio per il trasporto marittimo, considerando una varietà di combustibili alternativi, tra cui e-ammoniaca, e-metanolo , biodiesel e lignina.

maersk2 - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Immagine da: maersk

Tuttavia, l’attuale fornitura di combustibili a basse emissioni di carbonio è limitata e il costo non è competitivo ed è urgente ampliare la scala.

A tal fine, Maersk ha speso 60 milioni di dollari in fondi di avviamento per creare un centro di spedizione a emissioni zero, ha ordinato 8 navi a emissioni zero a partire dal 2024, ha investito in una catena di approvvigionamento di combustibili sintetici e ha persino invitato gli Stati membri dell’IMO ad attuare un approccio globale carbon neutral al settore marittimo nel 2021. taxi.

maersk - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Nave portacontainer che utilizza carburante carbon neutral. Immagine di credito: maersk

Deutsche Post e Walmart si concentrano sulla sinergia e guidano tutte le parti nella catena del valore a ridurre congiuntamente le emissioni di carbonio.

DHL - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Immagine da: DHL

Nel tentativo di ridurre le emissioni dei subappaltatori, nel dicembre 2021 Deutsche Post ha lanciato il programma globale “DHL Green Carrier Certification”, alla ricerca di subappaltatori che hanno investito in tecnologie a basse emissioni di carbonio.

Delle 25 aziende, Walmart è anche un valore anomalo, l’unico che non utilizza le compensazioni di carbonio. Nel 2017, Walmart ha lanciato Project Gigaton , un programma di “gancio di volontariato”, in cui i fornitori possono iscriversi al programma e ottenere risorse e formazione per ridurre le emissioni in sei aree, tra cui energia e imballaggio.

walmart - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Foto da: walmart

Per aumentare l’esca, Walmart ha annunciato alla fine del 2021 che avrebbe collaborato con HSBC per fornire supporto finanziario ai fornitori. Circa il 23% dei 10.000 fornitori di Walmart ha aderito al programma dal 2017.

Gilles Dufrasne del gruppo ambientale Carbon Market Watch ha dichiarato:

Le aziende devono affrontare le mutevoli realtà del pianeta. Ciò che sembrava accettabile dieci anni fa non basta più.

Sebbene questi esempi non siano perfetti, sono misure che la maggior parte delle aziende può replicare. La situazione ideale è che l’azienda metta la mitigazione dei cambiamenti climatici al di sopra della concorrenza del settore, condivida i dettagli delle misure di riduzione delle emissioni con i colleghi e, in definitiva, raggiunga una situazione vantaggiosa per tutti.

La strada per la riduzione delle emissioni è lunga, passo dopo passo

Cosa pensano le grandi aziende di questa ricerca? Diverse aziende con minore integrità hanno risposto all’intervista della CNBC , in disaccordo con la metodologia di ricerca ma affermando di essere impegnate a frenare la crisi climatica.

Un portavoce della Volkswagen ha dichiarato: “Siamo d’accordo con l’obiettivo del NewClimate Institute che le grandi aziende dovrebbero essere ritenute responsabili delle loro dichiarazioni in modo chiaro e trasparente. Non siamo d’accordo con alcune delle loro conclusioni sulla nostra azienda”.

unilever - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Immagine da: unilever

Una portavoce di Unilever ha dichiarato: “Sebbene non siamo d’accordo su alcuni elementi di questo rapporto, accogliamo con favore l’analisi esterna dei nostri progressi. Abbiamo avviato un dialogo con il NewClimate Institute per capire come può essere migliorato in modo significativo”.

Questo è esattamente il motivo per cui abbiamo bisogno di tali rapporti di analisi esterni, nonché della supervisione di grandi aziende da parte di altri gruppi ambientalisti o autorità di regolamentazione.

Getty Images - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Immagine da: Getty Images

Da un lato, affermazioni ingannevoli a fini di marketing hanno implicazioni reali per i consumatori e i responsabili politici, e crediamo erroneamente che queste aziende stiano intraprendendo azioni sufficienti quando sono lontane dall’essere il caso, il che potrebbe essere peggio che non fare nulla. “Spese soldi per lavare il verde” diventerà sempre più dilagante e i veri attori saranno in svantaggio economico.

Ci sono lezioni apprese e molte volte i consumatori sono difficili da evitare. Nell’agosto 2021, la Commissione olandese per il codice pubblicitario ha stabilito che la pubblicità a emissioni zero di Shell era fuorviante. I consumatori pagano un extra di 1 centesimo per litro di combustibile fossile nelle stazioni di servizio Shell e Shell si è impegnata a utilizzare il denaro per azioni come piantare alberi.

ke - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Immagine da: Shell

Ma Shell non è stata in grado di dimostrare che le emissioni di CO2 fossero completamente compensate in questo modo:

Gli inserzionisti devono giustificare le loro affermazioni ambientali e, più assoluta è l’affermazione, più severi saranno i requisiti di prova.

D’altra parte, identificare e promuovere una vera azione per il clima è semplicemente troppo importante. Le 25 società hanno registrato un fatturato combinato di 3,18 trilioni di dollari nel 2020, ovvero circa il 10% dei ricavi totali del Global 500; nel frattempo, hanno auto-riportato le emissioni totali di gas serra nel 2019, pari al 5% delle emissioni globali %.

Una scala così vasta di impronta di carbonio genera potenziale e supporta anche la crisi.

unsplash - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Immagine da: unsplash

Il rapporto sottolinea anche che molte aziende “non hanno alcun senso di urgenza” nell’adottare misure di mitigazione standard e solo 15 delle 25 aziende segnalano in modo evidente obiettivi climatici a medio termine:

Gli impegni generali in materia di clima sono a lungo termine e devono essere sostenuti da obiettivi specifici a breve e medio termine, con azioni immediate e responsabilità. Riteniamo che la durata massima dell’obiettivo di medio termine sia di 5 anni. La lenta decarbonizzazione porterà a maggiori emissioni cumulative e l’obiettivo di 1,5°C sarà ancora più fuori portata.

Jeremy Sutton Hibbert Greenpeace - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Foto da: Jeremy Sutton-Hibbert / Greenpeace

La strada per la tutela dell’ambiente è lunga, ma la strada lo è adesso. In definitiva, ciò che vogliamo vedere è separare l’azione per il clima dalla “spendere il greenwashing” e sostenere attori ambiziosi per innovare e accelerare la decarbonizzazione.

logo3 3 - Apple, Google, IKEA e più di 20 grandi aziende ci hanno mentito su questo

▲ Rapporto completo: https://newclimate.org/2022/02/07/corporate-climate-responsibility-monitor-2022/

 

L’uva non è l’unico frutto.
casella di posta 8

#Benvenuto a prestare attenzione all’account WeChat ufficiale di Aifaner: Aifaner (WeChat: ifanr), contenuti più interessanti ti verranno forniti il ​​prima possibile.

Love Faner | Link originale · Visualizza commenti · Sina Weibo