Brave Browser: la rigorosa protezione dalle impronte digitali verrà rimossa

Brave Software ha annunciato che rimuoverà la rigorosa opzione di rilevamento delle impronte digitali dal suo Brave Browser. L’azienda cita diverse ragioni per la rimozione, incluso il fatto che in passato è stata una delle principali cause di rottura del sito web.

Il fingerprinting si riferisce a una tecnica di tracciamento su Internet che utilizza le informazioni per creare impronte digitali uniche degli utenti. La tecnologia combina dati aperti, come l’agente utente del browser o il sistema operativo del dispositivo, con dati che possono essere recuperati tramite API.

Le impronte digitali vengono create e quindi confrontate ogni volta che un utente visita una risorsa.

In passato, sono emerse tecnologie per rilevare le impronte digitali degli utenti utilizzando gestori di protocolli del browser personalizzati , unità di elaborazione grafica o informazioni sulla lingua e sui caratteri .

Il fingerprinting è migliorato nel tempo, grazie all’introduzione di nuove API e anche ai progressi tecnologici. Nel 2023, un sito di prova ha affermato di poter tracciare gli utenti con una precisione del 99,5% .

I produttori di browser come Brave Software o Mozilla hanno introdotto da tempo funzionalità anti-impronta digitale nei loro browser. Questi sono progettati per rendere inutili i tentativi di rilevamento delle impronte digitali. Alcune funzionalità di protezione potrebbero bloccare l’accesso a determinate informazioni mentre altre potrebbero generare dati inutili allo scopo di tracciare gli utenti.

Brave Browser: impronte digitali

Impronta digitale del browser coraggioso

Al momento gli utenti di Brave Browser possono impostare l’impronta digitale su Standard, Rigida o Disattivata. Il rigore applica protezioni aggiuntive.

Brave Software rileva di aver identificato diversi problemi nella rigorosa modalità di blocco delle impronte digitali del browser. La modalità rigorosa può far sì che alcuni siti Web funzionino diversamente o non funzionino affatto a seconda dell’azienda. La rottura costringe gli ingegneri di Brave a dedicare tempo ad affrontare questi problemi invece di “concentrarsi sulle protezioni predefinite della privacy”.

Il terzo argomento è che la funzionalità viene utilizzata da meno dello 0,5% di tutti gli utenti di Brave. Brave Software sostiene che il numero piccolo potrebbe rendere più probabile il rilevamento delle impronte digitali.

L’argomento principale contro il rigoroso rilevamento delle impronte digitali è che esso vincola le risorse tecniche a causa di problemi di compatibilità dei siti web.

È stata presa la decisione di eliminare nel prossimo futuro le rigide protezioni contro le impronte digitali in tutte le versioni di Brave Browser. Le ultime versioni di Brave Canary ne sono già prive.

Brave Software afferma che le sue protezioni per il rilevamento delle impronte digitali sono “le più potenti di qualsiasi browser principale” e che lo standard protegge ancora gli utenti dagli attacchi di rilevamento delle impronte digitali.

Gli utenti coraggiosi possono caricare brave://settings/shields nella barra degli indirizzi del browser per verificare l’impostazione “blocca impronte digitali” lì.

Parole di chiusura

La rimozione delle rigide protezioni per l’impronta digitale in Brave colpisce una frazione della base utenti del browser. Rigorosa non è l’impostazione predefinita e solo gli utenti più attenti alla privacy potrebbero aver impostato la protezione dalle impronte digitali su rigorosa.

Google ha iniziato a rimuovere il supporto dei cookie di terze parti in Chrome all’inizio di questo mese e prevede di eliminare il supporto per tutti gli utenti di Chrome entro la fine dell’anno. I cookie sono ampiamente utilizzati per scopi di tracciamento. La rimozione dal browser più utilizzato al mondo potrebbe alimentare altri metodi di tracciamento, incluso il rilevamento delle impronte digitali.