Dalle donne della dinastia Tang alle forcine delle principesse, Google vuole che tu veda le reliquie culturali senza uscire di casa

Le persone sono creature che si chiedono da dove vengono, i musei raccontano l’infinito contesto storico e culturale, raccontando gli anni commoventi che sono esistiti nel lungo passato.

Lo scorso 18 maggio è stata la Giornata Internazionale dei Musei.

Questo festival, fondato dal Consiglio Internazionale dei Musei nel 1977, esplora ogni anno temi stimolanti.

Il tema della Giornata Internazionale dei Musei 2022 è “Il potere dei musei”: i musei hanno il potere di cambiare il mondo che ci circonda, ci insegnano il nostro passato e ci aprono a nuove idee che ci aiutano a costruire un futuro migliore.

Potremmo anche rendere la domanda più specifica. All’inizio di tutto, come possono i musei permettere a più persone di incontrare prima le reliquie culturali?

Le reliquie sono tangibili e coinvolgenti

Quest’anno, ICOM spera di esplorare il potere dei musei attraverso tre obiettivi:

Realizza il potere della sostenibilità, il potere dell’innovazione digitale e dell’accessibilità, il potere di costruire comunità attraverso l’istruzione.

Tra questi, il potere della digitalizzazione rende i musei più accessibili e coinvolgenti, aiutando il pubblico a comprendere concetti complessi e sfumati.

Questo 18 maggio sarà anche la terza stagione della serie di eventi online “Immersive Museums” di Google per le arti e la cultura.

Come suggerisce il nome, “Museo immersivo” porta l’esperienza di “andare al museo” online, digitalizza le reliquie culturali attraverso mezzi tecnologici e utilizza una varietà di tecnologie per rivelare gli straordinari dettagli e le storie passate delle collezioni.

Nel “museo immersivo”, la diffusione della cultura e dell’arte non è più limitata dalle aree geografiche e il prezioso patrimonio storico diventa facilmente raggiungibile.

Questa volta, Google Arts and Culture ha invitato il Museo provinciale di Liaoning, il Museo provinciale di Hubei e il Museo provinciale di Hunan a selezionare i tesori dalla collezione ed estrarre elementi di forma unici per esplorare come le opere d’arte interpretano le forme con diverse tecniche e concetti estetici.

“Per quanto riguarda la fine della dinastia Zhenyuan e Yuan, è stata romantica e splendida.” Le “Signore con le forcine” del Museo Provinciale di Liaoning presentano “belle forme”, raffiguranti la scena di sei donne nobili e le loro cameriere che si godono i fiori nel giardino del tra la primavera e l’estate, i cinesi e gli americani indossano cipria sul viso, sopracciglia come foglie di alloro, chignon e forcine per capelli.

La forcina di fiori d’oro nel Museo Provinciale di Hubei è quella che sbocciò sulla testa della principessa Liangzhuang 600 anni fa.Il motivo dei petali è emerso da migliaia di colpi, raffiguranti la “forma dei fiori”.

Il “Pergamena da colorare di peonia, erba e insetti” del Museo provinciale di Hunan è un altro aspetto della “forma del fiore”. Innanzitutto, il “metodo disossato” viene utilizzato per delineare gli strati multipli dei petali, quindi viene utilizzato il “metodo della polvere” per esprimere il colore Sensazione idratante, i fiori di peonia sono ricchi ed eleganti.

Le immagini dinamiche sono dotate di narrazione poetica ed effetti sonori simulati, raccontando storie e dettagli delle reliquie culturali, offrendo un’esperienza di apprezzamento dell’arte online coinvolgente e innovativa.

La cultura cambia, i tempi cambiano e ciò che è eterno è l’incessante ricerca della bellezza da parte delle persone.

Giornata dei musei, più di un giorno

L’intenzione originaria di istituire la Giornata dei Musei è di invitare tutti i paesi del mondo a prestare attenzione ai musei e alle iniziative culturali ea promuovere il sano sviluppo delle imprese museali mondiali.

La digitalizzazione è un giunto molto importante in esso.

Ci sono più di 1,8 milioni di reliquie culturali nella Città Proibita e lo spazio espositivo è limitato rispetto al numero di reliquie culturali Ci sono 735 grotte nelle Grotte di Mogao a Dunhuang, che non possono essere completamente misurate dall’energia dei turisti.

Fattori di forza maggiore come l’epidemia e disastri imprevedibili come l’incendio di Notre Dame de Paris rendono la digitalizzazione dei musei ancora più urgente e necessaria.

Al momento, Google Arts and Culture ha coperto più di 2.000 istituzioni culturali di oltre 80 paesi e regioni. Grazie a immagini ad altissima risoluzione, scansione 3D, realtà virtuale, panorama a 360 gradi e altre tecnologie, è possibile vedere più reliquie culturali e a noi noto.

Anche il Museo provinciale di Hunan e il Museo provinciale di Hubei, che questa volta sono apparsi in occasione della Giornata dei musei, sono partner di Google Arts and Culture.

Nel 2014, il Museo provinciale di Hunan, primo museo pubblico della Cina continentale, ha collaborato con Google Arts and Culture per lanciare un totale di 59 immagini ad alta definizione di reliquie culturali e una mostra online “The History of the Bottle” .

Dal 2015, il Museo provinciale di Hubei ha lanciato un totale di 214 immagini ad alta definizione di cimeli culturali, 9 mostre online e 2 immagini panoramiche a 360 gradi sulla piattaforma Google Arts and Culture.

La digitalizzazione dei musei non solo apre le reliquie culturali a tutti nel tempo e nella regione, ma ci collega anche con il contesto storico dietro le reliquie culturali, trasmettendo il significato del titolo del museo: la conoscenza naturale.

Una delle mostre online al Museo Provinciale di Hubei è una bara interna laccata con motivi di drago e fenice catturati dalla tecnologia ad altissima definizione “One Billion Pixels” . Dal pavimento e l’anello ai motivi del drago e della fenice, i dettagli della bara laccata sono chiaramente visibili quando ingrandite.

Oltre allo shock visivo, possiamo anche capire che gli oggetti laccati dipinti sono un’importante conquista artistica del popolo Chu. L’ambiente caldo e umido nella parte centrale del fiume Yangtze è adatto per la crescita di alberi di lacca. Molti ornamenti di fenice.

Un’altra mostra online “Zenghouyi Bronze” nel Museo provinciale di Hubei non solo introduce il processo di scavo della tomba di Zenghouyi, ma introduce anche sistematicamente strumenti musicali, vino, utensili ecc., utensili per il cibo, armi, utensili per la casa.

Wang Xianfu, vicedirettore del Museo provinciale di Hubei, ha detto ad Ai Faner:

In passato, le persone restavano nei musei solo per assistere a mostre o cimeli culturali, o per partecipare ad attività, e la profondità e l’ampiezza erano molto più deboli. Poiché il numero di reperti culturali che possono entrare nel museo è limitato, un gran numero di reperti culturali non è entrato nella sala espositiva del museo. L’applicazione digitale delle reliquie culturali ha un campo e una portata più ampi: possiamo contattare direttamente più mostre tramite Internet, sentire di più il fascino della collezione e svolgere attività educative più corrispondenti.

Esistono altri modi per visualizzare Google Arts and Culture e le idee curatoriali non sono limitate da una singola collezione museale, che è uno dei vantaggi dei musei digitali.

Ad esempio, l’argomento “We Wear Culture” discute la storia dietro “What We Wear”, riunendo risorse museali e creatività curatoriale, rendendo popolare le origini di vari mestieri come i sari indiani e il ricamo di San Gallo. Esplora la relazione a lungo termine tra moda e arte, estendendo anche l’analisi dell’impatto della moda nel presente.

Online e offline, si completano a vicenda

Jiang Song, un appassionato di cultura e blog, crede che gli oggetti reali abbiano un’”aura” e informazioni storiche al loro interno.

È bello avere il digitale, ma avremo sempre bisogno di musei fisici per sentire il polso della storia.

Conosciuta come “la prima spada al mondo”, la Yue King Goujian Sword è uno dei tesori del Museo Provinciale di Hubei. Questa spada di bronzo è stata sepolta sottoterra per più di 2500 anni, quando è stata portata alla luce è stata inserita in un fodero di legno laccato, la decorazione era chiara e priva di ruggine.

Il 20 dicembre 2021 è stato inaugurato il nuovo Museo Provinciale di Hubei, la cui costruzione è iniziata nel 2016, e si sono tenute 6 nuove mostre, una delle quali è stata la “Mostra speciale della spada Yue King Goujian”. Per la prima volta, un solo pezzo è stato esposto in una sala espositiva reliquie culturali.

▲ La spada del re di Yue Goujian Immagine da: wiki/Siyuwj

Wang Xianfu, vicedirettore del Museo provinciale di Hubei, ha spiegato ad Ai Faner come mostrare insieme questa reliquia culturale e la storia dietro, portando nuove sfide al Museo provinciale di Hubei:

Come è stato scavato, come è venuto e l’analisi dei suoi mezzi tecnologici, lo metteremo tutti in questa mostra, in particolare la tecnologia di colata altamente sviluppata e la tecnologia di decorazione ad essa correlata in quel momento.

Inoltre, il Museo Provinciale di Hubei ha aggiunto al museo più esperienze multimediali e interattive.

La mostra “Tian Lai – Early Musical Instruments Unearthed in Hubei” esamina i primi strumenti musicali rinvenuti nell’Hubei e la loro evoluzione e testimonia l’origine, lo sviluppo e la prosperità della cultura musicale rituale. C’è anche una strada cieca e un’area interattiva per i non vedenti per sperimentare il pubblico non vedente.Il pubblico non vedente può suonare personalmente i rintocchi e sperimentare la tecnologia del casting di strumenti musicali.

▲ La campana di Zeng Houyi.

Questo pesante senso della storia e l’atmosfera umanistica dell’avanzare con i tempi, è difficile sentirlo senza la scena.

Wang Xianfu ritiene che in futuro i musei digitali e i musei fisici dovrebbero completarsi a vicenda in termini di esposizione di reliquie culturali e conduzione dell’istruzione per il pubblico:

Il metodo di esposizione e le reliquie culturali fisiche del museo fisico sono più intuitivi e possono ridurre la distanza tra il pubblico e il pubblico. Tuttavia, a causa dell’impatto di appuntamenti, epidemie, distanza, ecc., il numero di persone che effettivamente accedono al museo diminuirà e possiamo rimediare attraverso i musei digitali. Soprattutto negli ultimi anni, i musei digitali sono più apprezzati dal pubblico, il che amplia ulteriormente la diffusione e fa sì che i giovani apprezzino i musei e amino la nostra cultura tradizionale.

Il museo non è più una mostra attraverso il vetro, né è un interesse culturale di alto livello. Ciò che ci offre è l’opportunità e la libertà di conoscere vari artefatti in varie forme.

 

Li Ruoqiuhuang, per esorcizzare il male. Email di lavoro: [email protected]
casella di posta 8

#Benvenuto a prestare attenzione all’account WeChat ufficiale di Aifaner: Aifaner (WeChat: ifanr), contenuti più interessanti ti verranno forniti il ​​prima possibile.

Love Faner | Link originale · Visualizza commenti · Sina Weibo