Il file system interplanetario: come memorizzerai i file in futuro

Quando carichi un file o invii un tweet, le tue informazioni vengono nascoste in qualche mega data center di proprietà di una società in mezzo al nulla. Gli infiniti rack di computer in queste strutture contengono milioni di libri mastri e, con un semplice tocco, le aziende possono censurare o abusare dei dati.

Ma cosa succede se invece di consegnarli, ad esempio Amazon o Google, i tuoi dati vengono scomposti e sparsi in tutto il mondo in modo che nessuno tranne te e la tua chiave, nemmeno il governo, possa accedervi?

Archiviazione cloud decentralizzata

Questa è l’idea alla base di un nuovo framework online per l’archiviazione dei dati chiamato Interplanetary File System o IPFS. È stato pubblicato alcuni mesi fa e Skiff, un editor di documenti online, è una delle prime piattaforme a trarne vantaggio.

Skiff si presenta e si comporta come qualsiasi altro servizio di produttività con cui potresti avere familiarità, come Google Docs. Puoi creare nuovi documenti, modificarli insieme ai tuoi colleghi e generalmente utilizzarli come faresti con qualsiasi altro programma di documentazione. Tuttavia, quando si attiva il suo interruttore IPFS, memorizza tutti quei documenti in un modo che nessuna delle sue controparti può fare.

ipfs skiff - Il file system interplanetario: come memorizzerai i file in futuro

A differenza, ad esempio, di Google, che salverebbe il tuo file in una delle sue strutture di archiviazione, Skiffs lo divide in blocchi più piccoli, li crittografa con la tua chiave privata e li distribuisce su una rete di host. Questi host possono trovarsi in qualsiasi parte del mondo e non sono server imponenti in un magazzino gelido, ma piuttosto utenti come te e me con l’essenziale: un computer con spazio di archiviazione sufficiente e una connessione Internet.

Quindi, quando Skiff vuole recuperare i tuoi documenti, non avrà bisogno di stabilire una connessione con un server che si trova a migliaia di miglia di distanza: potrebbe probabilmente essere solo a pochi isolati da te. Il modo in cui Skiff individua i tuoi file è anche ciò che distingue IPFS da quello che usiamo ora.

L’URL è atteso da tempo per un aggiornamento

Vedete, Internet che conosciamo funziona su indirizzi fisici. Per caricare un’immagine, questa pagina Web o qualsiasi altro dato, il tuo dispositivo deve conoscere le coordinate del server in cui è memorizzato quel dato. IPFS capovolge quella configurazione. Invece della posizione dei dati, i suoi indirizzi puntano direttamente al contenuto stesso.

Ogni bit di dati IPFS ha un’impronta digitale univoca. Un’app come Skiff prende quell’impronta digitale e la immette nella rete IPFS, che rintraccia i percorsi più brevi verso tutti i bit di dati e li restituisce. Non solo è molto più veloce di viaggiare per miglia, spesso continenti, per ottenere i tuoi dati, ma consente anche di risparmiare tonnellate di larghezza di banda ed energia. Ma c’è di più sul motivo per cui IPFS è entrato in scena.

Costruire un Internet molto più resiliente

Poiché IPFS non centralizza le tue informazioni nei server di proprietà di una manciata di giganti, è più resistente alle interruzioni diffuse che stanno diventando sempre più frequenti , come l’ interruzione di Amazon di alcuni mesi fa che ha bloccato Slack ed Epic Games per ore. Inoltre, quando accedi a qualsiasi dato IPFS, viene memorizzato nella cache dei tuoi dispositivi a tempo indeterminato perché agisci anche come host. Quindi, anche in caso di guasto della rete o larghezza di banda sporadica, dovresti essere teoricamente in grado di continuare a navigare sul Web come al solito.

Anche i server IPFS non possono subire violazioni dei dati su larga scala, poiché tutti i bit di dati scomposti sono crittografati individualmente e sono privi di significato finché non vengono assemblati con la tua chiave e non possono essere intercettati durante il passaggio a un dispositivo .

“Con IPFS, non esiste un unico punto di controllo e di errore”, afferma Brendan Eich, CEO e co-fondatore di Brave, uno dei primi browser a consentire ai propri utenti di accedere ai contenuti IPFS direttamente dalla barra degli indirizzi web, “quindi è impossibile spegnerlo.”

Riportare Internet alle sue radici

IPFS è stato creato solo da un paio d’anni, ma trae ispirazione dagli stessi principi che hanno generato Internet decenni fa. All’epoca, l’obiettivo del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti era quello di costruire un sistema decentralizzato in grado di sopravvivere a eventi imprevisti e consentire la comunicazione peer-to-peer, proprio come funziona IPFS. Ma quando Big Tech ha preso il sopravvento, questi principi sono stati dimenticati e il potere del web è stato infine concentrato nelle mani di pochi.

IPFS fa rivivere quei fondamenti con una tecnologia migliore. Fa parte di una spinta più grande della Silicon Valley, soprannominata l’era del “Web3”, per decentralizzare ancora una volta il web.

Ci sono stati un paio di successi decentralizzati, come Napster e BitTorrent, dai primi giorni del web. Daniel Erik, che ricerca sistemi distribuiti presso il Berlin Institute of Technology, ritiene che le reti di dati di nuova generazione come IPFS “possano basarsi sui loro predecessori e trarre vantaggio dai progressi tecnologici per affrontare i punti deboli”.

La ricerca di Erik su piattaforme come IPFS ha rilevato un’ampia gamma di vantaggi, ma anche una manciata di sfide. Soprattutto, cosa succede ai tuoi dati se gli host tornano indietro in futuro?

Fatti pagare in criptovalute per l’hosting dei dati

Illustrazione composita di criptovaluta.
Taylor Frint/Trend digitali

La disponibilità a lungo termine dei dati è sempre stata un ostacolo per i sistemi peer-to-peer e IPFS non sarà diverso. Ma il suo creatore, Protocol Labs, ha un piano per mantenere le persone investite in esso: Cryptocurrency. La società intende distribuire la sua criptovaluta interna, Filecoin, agli utenti che affittano spazio di archiviazione e la speranza è che una volta che l’adozione di IPFS riprenderà, il valore di Filecoin crescerà e sarà sufficiente per attirare l’interesse principale.

È importante sottolineare, tuttavia, che Protocol Labs non lo sta facendo per i guadagni crittografici. L’obiettivo principale di IPFS è proteggere Internet dalla censura online aggressiva e dilagante. Negli ultimi anni, i governi di tutto il mondo hanno fatto ricorso sempre più alla censura del web per reprimere il dissenso e reprimere le rivolte. Poiché non esiste un interruttore centrale che chiunque possa attivare per avviare un determinato contenuto dalla rete IPFS, è meglio attrezzato per resistere alla censura. Nel 2017, quando la Turchia ha bandito Wikipedia, le persone sono state in grado di ripristinarlo ospitandolo su IPFS , mantenendolo in vita per tutti e tre gli anni in cui il sito Web in crowdsourcing è rimasto ufficialmente vietato nel paese.

Ma ciò che consente a IPFS di essere resiliente alla moderazione potrebbe anche potenzialmente rendere più facile nascondersi per i malintenzionati. BitTorrent è noto per consentire la condivisione illegale di file tramite reti peer-to-peer e gli esperti temono che IPFS possa finire per essere solo una versione più avanzata di esso.

“È un problema difficile”, ha detto Erik a Digital Trends, ma fortunatamente, aggiunge, gli sviluppatori stanno già costruendo contromisure per tracciare, segnalare e proteggere i dati protetti da copyright su IPFS, il che impedirebbe a questa rete di trasformarsi nel tipo di Internet oscuro ventre che BitTorrent è diventato.

Dalle persone, per le persone

Il percorso di IPFS e Web3 verso il mainstream sarà a dir poco una battaglia in salita, tuttavia, poiché le soluzioni decentralizzate devono affrontare la resistenza delle istituzioni finanziarie consolidate, dei governi di tutto il mondo e, soprattutto, delle grandi società che beneficiano del modello Web2 esistente.

Ma in definitiva, piattaforme come IPFS hanno senso per gli utenti finali perché sono più eque e trasparenti. Le app consumer come Skiff potrebbero offrire lo slancio di cui le tecnologie decentralizzate hanno bisogno per raggiungere il successo commerciale, sostiene Fan Long, professore di informatica all’Università di Toronto.

“In un mondo decentralizzato, le grandi aziende stanno perdendo il potere che hanno attualmente”, aggiunge Long. “La maggior parte delle aziende alla fine sarà costretta a unirsi alla tendenza o verrà esclusa”.