Il primo SSD da 200 TB al mondo è quasi arrivato, ma non puoi usarlo

L’era delle unità a stato solido (SSD) da 200 TB sembra essere all’orizzonte, con un successore dell’SSD più grande del mondo confermato in fase di sviluppo.

L’ExaDrive da 100 TB di Nimbus Data è diventato immediatamente il più grande SSD al mondo quando è stato lanciato più di due anni fa. Tuttavia, quel record apparterrà presto al suo successore, che potrebbe anche essere lanciato nel 2022.

ssd data port - Il primo SSD da 200 TB al mondo è quasi arrivato, ma non puoi usarlo
Bdavid32/Shutterstock

Il CEO di Nimbus Thomas Isakovich ha dichiarato a TechRadar che sta lavorando attivamente su un SSD da 200 TB. A parte l’ovvio aumento dello spazio di archiviazione, ha affermato che il prodotto offrirà miglioramenti sia in termini di prestazioni che di efficienza energetica rispetto all’unità da 100 TB.

Isakovich prevede che Nimbus “consegnerà questo SSD di prossima generazione nel 2022”. Ma a meno che il tuo sistema non sia un tipo di supercomputer, i normali PC non saranno in grado di installare questi SSD; sono progettati principalmente per lo spazio aziendale come data center e simili.

L’ExaDrive da 100 TB presenta un fattore di forma da 3,5 pollici, ma Isakovich non confermerebbe se le stesse dimensioni dell’unità verranno replicate per la versione da 200 TB. Altrove, Isakovich è rimasto a bocca aperta anche quando è stato apparentemente interrogato sull’unità da 200 TB dotata di un’interfaccia SATA o SAS e se sarà sviluppata con la NAND TLC/QLC.

Un fattore di forma da 2,5 pollici è normalmente la scelta ideale per i produttori, ma non è probabile che Nimbus decida di adottare quel design invece per il suo prossimo SSD mostruoso. Come evidenzia TechRadar, gli SSD ExaDrive sono in gran parte creati per sostituire le unità disco rigido esistenti utilizzate dai data center, il che indica che l’unità da 200 TB manterrà il fattore di forma da 3,5 pollici del suo predecessore.

Comprensibilmente, il prezzo era un’altra area che non è stata discussa. Tuttavia, a giudicare dal prezzo di $ 40.000 dell’ExaDrive da 100 TB, costerà inevitabilmente una piccola fortuna per metterne le mani su uno.

Il futuro degli SSD

Una coppia di unità a stato solido (SSD) posizionate su un case per PC.
Unsplash/Marc PEZIN

In ogni caso, queste unità a stato solido non sono progettate per il mercato dei PC consumer. A tal fine, TechRadar sottolinea che un SSD da 200 TB può svolgere efficacemente le stesse funzionalità di innumerevoli unità disco rigido da 3,5 pollici raggruppate insieme, “consumando molta meno energia, richiedendo meno raffreddamento e dissipando meno energia”.

I precedenti detentori del record per l’SSD più grande prima dell’arrivo dell’ExaDrive da 100 TB appartenevano rispettivamente all’unità SAS da 60 TB di Seagate e all’unità a stato solido da 30 TB di Samsung . Questi prodotti erano rivolti anche al mercato enterprise. Attualmente, le unità SSD consumer con la capacità più elevata offrono alcuni TB di spazio di archiviazione.

Pertanto, potrebbe volerci del tempo prima che gli SSD da 100 TB+ vengano introdotti nel mercato consumer. Tuttavia, poiché la tecnologia continua a evolversi a un ritmo rapido e con le aziende che spingono costantemente i confini per quanto riguarda i prodotti tecnologici, non sorprenderti se gli SSD da record e ad alta capacità progettati per i sistemi normali inizieranno a diventare più comuni prima piuttosto che dopo.

Dopotutto, abbiamo già visto alcune unità, anche se HDD , raggiungere la soglia dei 20 TB. Inoltre, nel 2021 è stato presentato l’SSD PCIe più veloce e con la capacità più elevata al mondo (64 TB).