Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

wordpress-guida

WordPress è la piattaforma di blogging più potente del mondo; quasi uno su tre siti su Internet è alimentato da WordPress. WordPress separa il contenuto di un sito dal codice back-end che guida il sito. Ciò significa che puoi eseguire un sito web completamente funzionale senza alcuna esperienza di programmazione web.

Se non hai mai eseguito un sito Web in precedenza, ti consigliamo vivamente di salvarti il ​​mal di testa e di pagare per un host WordPress gestito che gestisce il lato amministrativo per te. E per questo, non c'è niente di meglio di WP Engine .

Ma se vuoi provare a creare WordPress da solo, questa guida ti guiderà attraverso tutto ciò che devi sapere dal punto zero.

Salta avanti: Introduzione a WordPress | Concetti chiave | Operazioni di base | Ottimizzazione dei motori di ricerca | Gestione delle immagini | Promozione blog | Fare soldi | Backup e recupero | Ottimizzazione di WordPress

1. Introduzione a WordPress

Separando il layout delle tue pagine dal layout, WordPress può generare dinamicamente nuovi file HTML ogni volta che qualcuno visita il tuo sito. WordPress si occupa anche di collegare automaticamente i tuoi post insieme, creando la barra laterale con collegamenti ai tuoi ultimi contenuti e la gestione degli archivi. Infatti, poiché WordPress funziona con modelli di temi HTML che è possibile scaricare, non è mai necessario scrivere una sola riga di codice HTML: tutto ciò di cui ti devi preoccupare è scrivere il contenuto reale e caricare le tue immagini. WordPress si occupa della codifica del sito web, basta fornire il contenuto. È questa separazione di modelli e contenuti che ha aperto il mondo della gestione di un sito Web, un blog, per il mondo.

Perché WordPress?

Anche se WordPress è più comunemente usato per creare un sito in stile blog, che è tecnicamente solo una serie di post con una data e un'ora specifiche che sono stati pubblicati, può anche essere facilmente adattato per adattarsi a siti web statici, come per il tuo business locale , portfolio di artisti o persino un sito di shopping online completo. Mentre approfondisci WordPress, scoprirai che c'è un plug-in di WordPress per creare letteralmente qualsiasi tipo di sito web che potresti mai immaginare.

WordPress non è l'unico CMS in circolazione, quindi perché scegliere WordPress? Semplice:

  • È ricco di funzionalità, quindi con l'installazione di base dovresti essere in grado di tutto ciò che desideri. Se manca qualcosa per le tue particolari esigenze, è molto probabile che ci sia già un plugin per gestirlo per te. Il risultato è che non è necessario codificare nulla.
  • È maturo, creato nel 2003, ha avuto una lunga vita finora e continua ad essere in sviluppo attivo. Questo non è un nuovo software beta-release buggy, è incredibilmente stabile.
  • È sicuro Come con qualsiasi pezzo di software o sistema operativo, ci sono stati alcuni hack nel corso degli anni, ma gli sviluppatori sono stati in cima a loro rapidamente. Le ultime versioni includono avvertimenti importanti quando è disponibile una nuova versione, e fintanto che controlli regolarmente il tuo blog e aggiorni quando è necessario, ci sono pochissime possibilità che il tuo blog venga violato.

Non sei ancora convinto?

  • È incredibilmente facile da installare
  • Ci sono letteralmente migliaia di plugin per aggiungere funzionalità
  • Gestione di immagini e contenuti multimediali per siti istantanei di portfolio e foto
  • La codifica semplice per le funzionalità di base rende facile per i programmatori inesperti personalizzare il proprio blog a livello di codice, tuttavia in questa guida non mi occuperò di codifica.

La differenza tra WordPress.org e WordPress.com

wordpress1 - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

Molte persone sono comprensibilmente confuse circa la differenza tra WordPress.com e WordPress.org, quindi prendiamoci un momento per esaminarlo prima di iniziare.

WordPress.com ti fornirà un blog gratuito, ospitato sui propri server di WordPress. È più adatto ai principianti assoluti: non devi preoccuparti di configurare file o database e tutto è a posto per te. Un WordPress. com blog è simile a qualsiasi altro servizio di blog online come Blogspot o Tumblr. È il modo più semplice in assoluto per iniziare con WordPress, ma è molto restrittivo nei plugin e nei temi che puoi usare, in sostanza puoi scegliere da un catalogo limitato di stili prescelti e plugin approvati.

WordPress.org, d'altra parte, è il sito da cui è possibile scaricare il sistema WordPress auto-ospitato e caricarlo sul proprio server. Avrai bisogno di un server in grado di eseguire PHP e un database basato su MySQL. Creare un blog self-host è un po 'più difficile (pensaci 5 minuti anziché 1), ma ottieni molta più libertà di fare come desideri, personalizza come ti piace, ed è facile avere il tuo dominio dall'inizio . La maggior parte di questa guida si riferirà alla versione wordpress.org self-hosted.

Per aggiungere ulteriore confusione, molti host Web offriranno installazioni di WordPress.org con un clic che installeranno i file e configureranno il database per te, quindi non devi configurare nulla! Se si sceglie di ospitare con un server condiviso, questa è l'opzione consigliata.

Hai bisogno di web hosting? Utilizza questo link per ottenere una tariffa scontata speciale sul servizio di hosting WordPress di InMotion Hosting!

Considerazioni sul dominio

Se scegli di utilizzare l'opzione blog wordpress.com gratuita, l'indirizzo del tuo blog sarà something.wordpress.com (noto come "sottodominio"): puoi utilizzare il tuo dominio, ma è un aggiornamento a pagamento, a quel punto puoi anche comprare il tuo hosting.

Vale anche la pena considerare il futuro: un sottodominio gratuito di wordpress.com può sembrare valido ora per iniziare, ma se il tuo blog diventa popolare, o ti piacerebbe farlo, avere il tuo dominio personale è di fondamentale importanza.

Ne parleremo più avanti in questa guida nella sezione "ottimizzazione dei motori di ricerca" di base, ma se sei preoccupato e vuoi sapere di più sul perché dovresti avere il tuo dominio, vai avanti ora.

Opzioni di hosting per WordPress self-hosted

Budget web hosting è un'area molto competitiva e le opzioni variano enormemente, quindi sarei molto attento quando scegli il tuo host.

Lascia che ti spieghi alcuni termini chiave che devi conoscere e considerare prima, prima di continuare a suggerire i fornitori che ho usato personalmente nel corso degli anni e posso raccomandare vivamente.

CPanel: questo è un software standard del settore che controlla il tuo hosting, come la creazione di account di posta o database. Potrebbero volerci un po 'di tempo per imparare, ma è il default con la maggior parte degli host, quindi quando lo hai usato una volta lo saprai tutto. Di solito contiene anche un modulo chiamato Fantastico, che è un programma di installazione one-stop per WordPress e altre app web: basta inserire il nome del sito, la password, ecc. E per eseguire i c
omplicati passaggi del processo di installazione.

Larghezza di banda rispetto alla velocità: la maggior parte degli host di budget ti attira con promesse di spazio "illimitato" e larghezza di banda, il che significa che gli utenti possono scaricare o sfogliare il tuo blog a loro piacimento senza incorrere in costi aggiuntivi sulle bollette di hosting. In realtà, questo è completamente compensato dalla velocità con cui verrà eseguito il tuo sito, quindi anche se dovessi avere download costanti dal tuo sito, sarebbe così lento che nel corso del mese l'effettiva larghezza di banda utilizzata è minima. Quindi non lasciarti ingannare da queste vuote promesse.

Ci sono anche termini e condizioni rigidi per l'utilizzo del tuo spazio di archiviazione di hosting: potresti essere tentato di pensare che con spazio di archiviazione illimitato, potresti anche eseguire il backup dell'intero computer, giusto? Ma questo è generalmente vietato e lo spazio di archiviazione può essere utilizzato solo per "file specificamente correlati al sito web". In breve, l'ampiezza di banda illimitata è fuorviante, quindi sostituisci le parole "larghezza di banda illimitata" con "bassa velocità" ogni volta che la vedi all'interno di un discorso di marketing degli host.

Dominio gratuito: gli host di bilancio addebiteranno un premio ogni mese ma ti offriranno un "dominio gratuito" quando apri il tuo account. Quel dominio gratuito potrebbe costarti solo € 8 se dovessi acquistarlo da qualche altra parte, quindi assicurati di inserirlo nel calcolo dei costi. Fondamentalmente: non vale la pena urlare un dominio gratuito.

Domini aggiuntivi: verrebbe perdonato il fatto che con un hosting illimitato potresti aggiungere tutti i domini che desideri, ma non è sempre così. Per un host che menziono di seguito, domini aggiuntivi richiedono un € 30 / dominio annuo in aggiunta alla quota di registrazione del dominio effettivo.

Database: alcuni host ti daranno accesso ai database standard, mentre altri ti daranno invece un "database ospitato" separato, il che significa che è tenuto su un server remoto separato. I database ospitati sono più difficili da configurare manualmente con WordPress e mi ci sono volute ore per capire perché il mio nuovo WordPress non si installava la prima volta che provavo. Ovviamente, è possibile aggirare questo problema usando l'applicazione di installazione speciale dell'host (Fantastico o simile), ma preferisco girare la mia copia pulita di WordPress.

Cicli della CPU: con gli host condivisi di budget, c'è un numero elevato di utenti su qualsiasi server. Ciò significa che, mentre la larghezza di banda o lo spazio di archiviazione potrebbero essere illimitati, i cicli della CPU non lo sono di certo. Un certo numero di volte in cui ho provato a eseguire qualche nuovo plug-in di WordPress su un host condiviso per essere prontamente inviato una lettera di avvertimento dicendo che i cicli della CPU sono saltati e che il mio account sarà terminato in pochi giorni se non faccio qualcosa al riguardo .

Raccomandazioni di hosting WordPress

A questo punto, se non hai ancora un servizio di hosting, dovresti esaminarne uno. Non è possibile eseguire un sito WordPress senza un server ed è molto più facile pagare per un servizio di hosting che ospitare il proprio server web.

Invece di formulare raccomandazioni in questo articolo, ti indicheremo la nostra carrellata dedicata dei migliori provider di hosting WordPress . Vai con uno di questi host WordPress per ottenere il miglior botto per il tuo denaro.

Come installare WordPress

Come ho detto, puoi utilizzare l'installer standard di Fantastico fornito con il tuo hosting per configurare il tuo nuovo WordPress per te, oppure scaricare e provare a installarlo da solo. Vi suggerisco di provare entrambi, ad essere onesti, poiché scaricare e FTPare i file da soli è una buona pratica e avete la possibilità di guardare la directory e la struttura dei file dietro a WordPress. Avrai anche bisogno di creare un nuovo database per WordPress da utilizzare, quindi è un buon modo per imparare i dettagli di CPanel.

Piuttosto che ripetere le ottime informazioni già disponibili, ti indicherò la direzione del codice WordPress che contiene le istruzioni complete per l'impostazione di WordPress utilizzando il Cpanel standard del settore .

Per i deboli di cuore o impazienti, premi il pulsante di installazione di Fantastico e scegli un nome utente e una password. Il software center brand di GoDaddy è praticamente lo stesso.

Il pannello di amministrazione per l'installazione di WordPress è sempre accessibile su domain.com/wp-admin, ma se hai già effettuato l'accesso dovresti visualizzare una barra di amministrazione nella parte superiore dello schermo quando visualizzi una parte non amministratore del tuo blog.

2. Concetti chiave

WordPress è cresciuto negli anni per comprendere una varietà di tipi di contenuti e ha sviluppato una propria terminologia, quindi sarebbe utile apprenderlo prima di saltarlo.

Ecco cosa devi sapere prima di continuare con la guida:

Post: questo è il tipo di contenuto più fondamentale che costituirà la maggior parte del tuo blog. Un post è composto da un titolo, il testo del contenuto stesso, una data di pubblicazione, una categoria, tag e allegati associati (come le immagini). I post dei blog sono generalmente pensati per essere visualizzati cronologicamente con i nuovi che appaiono per primi. Gli archivi mensili sono generati automaticamente, così come un feed RSS dei tuoi ultimi post.

Pagina: sono stati creati per ospitare contenuti statici per il tuo sito che non dovrebbero avere una data di pubblicazione, ad esempio Informazioni personali o Modulo di contatto. Inoltre, non hanno bisogno di essere taggati o categorizzati e non sono inclusi quando gli utenti sfogliano gli archivi del tuo blog. In genere si utilizzano sempre le pagine per i contenuti a cui si desidera collegare dalla prima pagina. Le pagine possono anche essere gerarchiche.

Categorie: termini generici per classificare i post. I post possono avere una o più categorie e quando gli utenti sfogliano un archivio di categorie, verrà mostrato un elenco di tutti i post in quella particolare categoria. Puoi anche assegnare sottocategorie per creare una gerarchia se il tuo blog ne ha bisogno. Le categorie non sono realmente facoltative, sebbene il sistema stesso non ti forzerà: se non riesci a classificare qualcosa, verrà assegnata una categoria predefinita di "non classificata".

Tag: i tag devono descrivere il post più specificatamente delle categorie e possono essere utilizzati dai motori di ricerca per valutare la pertinenza della pagina. Ti permettono di creare widget "tag cloud" e hanno anche pagine di archivio simili alle categorie. Non sono essenziali, ma raccomandati. Non sai come taggare i tuoi post? Un buon esempio potrebbe essere un blog di ricette, con categorie di pane, piatti principali, antipasti, dessert ecc. Ogni ricetta potrebbe quindi essere etichettata con gli ingredienti, in modo che gli utenti possano ad esempio visualizzare tutte le ricette di pane o visualizzare tutte le ricette fatte ( taggato) con farina.

Widget: piccoli blocchi di funzionalità che puoi aggiungere al tuo blog in vari luoghi, a seconda che il tema li supporti, in genere però nella barra laterale. Possono davvero fare qualsiasi cosa e spiegherò di più su di loro più tardi.

Permalink: indica l'UR
L da cui si accede alla pagina. Per impostazione predefinita, il permalink di un determinato post sul blog può sembrare come yourdomain.com/?id=12345 , che ovviamente non sembra così bello. Più avanti, ti spiegherò come puoi cambiare questo per essere "piuttosto permalink" della forma yourdomain.com/deliciousbread-recipe.

Commenti: tariffa standard per i blog al giorno d'oggi, ma puoi disattivarli. Le pagine non possono essere commentate per impostazione predefinita, solo i post del blog.

Temi: come viene visualizzato il tuo blog e WordPress ha i temi più liberi di qualsiasi sistema, letteralmente centinaia di migliaia tra cui scegliere. Scegliere uno può essere facile o un incubo, ecco perché un'intera sezione di questo libro è dedicata ad esso. Vedi gli elementi chiave della maggior parte dei temi a destra.

Menu: una nuova aggiunta a WordPress versione 3 e consentono di creare menu personalizzati in tutto il tema (supponendo che li supporti). Daremo un'occhiata a questa funzionalità in modo più dettagliato in seguito, ma tieni presente che molti temi non sono stati aggiornati per includere ancora questa funzionalità.

Immagini in primo piano: consente di specificare facilmente e facilmente un'immagine associata a un post. Una volta impostato, i temi che supportano le immagini in primo piano visualizzeranno automaticamente l'immagine accanto all'estratto del post o in vari punti del tema. Aggiungere l'indicazione visiva accanto al titolo di un post aumenta drasticamente la probabilità che i lettori cliccino attraverso per leggere l'articolo. Non preoccuparti se il tuo tema non supporta direttamente le immagini in primo piano – ti mostrerò più avanti nel libro come puoi aggiungere questa funzionalità in te stesso quando ci occupiamo di un piccolo editing di temi.

Primi passi essenziali in WordPress

Anche se la famosa installazione di 5 minuti ti offre un sistema WordPress completamente funzionante sin dall'inizio, ci sono alcuni passaggi che consiglio di fare prima di fare qualsiasi altra cosa.

Abilita controllo spam di Akismet: rimarrai sorpreso dalla rapidità con cui gli spammer possono trovare il tuo blog e avviare lo spamming dei commenti. Ho lasciato un blog in uno stato di installazione di base una volta e in una settimana ha acquisito 100 notifiche di commento per il post di esempio "Hello World!". Dirigiti prima per iscriverti a una chiave API Akismet, poi attiva il plugin Akismet e configura la tua chiave API. Questo catturerà automaticamente la maggior parte dei commenti spam che possono rapidamente travolgerti.

Modifica la tagline del sito. Dopo l'installazione iniziale, la tua home page mostrerà una tagline di "Solo un altro sito WordPress". Vai alla schermata delle impostazioni generali per cambiarlo e non dimenticare di salvare.

Abilita i permalink piuttosto. Dalla pagina Impostazioni> Permalink puoi scegliere un nuovo stile URL in modo che il tuo URL abbia un significato per loro. Puoi personalizzare questo come preferisci.

Scegliere un tema WordPress

Come con qualsiasi sistema che diventa il più popolare, le persone tenteranno di sfruttare gli utenti inconsapevoli. Per WordPress, questo è stato sotto forma di collegamenti nascosti nei codici tema, spesso a siti di contenuti dubbi e codificati in modo tale che il tema si interrompe se si tenta di rimuoverli.

Diffidare di scaricare temi gratuiti da siti Web casuali. Questa è un'area grigia in senso morale: alcuni designer di temi si guadagnano da vivere vendendo questi link per le spese pubblicitarie e sono quindi in grado di fornire gratuitamente il tema. Se il tema proviene da un designer stimabile, in genere lo scaricheresti dal sito del designer piuttosto che da un sito di raccolta di temi, quindi ti suggerirei di lasciare il link lì o di pagare il designer per rimuoverlo (di solito lo offrono come servizio premium). Altrimenti, direi di attenermi all'archivio dei temi ospitato da WordPress su wordpress.org, dato che i temi sono stati controllati e c'è una forte comunità dietro di loro. Basta fare attenzione a cercare su Google "temi gratuiti per WordPress".

Più recentemente, alcuni temi includono anche malware incorporato in essi che trasformerà il tuo sito Web in una macchina spamming, e ho visto gli effetti di questa prima mano nel peggiore dei casi con conseguente addebito di eccesso di larghezza di banda di € 1.000 perché il server compromesso stava inviando inviare email di spam ad un ritmo allarmante. Quindi ripeto ora, mai e poi mai scaricare da un sito non affidabile, in particolare qualcosa che hai trovato dopo aver cercato su Google "temi wordpress gratuiti".

Dove scaricare in modo sicuro temi WordPress

Archivio tematico ufficiale WordPress : nel caso in cui non lo sapessi, puoi accedere a questo utilizzando la schermata di amministrazione di WordPress stessa piuttosto che visitare il sito reale. Basta selezionare Aspetto> Temi> Installa Temi e cerca le parole chiave o filtra i tag del tema.

wordpress themes - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

WPShower : una selezione di temi premium e gratuiti, alcuni dei quali sono presenti nella selezione Photoblog / Portfolio di seguito.

Smashing Magazine : Sebbene sia principalmente un blog di design che copre una varietà di argomenti, a loro piace arrotondare il meglio dei nuovi temi gratuiti e sponsorizzare regolarmente una nuova release a tema, quindi vale sicuramente la pena iscriversi al loro feed.

Sito5 : i temi premium (o a pagamento) sono ovviamente un'altra opzione, quindi se sei disposto a spendere fino a € 50 su un tema unico o andare a un tema "club", allora questi sono alcuni dei posti migliori per iniziare a cercare:

  • WooThemes: Il più costoso del lotto a € 15 al mese per accesso illimitato ai temi, ma di grande qualità.
  • ThemeForest: la più grande collezione di temi premium, tutti a prezzo individuale.
  • ElegantThemes: una selezione molto completa e ottieni accesso illimitato a tutti per € 39.

Se stai cercando temi specifici per foto-blog, vai al capitolo su Gallerie e gestione foto.

Alla fine del libro introdurrò altri grandi siti di risorse WordPress, ma per ora puoi iniziare a lavorare sul tuo nuovo blog usando il tema predefinito, trattato nel prossimo capitolo, o andare avanti e scegliere un tema diverso da le fonti che abbiamo elencato sopra.

3. Operazioni di base: scrivere il tuo primo post

Questa sarà la sezione più breve di questo articolo, perché WordPress è così intuitivo che non hai davvero bisogno di istruzioni per iniziare sul fronte della scrittura.

Infatti, la maggior parte delle funzionalità disponibili in WordPress è a portata di clic con l'utile barra degli strumenti di amministrazione. Una volta effettuato l'accesso al sito, dovresti vederlo su qualsiasi pagina visualizzata sul tuo sito. Non preoccuparti: solo tu puoi vederlo, non i tuoi normali visitatori.

wordpress posting1 - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

Per scrivere un nuovo post sul blog, passa con il mouse su Aggiungi nuovo> Pubblica nella barra laterale di sinistra. È così semplice. Nell'area di amministrazione, c'è anche un pulsante per scrivere un nuov
o post in alto a destra e un link nella sezione Post sulla barra laterale in ogni momento. Le cose dovrebbero essere auto esplicative da lì.

Suggerimento: se ti ritrovi ad avere un'improvvisa esplosione di ispirazione, ma non vuoi pubblicare tutto in una volta, puoi impostare la data di pubblicazione in futuro. Il pulsante Pubblica diventerà Schedule e al momento impostato il post verrà pubblicato automaticamente. Molto utile se stai facendo una lunga vacanza.

wp posting - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

Quando scrivi un post, ci sono due modalità di modifica: la scheda Visuale ti darà un'anteprima della vista post-WYSIWYG, se lo desideri, mostrando le immagini e la formattazione del testo che hai applicato. L'articolo finale dipenderà ovviamente dal tuo modello tematico, motivo per cui c'è anche un pulsante di anteprima per vedere il tuo pezzo finito nel contesto e apportare modifiche.

Come caricare un'immagine su WordPress

Nella schermata di modifica dei post, fare clic sul pulsante Aggiungi media per aprire la finestra di dialogo di caricamento delle immagini.

add media - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

Dopo aver scelto un file sul tuo computer locale e aver eseguito il caricamento, ti verrà presentato il seguente schermo un po 'confuso, quindi diamo un'occhiata a questo in un piccolo dettaglio.

media library - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

Innanzitutto, il collegamento Modifica immagine è molto utile e consente di ritagliare, ruotare e ridimensionare l'immagine. È facile trascurare però, e per la maggior parte probabilmente non ne avrai bisogno. Seguendo sullo schermo ci sono alcuni campi di testo che puoi inserire. Se aggiungi una didascalia, verrà visualizzata sulla tua pagina sotto l'immagine. Il titolo, il testo alternativo e la descrizione sono tuttavia nascosti. Verranno utilizzati per entrambi i browser che non possono visualizzare immagini o utenti con problemi di vista o da Google quando le persone eseguono una ricerca di immagini. Impostarli non è necessario se non un titolo, ma se hai una foto di cui sei particolarmente orgoglioso o forse un'immagine che hai creato (come un'infografica), allora vale la pena di impostarli.

Successivamente, l'URL del link. Questo determina se gli utenti possono fare clic sull'immagine per una versione più grande oppure no. Se non vuoi che succeda nulla, scegli Nessuno. Se desideri che siano in grado di aprire la versione completa dell'immagine, scegli l'URL del file. L'URL del post collegherà l'immagine alla sua pagina (la pagina "allegato"), che ha l'aspetto di un normale post ma contiene solo quell'immagine. Dal momento che generalmente inserirai le immagini in buone dimensioni per il tema, il collegamento a una pagina di allegato separata è alquanto ridondante, il migliore per collegarsi all'URL completo del file se si desidera effettivamente che gli utenti possano visualizzare l'immagine completa a tutti.

add media3 - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

L'allineamento determina se il testo scorre intorno all'immagine (sinistra o destra) o se si trova da solo, con il valore predefinito none o al centro della pagina. Di nuovo, se hai impostato le dimensioni delle immagini per adattarle perfettamente alla tua pagina, non dovresti averne bisogno. Se un'immagine è solo metà della larghezza della tua colonna di contenuto completo, spesso sembra meglio allineata a sinistra o a destra con il testo che scorre e aiuta a evitare spazi vuoti.

La dimensione è un'opzione importante. Queste dimensioni sono impostate dal tema o impostate dall'utente dalla pagina Impostazioni> Media. Anche se è una questione di preferenze personali, preferisco impostare la dimensione media come la soluzione perfetta per la mia colonna di contenuti, con grandi dimensioni a sinistra con la risoluzione alta predefinita – questo mi dà la possibilità di creare una galleria di foto di foto dovrei vorrei ad un certo punto.

Infine, Immagine in primo piano è l'immagine che hai scelto per rappresentare quel post. A seconda del tema, può o non può essere utilizzato come anteprima in tutto. Anche se il tema corrente non ne fa uso, è buona norma impostare l'immagine in primo piano nel caso in cui si aggiorni in un secondo momento a uno che lo fa, o decidere di hackerare la funzionalità nel tema esistente da soli. Per un brillante esempio di immagini in primo piano in uso, controlla la homepage di MakeUseOf: quelle miniature che vedi funzionano tutte come immagini in primo piano.

Dopo aver impostato tutte le opzioni appropriate, puoi procedere e inserire l'immagine per posizionarla ovunque il cursore si trovasse per ultimo nel testo. So che il processo di caricamento delle immagini può sembrare un po 'ingombrante, ma le tue impostazioni vengono ricordate così il più delle volte in realtà devi solo caricare upload> insert. Se questo ti mette ancora giù, considera l'utilizzo di un pacchetto software esterno da cui pubblicare (consulta il capitolo sui suggerimenti casuali per come farlo).

Questo è tutto ciò che scriverò riguardo alle operazioni di base, perché oltre a ciò tutto è così intuitivo – semplicemente non hai bisogno di una guida. Per aggiungere un plug-in, troverai l'opzione Aggiungi> Plugin nella barra degli strumenti di amministrazione oppure l'opzione Plugin> Aggiungi nuovo menu nella barra laterale.

plugins - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

I temi possono essere gestiti e installati dal menu Aspetto> Temi e impostato dal widget Aspetto> Widget. Vedi cosa intendo per quanto intuitiva sia?

Mentre installi altri plug-in, troverai altre voci di menu che appaiono in quella barra laterale sinistra. Sfortunatamente, spetta al singolo creatore di plug-in scegliere esattamente dove o quale sezione sono posizionati, quindi se non riesci a trovare la schermata delle opzioni per il plug-in che hai appena installato, prova ad espandere tutte le sezioni e controllare ogni link-it Sarò lì da qualche parte. Ti incoraggerei anche a esplorare tutte le voci del menu delle opzioni, quindi sappi che hai un'idea di alcune delle funzionalità di WordPress.

Come incorporare video di YouTube in WordPress

WordPress ha una piccola magia per te in quest'area. Piuttosto che faticosamente andando su YouTube, espandendo la scheda condivisa e infine copiando e incollando i codici di incorporamento degli oggetti, è sufficiente incollare l'URL del video direttamente nella schermata Modifica post. Se visualizzato in anteprima o pubblicato, WordPress incorpora automaticamente il video. Nessun codice disordinato, nessun embed complicato, basta incollare l'URL e lasciare che WordPress faccia il duro lavoro.

Capire i widget in WordPress

Poiché la community di utenti e il numero di sviluppatori che lavorano per migliorare WordPress sono così numerosi, ci sono letteralmente milioni di plugin e widget che puoi aggiungere al tuo sito. Ma quali sono i widget?

I widget sono piccoli blocchi di funzionalità e possono andare da qualsiasi cosa semplice come mostrare un elenco dei tuoi ultimi 5 post del blog o dei tuoi ultimi tweet, a un widget di Facebook Connect che mostra gli avatar dei tuoi fan di Facebook.

Per gestire i tuoi widget, vai alla voce Aspetto> Widget nella barra laterale del tuo dashboard di amministrazione o nella barra di amminist
razione che appare in tutto il sito. Sul lato destro dello schermo ci sono le varie aree del widget che sono disponibili sul tema corrente. Tuttavia, se non viene mostrato nulla qui, il tema scelto non supporta i widget. Trova quello che fa. Alcuni temi supportano più widget, ad esempio sia nella barra laterale che nel piè di pagina.

add media4 - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

Trascina e rilascia i widget dalla casella "Widget disponibili" nella barra laterale o in un'altra casella di widget sulla destra. È anche possibile riorganizzare l'ordine di tutti i widget già presenti. Una volta inseriti, la maggior parte dei widget può essere personalizzata in qualche modo. Mostra le opzioni facendo clic sulla freccia rivolta verso il basso per aprire la schermata delle opzioni dei widget e non dimenticare di fare clic su Salva se hai un intervallo. Alcuni widget funzioneranno come sono, o non hanno bisogno di essere personalizzati.

WordPress viene fornito con una serie di widget integrati che eseguono una varietà di funzioni, quindi leggi le descrizioni e provale sul tuo sito, la maggior parte delle quali si spiega da sé. Personalmente, ti suggerisco di usare almeno:

  • Ricerca
  • Post recenti, che mostrano gli ultimi 5 post.
  • Elenco di categorie
  • Link, per mostrare i tuoi blog preferiti

Per mostrare gli ultimi post di un blog diverso (che non è necessariamente il tuo), usa il widget RSS. Questo preleverà dinamicamente gli ultimi post dal feed RSS del sito, anche se dovrai inserire l'indirizzo del feed corretto. Per un altro blog di WordPress, l'aggiunta / il feed alla fine dell'URL della home page dovrebbe funzionare correttamente.

Potresti aver notato che il tuo sito ha già widget che funzionano sulla barra laterale per impostazione predefinita, ma lo schermo dei widget non mostra nessuno come attivo. Questo perché molti temi hanno un set predefinito che mostrano quando l'utente non ha personalizzato nulla. Se inizi a personalizzare l'area del widget trascinando e rilasciando anche un solo widget, i valori predefiniti scompariranno tutti per mostrare la tua area personalizzata. Se lo rimuovi di nuovo, il default si avvia.

Noterai che c'è anche un altro box chiamato "Inactive Widgets". Trascinando qui uno dei tuoi widget esistenti, puoi "salvarlo", mantenendo le impostazioni. È possibile trascinare più copie dello stesso widget qui e ciascuna verrà salvata per un uso successivo.

Come ottieni più widget?

I widget sono solo un altro tipo di plug-in e molti tipi di plug-in per l'aggiunta di funzionalità. Se vuoi sfogliare i plug-in che sono stati specificamente etichettati come widget o con widget, puoi sfogliarli dalla schermata Plugin> Aggiungi nuovo, dove "widget" è uno dei tag principali. Un modo molto migliore di farlo è solo per cercare il tipo di widget che si desidera. Digita "twitter" (ad esempio) e troverai migliaia!

4. WordPress e Search Engine Optimization (SEO)

Tratterò brevemente il SEO perché i buoni contenuti da soli non sono sufficienti per far notare il tuo blog e la maggior parte dei blogger si arrende presto se non vedono un buon numero di visitatori o feedback da essi. Assicurarti che il tuo blog sia ottimizzato per i motori di ricerca è solo una parte della storia però: dai un'occhiata al prossimo capitolo per varie strategie per promuovere il tuo blog.

Cos'è il SEO?

Fondamentalmente, SEO significa assicurarsi che il contenuto possa essere trovato, quindi il tuo autorevole post sul blog su "come nutrire i polli" si spera apparentemente da qualche parte tra i primi 10 risultati quando un utente cerca su Google quella frase particolare. Certo, nessuno può garantire che tu possa mai classificarti bene, e in definitiva è la * qualità * dei tuoi contenuti che ti manterrà lassù come una fonte affidabile di informazioni, ma SEO è il launchpad da cui inizi e datti la migliore possibilità possibile.

siteflow - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

Perché dovresti preoccuparti di SEO

Per molte persone, l'ottimizzazione dei motori di ricerca è una sorta di black art che semplicemente non si applica ai blog, alcuni addirittura la considerano una sorta di "hacking illegale" per rendere il tuo sito più attraente per Googlebot. Mentre quella parte del soggetto certamente esiste, la maggior parte delle tecniche SEO sono semplici buonsenso che dovrebbero essere applicate a tutti i siti Web su Internet. Ci sono anche alcune pratiche che devi fare attenzione, in quanto possono davvero danneggiare la tua posizione con Google.

Lascia che ti dica dall'esperienza che il SEO è qualcosa che devi prendere in considerazione fin dall'inizio: è molto difficile cambiare le cose una volta che hai accumulato un backlog dei post del blog indicizzati, e hai già ricevuto visitatori e link provenienti da altri blog e rimarrai bloccato nella terra della mediocrità del blog fino a che non rinuncerai a postare un giorno. Credimi, sono stato lì.

seo1 - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

Disclaimer: Nessuno può sapere come funziona l'algoritmo di ranking di Google, ed è per questo motivo che tentare di giocare al sistema è sconsiderato nel migliore dei casi. Quello che puoi fare è seguire una serie di best practice pubblicate da Google, ascoltare i consigli di chi ha esperienza e prendere le tue decisioni. Alla fine, gran parte del SEO è un semplice buon senso e, finché scrivi contenuti di qualità per i quali il contenuto è facilmente identificabile, dagli esseri umani, allora dovresti fare proprio bene.

Primi passi per SEO

Scegli una serie di parole chiave e, se possibile, concentra il tuo blog su un singolo argomento. Se si scrive un sacco di articoli di alta qualità su un unico soggetto, e il soggetto è nel titolo del blog e del dominio, allora si avrà rango bene per quella parola chiave. E 'così semplice. My own site, ipadboardgames.org is currently ranking on the first page in Google for the keywords “iPad board game(s)” precisely because it is focused on one topic only, and has quality, trusted reviews that are linked to around the web.

seo2 - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide
But what if your site is not about a single topic—such as a general “about me” or personal blog? This is the most difficult to consider for SEO so you can expect to not rank particularly well for anything other than your own name. Try to write about a few unique, niche topics that you have expert knowledge on and you'll find you get a lot of traffic from those which will convert to regular visitors. For example, I once owned a blog that was a mix of mediocre tech tutorials, but one article was about how to install Windows using Bootcamp on a Macbook when the superdrive was broken—at the time it was one of only a few pages around detailing the process, and was even linked to from piratebay.org, which literally rocketed the blog to around 500 visitors a day.

A third type of blog you may be interesting in creating is about you, but also offering your professional services. In this case you still need to target some particular keywords “tree cutting Wisconsin”, but it's important you also regularly publish and share your specialized knowledge on the topic, thereby establishing yourself as an expert. Simply putting up a “business card” site just isn't enough anymore—you need to produce fresh content on a regular ba
sis.

General SEO Advice for Any Site

The first thing you should do if launching a new site is to get a personalized, unique, relevant domain name like yourdomain.com .

Depending on the type of blog you're planning on making, the domain name is a good way to get a head-start with your Google rank. Basically, “exact match domains” are a key sign to Google that your site is relevant to a particular topic. All things being equal—an exact match of the domain will always win out against something generic. Subdomains don't count, by the way.

Set Correct Meta-Tags For Title and Description:

The page title is what appears in the user's browser at the top of the screen—as well as the title shown in Google search results. WordPress does quite well by default on titles, but you should avoid any that are too long or you may want to adjust the structure slightly. The meta-description is not human-readable on your blog itself, but it is used by Google in the search results page if you have one. If the description isn't set, Google will attempt to extract some part of your page that it deems relevant to the search query (in fact, it may do this anyway and just ignore your perfectly crafted description if it thinks it isn't relevant to the user at hand), so make sure you set one.

seo3 - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

By default, WordPress doesn't set a description, so you'll need a plugin for this which I will describe later.

Use Images to Your Advantage:

One easily overlooked area of incoming search traffic is from Google Image Search. In one site I've managed, the traffic shot up 100-fold overnight because of a single image related to recent news—with that in mind, you can leverage images as an untapped source of traffic. Specifically, the image ALT and TITLE tags need to be set so they are relevant to your keywords. If you page is about “feeding chickens”, and you have a photo of a feed mix you made, with the filename “DSC1001.jpg”, and no ALT or TITLE tags set, you are throwing away a big traffic opportunity.

An easy way to make sure you leverage this is to fix the relevant fields when you upload images using the WordPress image uploader (see the screenshot), but what if you've forgotten to do it for all your existing posts? In the case, install the helpful SEO Friendly Images plugin . It will automatically add relevant tags to all your images, according to the title of the post they're attached to—it's not ideal, but certainly better than nothing.

Avoid duplicate or “low quality” content:

It should go without saying that copying someone else's content is bad, but many websites would previously do this automatically by simply “scraping” RSS feeds—there are even WordPress plugins that will do this for you. Make no mistake though, this practice is now easily recognizable by Google and results in a swift de-indexing of the offending site. It is therefore absolutely crucial that you don't copy and paste content from another source—make sure your blog posts are original! This doesn't mean you can't embed YouTube videos or quote another page, but make sure you do something else on top of that.

You should also make sure that each page of your site has a significant amount of good content—Google will penalize you for “low quality” content if you publish a post with just two or three sentences on it. So does this mean you can't post little thoughts or links you find? No, but it does mean they shouldn't be a blog post. Consider using the “asides” post type of the default twenty-eleven theme which shows the posts on the blog without giving them a whole separate page—or post them on Twitter. A good rule of thumb is that a blog post should be at least 300 words.

Easy SEO in WordPress With a Plugin

Yoast SEO is a fantastic free plugin that I always install on any new site.

seo4 - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

There's too much functionality to cover it all here, but here's some highlights of what it does:

  • Rewrites title tags so post titles come at the beginning, and allows you to write custom title tags for any archives or specific pages.
  • Meta description editor , to easily add relevant meta descriptions site-wide and customize for individual pages and posts.
  • Avoids duplicate content by setting the rel=canonical tag for you (if you don't understand what this means, it's a way of telling search engines what the original page was, since WordPress is capable of presenting the same post at multiple different URLs)
  • 404 monitor to make sure your site remains error free.
  • Slug-optimizer is perhaps the most curious sounding feature ever, the slug-optimizer removes useless short words from your pretty permalink URLs thereby making them shorter and more relevant.
  • Social lets search engines know which social profiles are associated with the site.
  • XML Sitemap handles XML sitemap generation for you.
  • Advanced SEO takes care of advanced issues like breadcrumbs, custom permalinks, and RSS feed settings to identify your site as the original source of content.

Basically, it handles every aspect of SEO you will ever want, but you can disable any parts of it you don't need. Some are quite advanced and certainly not topics we can cover in this guide, but as you learn more about SEO, you can be sure you won't need to change plugins to get that extra functionality.

5. Galleries and Photo Management

If you only need to embed galleries of pictures into your posts occasionally, WordPress has built-in gallery functionality so you don't need extra plugins. Just upload the images on the appropriate post—you don't need to insert them, just upload (we call this “attaching” them to the post), then insert the shortcode wherever you want the attached images to appear.

Gallery and Photoblog Themes

  • Revolt Theme : Check it out for yourself to get the full effect.
  • Portfolio : straight up square grid portfolio, minimalist but professional.
  • Imbalance : From the makers of the Portfolio theme, this is a brighter, more modern theme.
  • Mansion : Removes any whitespace between photo previews and focuses on what matters.
  • Square : Rather than trying to jam 20 photos on one screen, BigSquare simplifies things down to one photo after another complete with a quick information section on the side.

Photo Gallery Plugin

By default, WordPresss will attach images to a post. For most cases this is fine, but you may find yourself wanting something more powerful, with the ability to manage separate albums or galleries. In that case, I recommend a plugin called NextGen Gallery.

There's also quite a few plugins for the NextGen Gallery plugin itself, which might hint at how powerful it is.

- Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

With this installed, photo management is entirely separated from blog posts. Yo
u have Galleries which consist of one or more photos (one of which can be specified as the preview image for that gallery), and albums which consist of one or more galleries. You can still easily embed an entire gallery or album within a blog post if you need to (“hey, posted these to the gallery from Sam's wedding”), but you can also have a “photos” section, with all the galleries you have listed.

Photo uploads are also more powerful, with the option of either a zip, batch or individual uploads, and you can choose which gallery they go in (or automatically make a new one) when you upload. To embed you can either use the shortcodes provided [nggallery id=?] or use the new button on your visual editor bar. Read more about the plugin , or simply install using the Plugins > Add New and searching for it.

6. WordPress Blog Promotion

In this short section, I'll take a look at some proven strategies to promote your blogs, including practical methods you can put into practice, some warnings, and plugins you can make use of.

To simply write your blog isn't enough—you need to put yourself out there in the “blogosphere”—get in contact with other blog owners about possible link exchanges, and comment on other blogs that interest you or are related to yours.

A word of warning about commenting. Comment forms allow you to enter your name and website URL as a thank you link for giving feedback, but some users choose to take advantage of this by typing in their target keywords instead of a name—so that insightful comment might be written by “Best Dating Site”.

spam - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

Opinions vary in the blog community over the legitimacy of this, but at MakeUseOf we take a strong stance against it—if you enter your name as a set of keywords, rest assured you will be deleted and banned from commenting. Also, make sure your comment is actually adding something to the conversation—it's easy to just write “hey, great blog post” and suddenly get your link in the comments, but again it's a morally grey area. Please, don't contribute to the mountains of web spam already out there.

Guest Blogging

Guest blogging is also a great opportunity, whereby you write a guest post on someone else's blog in exchange for a link in the article somewhere. MyBlogGuest (http://myblogguest.com/) is created by our own ex-writer Ann Smarty, and it's a great system to find suitable blogs or even guests to post content on your blog (and give you a well needed holiday).

Participate in a Blog Carnival

A blog carnival is when a topic is given, and writers from various blogs will write about that topic hoping to be included in the round-up. When the carnival submission process is over, the leader will write a round-up post highlighting all the best entries and linking to them. These can be very productive in terms of getting new traffic, as the lead blog usually has high numbers of readers to nudge in your direction.

As with commenting, try not to be too spammy and make sure the carnival you're participating in is actually related to your website—it's no good promoting your Asian dating site on a gardening carnival. The best way to find them is to search google for “blog carnival” followed by the topic of your choice.

Encourage Social Sharing

Some people are really getting sick of seeing a “Like” button plastered on everything these days, but there is absolutely no denying the power of social sharing for websites.

social - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

Adding some social share buttons to your blog posts couldn't be easier with these plugins:

  • ShareThis : My recommended method as it produces very attractive share button strips with or without share counts, and includes a recognizable all-in-one share button, used by thousands of websites.
  • ShareDaddy : Creates an individual button as well as an all-in-one share/email button.
  • AddToAny : Creates a single share button that expands to show sharing links on various social networks.

If you're comfortable editing the theme files, you can also grab the codes directly from the relevant sites. See these links to generate the codes for the most popular social services:

7. Making Money With Your Blog

A lot of people start blogging believing that it's an easy way to make money—just write something interesting, throw some ads on the page and you'll be rolling in free cash in no time. Like all get-rich-quick schemes, the reality is quite different. I don't want to put you off creating a blog to make money—if that's your intention then fair enough.

But you ought to know that's it's going to be a lot of hard work, the payback will be very little for a long time, and even after a few years you may just be making pocket change. Having said that, I'd like to introduce you to just a few of the ways in which you can monetize your blog.

Personally, I've been writing websites and blogging on various topics for close to 10 years now. It's only in the last year or so that I actually began to earn a living doing what I love.

Google Adsense

The classic way to monetize your blog is with Google Adsense advertising revenue. Head on over to adsense.google.com to apply, and use the easy tools to design your own blocks of advertising. There's a variety of shapes and sizes on offer, but stick to the Responsive size, which tends to produce the best results.

The easiest way to add these ads to your page is to open up the relevant template, then copy and paste the code in where you want it, but if you're uncomfortable editing theme code, use the plugin “All in One Adsense and YPN” to do this for you. Be warned, the plugin is set to donate a proportion of your ads displayed by default to the plugin creator, so if you don't want to do this then add 0 to the Donation setting.

Affiliate Links

The concept of an affiliate link is that you encourage your readers to purchase either in a particular store or a particular product, and in return you get a percentage of the sale. Amazon is perhaps the most famous and easiest to start with, primarily because no matter what you're promoting you're bound to find it for sale on Amazon.

amazon affiliate - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

You don't have to specifically recommend something though, even the Amazon widgets you can place on your sidebar are quite good performers—they've been programmed by Amazon to automatically tempt the reader with whatever they viewed lately on Amazon, or if there's no data they'll grab keywords from your page and automatically pull relevant products.

Sign up at Amazon Affiliates , and there are full instructions on either creating individual links or widgets, though explaining the process is out of the scope of this book. Unfortunately, you need to add affiliate links directly to your individual posts—there is no magical plugin I&
#39;m afraid.

If you're not comfortable doing this, then just copy the code for what Amazon calls the “Omakase” widget and paste it on your sidebar.

Amazon isn't the only affiliate program though. ClickBank offers downloadable ebooks and software packages on a huge variety of products, and pays better than Amazon due to the direct marketing approach on high markup download-only products.

8. WordPress Backup and Recovery

There are two main elements that need to be backed up in WordPress—the database, and the uploaded content. Let's take a look at the various methods available to you.

Via an SSH Command Line

If you have access to your server via SSH (a command line) then backing up and restoring your site is incredibly easy with a few simple commands. Unfortunately, shared hosts generally don't have SSH access—it's another of the privileges of having your own VPS. Here's a quick overview of the process in the event that you do have it though:

1. Login through SSH and change to your public_html or httpdocs directory (assuming you installed WordPress in the root).

2. Export the database by typing:

mysqldump –add-drop-table -u Username -p DatabaseName > BackupFilename.sql

Replace Username and DatabaseName with the appropriate details, and change the BackupFilename if you wish. Hit enter and type in your password. If you don't know the usernames or passwords, check your wp-config.php as they will be defined there towards the start.

3. Confirm you have your exported database file with the command.

ls

You should see your BackupFilename.sql somewhere.

4. Compress all your files and the database export using TAR command:

tar -vcf FullBackup.tar

-vcf is going to compress and give you a visual output of what is going on, I like it to show it's working. Make absolutely sure you have that final . , or the command will fail. This will give you a full backup file named FullBackup.tar which you can then download via FTP or remotely send to a secure backup location.

To restore from the FullBackup.tar, these are the steps you would take.

1. Assuming the FullBackup.tar in stored in the httpdocs or web root of the host, unpack it first:

tar -vxf FullBackup.tar

2. Restore your database using:

mysql -u Username -p DatabaseName < BackupFilename.sql

That's it, you site should now be accessible and working again. The backup process can also be automated to perform every day or every week without needing to login and type the commands again—just follow our automated WordPress backup tutorial .

Via Plugins

WP-DB-Manager : Mentioned elsewhere as a useful tool to optimize your database, WP-DB-Manager also handles backups too. It'll give you a database backup file in the wp-content/ backup-db directory. This is a semi-manual method—so you'll still need to download your entire site using FTP (but this plugin will have handled the database side of things for you.

UpdraftPlus : This plug completely automates the regular backups of all of your blog files as well as your entire database. You can schedule the plugin to run at any interval. It supports storing your backups to Google Drive .

blog backup - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

VaultPress : This is a premium support service from the creators of WordPress themselves—so you can be assured it's rock solid and reliable. The service costs €15/month per site, but you're paying for the convenience, reliability and ease of use.

Backup Buddy : Another premium plugin I've heard fantastic things about. The cost is €75 one-off payment for use on up to 2 websites, and the features are really incredible.

Manual Backup and Recovery

Your written content is contained entirely within the database—but any media, plugins and themes you upload are stored in the wp-content directory. The other important file you need to backup is wp-config.php in the root—the rest of the files are standard WordPress system files that could be replaced by re-downloading WordPress.

Having said that, simply downloading your entire WordPress directory over FTP is the easiest way to backup files, but depending on the number and size of files you've uploaded, this could take a few hours.

On the database side, the only way to manually back it up is by using PHPMyAdmin through your web hosting control panel. The WordPress codex details this process in detail —but if you used the WP-DB-Manager plugin you will have a database file exported for you already, without needing to access PHPMyAdmin

In the event of a catastrophic failure, you need at least two things to restore your site:

  • A full backup of all the files —At the very least, your wp-content directory and wp-config.php configuration file from the root.
  • A full database backup of all tables —This will be either a .SQL, .GZ, or .BZ2 file.

Uploading your file backups is a simple process through FTP, just make sure you place everything in the same location again—so if your blog was originally installed into the /blog directory, make sure it goes there again (you can “migrate” your site to a different domain or directory, but that's another topic entirely).

Restoring your database must again be done through the PHPMyAdmin interface.

9. Optimizing and Scaling for High Traffic

This is a topic big enough to become an eBook all of its own, but I'm going to try and give a broad overview of the various methods available to you once your site becomes sluggish and needs to be scaled. A lot of people are under the impression that WordPress can only work for small scale blogs, but that simply isn't true.

Using a combination of various techniques, WordPress can scale to handle millions of requests a day. As I mentioned, MakeUseOf runs entirely on WordPress, accompanied by a number of key technologies. Once you reach about 1,000 unique visitors a day, it's time to start thinking about scaling your website or some form of optimizing, so read on.

Server Upgrades

The obvious solution to initially scale your website is to migrate from shared hosting to your own private virtual server. This should be your first step if you're still on shared hosting, as there's simply no other miracle cure that's going to help—it only delays the inevitable.

My personal recommendation for a VPS hosting plan is the DV4 series from MediaTemple, and I personally have around 30 sites on a single €100/month plan there with amazing performance.

hosting plans - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

When the need arises, a VPS hosting plan will allow you to upgrade instantly by adding more RAM or additional CPU power.

Another benefit to having a VPS is that you're free to switch over to the much faster backend server software called NGINX. This is a high performance replacement for Apache, but still free. Sett
ing it up is absolutely out of the scope this book though.

External Image Hosting on Content Delivery Networks

One key speed factor on your page is the time it takes to load images from your server. The page itself—the textual HTML content—is fairly fast, but the images will always be slow to load.

If you have a blog which makes heavy use of images on the front page for example, you may find the user experiences sever “sequential loading” where they're sitting there waiting for image after image to load, line by line in extreme cases. This is where the idea of external image hosting or CDNs comes in.

CDNs are high speed data centers situated around the world that mirror your image (and Javascript) content, serving them up to visitors as required from locations as near to the user as possible. The effect is instantaneous loading of images, and this technology is absolutely key to nearly every high-traffic site on the internet.

cdn - Imposta il tuo blog con WordPress: The Ultimate Guide

Although they are an additional cost, it's actually going to cost you a lot less than if you used the same amount of additional bandwidth on your hosting plan. The costs are very low—super fast MaxCDN.com offers a 1TB of transfer for €40 (expires after 12 months), while Amazon s3 storage is a little slower but significantly cheaper.

To make use of this kind of service you'll need the w3 Total Cache plugin described later in this chapter. An alternative to paid high speed data networks is simply to host your images with an external free service such as Flickr.com or Loadtr.com (check out the plugins list for how to do this).

CloudFlare to Reduce Unneeded Requests

Shockingly, up to a third of requests made to a website can be either malicious robots, automated scans or otherwise unfriendly. By cutting these out before reaching your site, you can ensure you only serve content to real users. This can be achieved for free with CloudFlare.com.

Once you switch your name servers to CloudFlare's, it essentially acts as a proxy and filter to keep out the bad guys and often results in significant speed increases on your page time. One minor point is that your site will see all visitors as coming from CloudFlare, so you'll need to install their WordPress plugin in order to correctly report the IP addresses etc.

Owned by MediaTemple hosting, CloudFlare is also a one-click install if you host your website on any of MediaTemple's plans, or you can follow our published tutorial .

W3 Total Cache Plugin

This is the big-daddy of caching plugins and has so much functionality you may find it a little overwhelming. I'll break down each feature it offers, but please remember that your mileage will vary—some users report very little improvement on using shared hosting for instance. I can tell you now that MakeUseOf wouldn't be able to run without this plugin:

  • Page Cache: This is the core functionality, in that it creates a static copy of your site's posts and pages and can serve them rapidly to users.
  • CDN: This enables you to host not only your media files (pictures etc) but also any theme files, graphics and javascript.
  • Object and Database Cache: Particularly useful for slow database servers, this prevents the same query being made over and over.
  • Minification: The art of making things tiny! This means removing any unnecessary spaces, line breaks and comments from HTML and Javascript. Generally, automatic mode works fine, but if your theme makes use of Cufon custom font Javascripts you'll need to tweak it manually.
  • Browser cache and control headers: Although a lot of the internet is cacheable, many sites simply aren't set up by default to enable this. This feature makes sure your site's pages are sending the right headers to say to the user's browser “yes, you can cache this page for X days”.

Database Optimizations

Databases can often get messy. With constantly writing and updating entries, they accumulate temporary bits, referred to as overhead. This can grow the size of your database astronomically, and can often result in critically slow performance or a complete shutdown.

Keeping the database tables optimized is therefore very much recommended. WP-DB-Manager can handle this for you as well as giving a good graphical interface for database backups.

9.6 Maintenance

The latest WordPress includes a helpful UPDATES link in the Dashboard section of the Sidebar, and on that screen you'll find a complete summary as well as buttons to update all of your plugins as well as core WordPress files. Don't just hit update without some preparation first though:

1. Backup. As WordPress becomes more sophisticated and has ever more stringent beta testing, it's rare that an update procedure will actually break your blog—but it has been known to happen. Re-read the steps outlined in the backup chapter, and be sure you have those backups in place before proceeding.

2. Bear in mind that some plugins will break. As WordPress evolves, some functions made use of by plugins are deprecated, sometimes removed altogether. Again, it's rare but some plugins will break after upgrading to the latest WordPress. If this happens and your WordPress blows up somehow, go back to the chapter on Recovery again, and follow the steps there to fix your blog—but you may have to find an alternative plugin or keep the offending incompatible plugin deactivated until it's updated itself (so again, keep an eye on your updates screen!)

3. Don't panic. WordPress is for the most part quite a robust system, but things do go wrong. Unless you've catastrophically wiped your database through human error, no matter how bad things seem your blogs posts are usually never lost.

Get Blogging With WordPress!

As you can see, blogging with WordPress isn't as simple as running a quick installation package and then writing. There are a lot of things to think about. Everything from themes, plugins, backups, spam and more.

If all of this has your head spinning, we HIGHLY recommend forking over the extra cash to pay for managed WordPress hosting.

A managed WordPress host handles all of the administrative issues for you, allowing you to focus entirely on your site itself. The best managed WordPress host is WP Engine , which we use for our sister sites. It really doesn't get any easier than this!

Read the full article: Set Up Your Blog With WordPress: The Ultimate Guide

Fonte: Utilizzare