Intervista al vicepresidente globale di Apple: immagina dov’è il futuro, non aspettare che il futuro accada

IMG 0841 - Intervista al vicepresidente globale di Apple: immagina dov’è il futuro, non aspettare che il futuro accada

Ogni tanto arriva un prodotto rivoluzionario che cambia tutto. Le persone sono molto fortunate ad essere coinvolte in un prodotto come questo nella loro vita.

Quello che Jobs ha definito un “prodotto rivoluzionario”, Bob Borchers ha avuto la fortuna di essere testimone e di partecipare a due. In qualità di vicepresidente del marketing globale di prodotto di Apple, ora è responsabile di un onere più grande, iPhone, iPad, Mac, Apple Watch…

L’anno in cui Bob è entrato a far parte dell’azienda, l’iPod mini è uscito con la ghiera cliccabile.Questo design iconico che supporta sia il tocco rotante che il clic non solo ha lasciato un segno forte nella storia dell’interazione uomo-computer, ma ha anche aperto le porte ad Apple per segui il personal computer la prossima era.

0 3 - Intervista al vicepresidente globale di Apple: immagina dov’è il futuro, non aspettare che il futuro accada

▲ iPod mini ha introdotto per la prima volta il metodo di interazione della ghiera cliccabile, immagine da: minimallyminimal

L’idea di reinventare il cellulare è nata da quell’epoca, e il progetto iPhone è stato il primo prodotto su cui Bob Borchers ha lavorato quando è entrato in Apple.

Ci è voluto molto coraggio per lanciare il primo telefono senza tastiera. La voce prevalente è che gli utenti vogliono tastiere più grandi e veloci. Ma siamo andati nella direzione opposta. Usiamo il tuo dito come unico dispositivo di input. Perché le persone sacrificano metà dello schermo per una tastiera che non è sempre necessaria?

slide 13 - Intervista al vicepresidente globale di Apple: immagina dov’è il futuro, non aspettare che il futuro accada

▲ La forma principale degli smartphone prima del rilascio dell’iPhone originale

La metafora dietro la reinvenzione dell’iPhone è che per un dispositivo portatile, il consumo di contenuti è più importante della tastiera.

Il mercato e il tempo hanno dimostrato la visione del team: nei dieci anni successivi, le forme dei cellulari degli smartphone sono diventate sempre più simili, ma i contenuti presentati su schermi simili sono ricchissimi senza precedenti.

Se l’iPod mette in tasca 1.000 canzoni, l’iPhone e l’iOS mettono Internet nelle tasche di tutti.

Dopo che Windows Phone e diversi sistemi operativi di nicchia si sono estinti, iOS e Android hanno dominato le decine di miliardi di terminali intelligenti. Con l’aiuto dell’App container, gli smartphone sono quasi collegati alla vita quotidiana e alle necessità quotidiane delle persone.

- Intervista al vicepresidente globale di Apple: immagina dov’è il futuro, non aspettare che il futuro accada

Non è più necessario pizzicare per controllare le previsioni del tempo, non è più necessario camminare a lato della strada per chiamare un taxi e non è più necessario uscire a piedi per trovare ristoranti. Quasi tutte le tue esigenze possono essere soddisfatte in un’unica app tra i pollici.

AI, algoritmi, privacy e umanità

In 15 anni di evoluzione, iPhone OS 3.0 può essere considerato un’iterazione fondamentale: la prima volta che l’iPhone può implementare le notifiche push.

1 19 - Intervista al vicepresidente globale di Apple: immagina dov’è il futuro, non aspettare che il futuro accada

Push ha cambiato il modo in cui gli utenti ottengono le informazioni. Consente alle notifiche di informazioni dell’app di raggiungere automaticamente l’utente. In un certo senso, il telefono cellulare è diventato una segretaria privata.

Fino a quando la gente non ha scoperto che la segretaria era un po’ rumorosa e c’erano molti annunci pubblicitari.

Nella nostra vita, sempre più cose attirano la nostra attenzione. Ma speriamo di progettare più strumenti e funzionalità per consentire agli utenti di girare il mondo, disattivare il rumore e il rumore quando necessario e tornare al mondo reale.

Sotto l’onda della salute digitale (Benessere digitale), Apple ha compiuto alcune azioni contrarie agli interessi commerciali, come l’aggiunta di “tempo di utilizzo” in iOS 12 per contare l’utilizzo del telefono cellulare e può impostare il tempo di utilizzo per il App. limite superiore.

Nell’ultimo iOS 15, Apple ha anche innovato la forma delle notifiche, utilizzando un riepilogo delle notifiche per semplificare il contenuto e la frequenza delle notifiche.

Allo stesso tempo, iOS 15 offre anche la modalità di messa a fuoco (Focus). Consente agli utenti di consentire a diverse app di inviare notifiche in base a diversi scenari.

ios 15 focus - Intervista al vicepresidente globale di Apple: immagina dov’è il futuro, non aspettare che il futuro accada

Dieci anni dopo che le app hanno stabilito le regole dell’interazione uomo-computer, il software sta ancora mangiando il mondo, ma mentre le app forniscono servizi alle persone, isolano anche inconsapevolmente i contenuti Internet una volta aperti e condivisi su un server.

Gli algoritmi utilizzano una logica di “razionalità strumentale” per impostare problemi, che consuma la curiosità e la curiosità umana e stimola oggettivamente l’opposizione nel mondo.

Osservazioni anti-intellettuali e argomenti controversi possono riempire la tua sequenza temporale quando gli algoritmi scoprono che l’odio ti consente di ritwittare e commentare. L’algoritmo potrebbe non sapere cosa sia la rabbia, ma conosce il traffico e le entrate dietro la rabbia.

Bob ritiene che i problemi della “razionalità strumentale” e della “stanza del bozzolo dell’informazione” debbano essere risolti “proteggendo la privacy”, spiegando inoltre alcuni dettagli dell’algoritmo di intelligenza artificiale di Apple:

È molto importante che quando elaboriamo set di dati come immagini, materiali, ecc., che tipo di dati sceglieremo per alimentare il modello di apprendimento automatico, lavoriamo con team di tutto il mondo per garantire che nulla venga introdotto nel processo. pregiudizio.

A differenza di altre grandi aziende che utilizzano il cloud computing per l’apprendimento automatico, le chiamate di Apple al di sotto delle capacità di intelligenza artificiale provengono interamente dalle capacità dei chip locali.

Quanto è grande questo “cervello”? Quanta cache di dati utente è disponibile sull’iPhone per la chiamata di machine learning?

Per la maggior parte delle aziende, questo cervello può essere composto da terabyte di dati cloud, ma per Apple è solo una media di 200 MB: sono grandi quanto i dati della tua voce e del tuo viso, piccoli quanto la traiettoria e le abitudini del modulo sul chip dell’iPhone.

La protezione della privacy e dei dati degli utenti è sempre stata la nostra massima priorità.

Il futuro dei sistemi operativi

beta - Intervista al vicepresidente globale di Apple: immagina dov’è il futuro, non aspettare che il futuro accada

Dopo 15 anni di sviluppo, il sistema iOS sta diventando sempre più maturo ed è difficile immaginare che un tale sistema operativo per telefoni cellulari abbia gradualmente svolto alcune attività che in passato erano incompetenti sui computer.

Con il passare del tempo, lo smartphone non è più l’unico dispositivo smart per l’utente. Dall’orologio al polso, all’iPad sul divano, al centro di intrattenimento domestico e poi all’onnipresente casa intelligente, non c’è dubbio che Internet of Everything è il prossimo passo nell’intelligence.

Ciò significa che in diversi scenari, gli utenti fluiranno costantemente tra i dispositivi, il che significa anche che gli sviluppatori devono adattare app diverse per terminali diversi.

Proprio come iPhoneOS è nato da Mac OS X, iOS ora è pieno di pesca e prugna e si è diviso in cinque principali sistemi operativi come iPadOS, watchOS e HomeOS.Un altro approccio dei giganti del settore è provare a utilizzare un sistema per aprire Internet of Everything, come Hongmeng di Huawei e Fuchsia di Google.

iOS iPadOS watchOS macOS tvOS - Intervista al vicepresidente globale di Apple: immagina dov’è il futuro, non aspettare che il futuro accada

Per quanto riguarda queste due idee, l’atteggiamento di Bob è che “la continuità è importante, ma l’esperienza unica di questi dispositivi non può essere sacrificata a causa della continuità”.

Cita iPad e Mac come esempi:

Molte persone si chiederanno: perché l’iPad non condivide semplicemente lo stesso sistema operativo del Mac? Ma se rifletti a fondo su questi due dispositivi, scoprirai che la loro esperienza è completamente diversa: l’iPad è stato progettato fin dall’inizio con le dita come metodo di interazione principale, ed è un dispositivo touch-first. Ovviamente, nel tempo, ha anche esteso alcune altre funzionalità, come tastiera e cursore, ma anche se è presente un cursore, scoprirai che il cursore si trova anche in un ambiente touch. macOS, d’altra parte, è progettato attorno all’interfaccia della tastiera e del mouse.

Bob ha affermato che tutti i sistemi operativi Apple condividono molti framework e componenti, quindi l’interoperabilità tra i dispositivi è completamente garantita, il che è un equilibrio.

Come gli Appunti universali, puoi copiare su iPhone, incollare su Mac e condividere tra due dispositivi utilizzando AirDrop.

Software, hardware e servizi

Lo stato di Apple nei fiumi e nei laghi è spesso eccessivamente attribuito alla fondazione degli ecosistemi iOS e App Store.

Prova a pensarci: l’ultima volta che hai pensato che un prodotto Apple fosse buono, cosa lo ha reso?

È il piacere di non lag dopo aver premuto l’otturatore? È l’eleganza della finestra pop-up dello schermo dopo l’apertura degli AirPods? È intelligente eseguire la centratura automatica durante le chat video?

Quello che vedi è l’interfaccia, ma dietro c’è la combinazione di software, hardware e chip.

Infatti, negli ultimi 15 anni, la nostra filosofia è rimasta immutata, ovvero la combinazione di software, hardware e servizi. Dal multi-touch dell’iPhone originale, fino all’odierno Apple Silicon. “

Bob chiama questa idea combinata – Olistica.

Crede che le capacità di imaging dell’iPhone 13 Pro siano il riflesso migliore. Dietro ogni foto, c’è il merito della fotografia computazionale, della cooperazione e della collaborazione di elementi fotosensibili, ISP, algoritmi e persino dell’apprendimento automatico.

Non è facile Lo sviluppo avanzato dei linguaggi di programmazione fa sì che gli ingegneri del software non padroneggino le caratteristiche fisiche e i principi di funzionamento dell’hardware sottostante come gli informatici nei primi anni.

Apple A15 Bionic - Intervista al vicepresidente globale di Apple: immagina dov’è il futuro, non aspettare che il futuro accada

Nel 2019, Phil Schiller , Senior Vice President di Apple, ha rivelato in un’intervista esclusiva che il ciclo di sviluppo del chip è di circa 2-3 anni, coinvolgendo più team, durante il quale gli ingegneri dell’architettura devono lavorare con un gran numero di personale software e hardware.

Ad esempio, la fotocamera chiama spesso la GPU. La GPU progettata dal reparto chip può dire al reparto fotocamere come utilizzarla al meglio e le esigenze del reparto fotocamere guideranno lo sviluppo futuro della GPU.

Quando si parla della combinazione di software e hardware, un esempio ben noto è che Jobs ha citato lo scienziato Alan Kay alla conferenza sull’iPhone di prima generazione:

Le persone estremamente serie riguardo al software dovrebbero produrre il proprio hardware. (Le persone che prendono sul serio il software dovrebbero creare il proprio hardware.)

Guardando al futuro, questa frase può essere considerata come una riflessione sull’iTunes Phone Waterloo: Apple aveva collaborato con Motorola sul telefono musicale ROKR E1 e Jobs era estremamente insoddisfatto della sua esperienza.

ROKR phone - Intervista al vicepresidente globale di Apple: immagina dov’è il futuro, non aspettare che il futuro accada

In retrospettiva oggi, è più come un presagio per i chip sviluppati da Apple.

Ma in effetti, i geni di Holistic possono essere fatti risalire almeno al seguente video di Jobs, e difficilmente puoi nemmeno immaginare che questa sia un’intuizione di 42 anni fa:

La combinazione di software e hardware sta diventando sempre più radicale… Il software di ieri è l’hardware di oggi. Queste due cose si stanno fondendo. I confini tra loro si stanno assottigliando. Una delle tante cose che dobbiamo fare è prevedere le tendenze tra qualche anno; provare a fare alcune ipotesi sulla convergenza di diversi campi tecnologici, comprendere la domanda dei clienti per strumenti di fascia alta e trovare l’intersezione dei due.

Il motivo per cui Holistic è prezioso è che richiede ai produttori di disporre di forti capacità di integrazione verticale: controllo dei componenti principali e dei sistemi operativi, controllo degli ecosistemi e dei partner ed esplorazione lungimirante dell’interazione uomo-computer.

Alla fine dell’intervista, ho chiesto a Bob di ricordare com’era entrare in Apple all’inizio del 2004. Ci ha pensato ed ha esclamato:

La cosa che mi ha sorpreso di più in quel momento è stato che un’azienda potesse apportare così tanti cambiamenti. Tutte le persone di Apple sono desiderose di pensare in modo diverso. Questi cambiamenti derivano dalla passione e, occasionalmente, infrangendo le regole per raggiungere gli obiettivi. Supera i confini e immagina dov’è il futuro, invece di aspettare che accada.

Bob dice che gli piace particolarmente citare il giocatore di hockey Wayne Gretzky:

Pattino sempre fino al punto in cui raggiunge il disco, non inseguo dov’era. (Pattino dove sarà il disco, non dove è stato.)

 

Adoro il feed di notizie e il menu e sto cercando di fare in modo che la quantità di informazioni elaborate ogni giorno superi l’assunzione di grassi.

#Benvenuto a prestare attenzione all’account WeChat ufficiale di Aifaner: Aifaner (WeChat: ifanr), contenuti più interessanti ti verranno forniti il ​​prima possibile.

Love Faner | Link originale · Visualizza commenti · Sina Weibo