Omicidio, ha scritto: I migliori film di Agatha Christie

Durante la sua prolifica carriera, Agatha Christie ha scritto 75 romanzi, 28 raccolte di racconti, 16 opere teatrali, sette opere di trasmissioni radiofoniche e tre poesie. Tutto quel lavoro doveva essere adattato al cinema e alla televisione e negli ultimi 90 anni sono stati realizzati quasi 50 film teatrali e 100 programmi televisivi basati sui suoi lavori. Con tutti quei contenuti da vagliare, può essere difficile distinguere il buono dal cattivo.

Con un’altra versione di Death on the Nile in uscita l’11 febbraio, non c’è momento migliore per dare un’occhiata ad alcuni dei migliori film (e una miniserie) che sono stati adattati dal considerevole canone di Christie. Sebbene alcuni di questi film possano differire per stile e portata, condividono tutti una caratteristica comune di rendere la risoluzione di un omicidio la cosa più interessante da fare con il proprio tempo libero.

E poi non c’era nessuno (1945)

andthentherewerenone - Omicidio, ha scritto: I migliori film di Agatha Christie

Il primo adattamento di Agatha Christie di grande successo, E poi non c’era nessuno , è stata anche la prima di molte interpretazioni del romanzo più famoso di Christie, Dieci piccoli indiani . La storia è semplice: dieci sconosciuti si riuniscono in un palazzo isolato su un’isola deserta e vengono sistematicamente uccisi per crimini che hanno commesso (e che sono riusciti a farla franca) in precedenza nella loro vita. Questa versione ammorbidisce il finale nichilista di Christie rendendo innocente la signorina Claythorne e Phillip Lombard (che si rivela essere un impostore imparentato con il vero Lombard) e punendo la mente dietro il piano omicida. Eppure questo film del 1945 è piacevole grazie al cast dei migliori caratteristi di Hollywood (Walter Huston, Judith Anderson e Barry Fitzgerald sono alcune delle vittime) e alla regia sofisticata di Rene Clair, che era emigrato a Hollywood in quel momento dopo essere fuggito da Vichy Francia. È datato, ma E poi non c’era nessuno ancora regge in gran parte uno dei più divertenti misteri di omicidio degli anni ’40.

Testimone dell’accusa (1957)

Una donna si trova di fronte a due uomini in Testimone dell'accusa.

Uno dei film più memorabili di Christie, Witness for the Prosecution potrebbe aver originato il termine “spoiler warning” a causa del suo finale storto, che ha scioccato il pubblico del teatro quando ha debuttato sul palco del West End e successivamente a Broadway. La trama è stupida: Leonard Vole (Tyrone Power, nel suo ultimo ruolo cinematografico completato) è accusato di aver ucciso una ricca vedova per i suoi soldi. Un avvocato in pensione (un tipico Charles Laughton) accetta di affrontare il suo caso. Marlene Dietrich si presenta come la moglie di Vole, che, ovviamente, ha i suoi segreti. La doppia identità, una rivelazione scioccante e una confessione inaspettata creano un mistero che spesso mette a dura prova la credibilità. Il regista, Billy Wilder, in qualche modo dà un senso a questa trama illogica ed è divertente guardare attori di talento come Laughton, Dietrich ed Elsa Lanchester che se la cavano dentro e fuori dall’aula del tribunale. La stessa Christie lo considerava il miglior adattamento di una delle sue opere (le piaceva anche la versione del ’74 di Murder on the Orient Express ) e il film è stato nominato per sei Oscar tra cui Miglior Regista, Miglior Attrice non Protagonista, Miglior Attore e Miglior Attore. Foto.

Assassinio sull’Orient Express (1974)

Poirot presenta il suo caso ad alcuni sospetti in Murder on the Orient Express

Probabilmente l’adattamento più famoso di Agatha Christie è Murder on the Orient Express , che è stato portato sullo schermo per la prima volta nel 1974 (e successivamente rifatto da Kenneth Branagh nel 2017). Diretto da Sidney Lumet, che aveva appena realizzato il cruento film drammatico Serpico , questo film utilizzava la formula del Grand Hotel e conteneva un who’s who della Hollywood dei primi anni ’70: Sean Connery, Vanessa Redgrave, Anthony Perkins, Jacqueline Bissett, Jean-Pierre Cassel , Wendy Hiller, Rachel Roberts, Michael York, Richard Widmark, Lauren Bacall e Ingrid Bergman nel suo ruolo di missionaria traumatizzata da Oscar. A guidare il cast e le indagini sul treno innevato c’è Albert Finney, che infonde al suo Hercule Poirot una stranezza che fa sembrare il detective belga un curioso alieno che esamina per la prima volta la razza umana. Questo pacchetto all-star è sormontato da un’ottima fotografia (tutti sembrano immersi in un caldo bagliore che solo i soldi di Hollywood possono comprare) e una regia assicurata da Lumet, che organizza ogni attore e dispositivo della trama come un esperto maestro di scacchi.

Omicidio per morte (1976)

Il cast di Murder by Death sembra scioccato.

Sebbene non sia tecnicamente basato su nessuna delle opere di Agatha Christie (la sceneggiatura originale è di Neil Simon), Murder By Death ha abbastanza elementi distintivi di Christie per qualificarsi. Il film è una parodia del genere poliziesco e prende in giro non solo Christie, ma anche Raymond Chandler, Dashiell Hammett e Earl Derr Biggers, tra gli altri. Al centro del cast c’è Milo Perrier, un riff non così velato su Hercule Poirot, che deve continuamente ricordare ai suoi colleghi investigatori che è “un belga, non un francese” ed è più consumato dal cibo che dalla risoluzione di un omicidio, e Jessica Marbles, una sciatta sostituta della famosa detective femminile di Christie, Miss Marple. Il film è sciocco e un po’ infantile (il finale è uscito direttamente da Scooby-Doo ), ma è divertente per i fan del mistero che amano vedere il genere essere amorevolmente deriso.

Morte sul Nilo (1978)

Poirot sta con vari sospetti in La morte sul Nilo.

Ci sono voluti quattro lunghi anni per capitalizzare il successo di Murder on the Orient Express e il risultato è un film inferiore in quasi tutti i sensi. Finney aveva di meglio da fare, quindi Peter Ustinov assume il ruolo di Poirot e sceglie di interpretare il detective nel modo più diretto e noioso possibile. Il film ha anche un aspetto economico e ammuffito che fa sembrare che sia stato conservato nella naftalina. Eppure il film viene salvato dal suo cast femminile, che ognuno ha una palla che si lancia nei propri ruoli con gusto. Mia Farrow, pallida e offesa, ha uno dei suoi ruoli migliori dai tempi di Rosemary’s Baby . Nei panni di una ricca donna viziata e della sua infermiera eccessivamente severa, Bette Davis e Maggie Smith si beccano l’un l’altra con sgradevole gioia. E nei panni di Salome Otterbourne, permanentemente ubriaca, Angela Lansbury si accampa (indossa persino un turbante!) E in qualche modo strappa un po’ di pathos al suo ridicolo personaggio.

E poi non c’era nessuno (2015)

Gli ospiti seduti a un tavolo da pranzo guardano la telecamera in E poi non c'era nessuno.

Degli oltre due dozzine di adattamenti di And Then There Were One , questa versione della BBC del 2015 è la migliore. Un grande motivo è che è la prima versione in lingua inglese ad aderire al finale originale di Christie, che elimina tutti e non produce alcun eroe riconoscibile. In effetti, questa versione è forse ancora più brutale, poiché espande i retroscena del personaggio, costringendo il pubblico a identificarsi con un assassino di bambini, un giudice omicida e un cacciatore di fortuna incosciente, tutti colpevoli di omicidio. La sceneggiatura di Sarah Phelps (che in seguito avrebbe adattato altre opere di Christie per la televisione) utilizza in modo efficace flashback e simbolismo per trasmettere il crimine di ogni personaggio e fa indovinare i fan più informati di Christie anche se già conoscono il risultato. È un mistero pieno di un affascinante senso di tensione e disperazione, da non perdere.

Assassinio sull’Orient Express (2017)

Il cast di Murder on the Orient Express posa all'interno di un treno.

La nuova versione di Kenneth Branagh di Murder on the Orient Express è stata un successo a sorpresa nel 2017, incassando oltre 350 milioni di dollari in tutto il mondo. Non è difficile capire perché poiché il film, come la versione del 1974, popola il suo cast con star importanti come Michelle Pfeiffer, Penelope Cruz, Willem Dafoe, Judi Dench, Leslie Odom Jr., Josh Gad, Daisey Ridley e Johnny Depp. Come Poirot, Branagh è migliore di Ustinov ma non memorabile come Finney. È abbastanza coinvolgente da guidare il pubblico da un sospetto all’altro prima di fare la sua grande dichiarazione alla fine di aver risolto il caso. Pfeiffer è la più memorabile del cast nel ruolo di Linda Arden, che non è così superficiale come appare all’inizio, e la scenografia e la colonna sonora sono migliori del solito per questo tipo di film. Nel complesso, è un film divertente con abbastanza suspense e glamour per soddisfare la maggior parte degli spettatori.

Casa storta (2017)

Una donna scende una scala mentre due persone aspettano di sotto a Crooked House.

Messo in ombra dal successo di Murder on the Orient Express nel 2017, Crooked House è altrettanto buono e alla fine ha un pugno in più rispetto ai suoi più famosi fratelli cinematografici Christie. Come la maggior parte dei moderni adattamenti di Christie, anche questo sfoggia un cast impressionante: Glenn Close, Gillian Anderson, Terence Stamp, Max Irons e Christina Hendricks, solo per citarne alcuni. Crooked House contiene tutti gli elementi di una classica storia di Christie raccontata bene: un maestoso maniero nella campagna inglese, una varietà di sospetti in abiti costosi, segreti di famiglia che vengono gradualmente svelati e un finale umiliante, che non vorrei sogno di rivelare. Non è un capolavoro in alcun modo, ma come ogni buon giallo di Christie, soddisfa un’urgenza immediata di omicidio e melodramma.