Per “porre le basi” per il Metaverse, Meta sviluppa il supercomputer AI più veloce del mondo

Dall’”inizio” del Metaverso, aziende nazionali ed estere sono entrate nel mercato una dopo l’altra.Dopo che Facebook ha cambiato il suo nome in Meta, sono stati fatti molti tentativi per avvicinarsi al Metaverso. Al momento, il team di ricerca sull’intelligenza artificiale di Meta ha sviluppato un supercomputer AI, che secondo Meta sarà il supercomputer AI più veloce al mondo quando sarà completamente costruito a metà del 2022.

Il supercomputer di Meta, chiamato AI Research SuperCluster (RSC), è il culmine di quasi due anni di lavoro e l’azienda afferma che centinaia di persone sono coinvolte nel progetto, inclusi i ricercatori dei partner Nvidia, Penguin Computing e Pure Storage.

▲ Immagine da: Meta

Per costruire il metaverso, software, hardware e applicazioni sono tutti indispensabili. Nel novembre 2021, AMD ha annunciato una partnership commerciale con Meta. In futuro, Meta acquisterà i chip AMD per soddisfare la sua enorme richiesta di data center e potenza di calcolo dopo la sua trasformazione da “social media” a “società metaverse”.

Per il funzionamento del metaverso, è naturalmente inseparabile dalla potente potenza di calcolo. Il supercomputer AI di Meta è già attivo e funzionante nella sua prima fase, con un totale di 760 sistemi NVIDIA DGX A100 che fungono da nodi di calcolo contenenti 6.080 GPU, rendendolo il quinto supercomputer più veloce al mondo.

▲ Immagine da: Meta

Gestisce flussi di lavoro di visione artificiale fino a 20 volte più veloci rispetto alla tradizionale infrastruttura di produzione e ricerca di Meta. Entro la fine del 2022, il supercomputer AI (RSC) completerà la seconda fase, che al termine conterrà circa 16.000 GPU. Le sue prestazioni di calcolo a precisione mista si avvicineranno a 5 exaflop.

Parlando di supercomputer, è un computer ad alta velocità, grande capacità e super potenza di elaborazione. La prima cosa che viene in mente sono le apparecchiature utilizzate negli istituti di ricerca per elaborare i dati dallo spazio, dalla fisica nucleare e dai cambiamenti climatici.

▲ Supercomputer cinese: Sunway Taihu Light, foto da: Sina

In effetti, sia questo dispositivo che il supercomputer AI di Meta possono essere chiamati computer ad alte prestazioni o HPC.Entrambi sono più vicini a un data center per dimensioni e aspetto che a un singolo computer ed entrambi si basano su un gran numero di processori interconnessi per velocità estremamente elevate per scambiare dati.

Tuttavia, secondo Bob Sorensen, analista HPC di Hyperion Research, “l’HPC basato sull’intelligenza artificiale vive in un mondo leggermente diverso dall’HPC tradizionale”.

Poiché l’apprendimento automatico richiede meno precisione rispetto alle tradizionali attività di supercomputer, il supercomputer AI di Meta non è necessariamente un confronto diretto con i supercomputer spesso visti nelle notizie.

▲ Immagine da: World Wide Web

Sia i supercomputer che i supercomputer AI utilizzano la cosiddetta aritmetica in virgola mobile per i calcoli e la velocità della maggior parte dei supercomputer viene calcolata utilizzando le cosiddette operazioni in virgola mobile a 64 bit al secondo o FLOP. Tuttavia, poiché l’elaborazione con intelligenza artificiale richiede meno precisione, i supercomputer con intelligenza artificiale di solito calcolano in FLOP a 32 o addirittura a 16 bit.

Meta ha affermato che le prestazioni di calcolo a precisione mista del supercomputer AI saranno vicine a 5 exaflop (un EFLOPS (exaFLOPS) equivale a 100 chilogrammi/10 miliardi (da 10 alla 18a potenza) di operazioni in virgola mobile al secondo).

▲ Foto da: REUTERS

Il motivo per lo sviluppo di un tale supercomputer AI con una tale enorme potenza di calcolo, ha detto Meta, sarà utilizzato per addestrare una serie di sistemi nell’attività di Meta, che possono aiutare i ricercatori Meta a costruire modelli di AI che possono funzionare in centinaia di lingue per analizzare il testo, immagini e video e una più semplice moderazione dei contenuti su piattaforme come Facebook e Instagram.

E il supercomputer AI potrebbe anche aiutare a sviluppare capacità di realtà aumentata che saranno disponibili nel futuro hardware AR dell’azienda. Meta spera che aiuterà i ricercatori a sviluppare modelli di intelligenza artificiale che pensano come il cervello umano, consentendo le ricche esperienze multidimensionali nel Metaverso.

▲ Immagine da: W&V

Sebbene la potenza di calcolo specifica dopo la costruzione completa sia sconosciuta, è innegabile che il supercomputer AI di Meta abbia capacità di elaborazione dati impressionanti. Esperienze che vanno dall’apprendimento automatico allo sviluppo hardware alla progettazione di mondi virtuali saranno le pietre miliari su cui Meta costruisce il metaverso.

#Benvenuto a prestare attenzione all’account WeChat ufficiale di Aifaner: Aifaner (WeChat: ifanr), contenuti più interessanti ti verranno forniti il ​​prima possibile.

Love Faner | Link originale · Visualizza commenti · Sina Weibo