Top Gun: recensione Maverick: il sequel superiore di Tom Cruise

Di fronte al flyboy più arrogante nella storia dell’aviazione navale, il contrammiraglio Chester “Hammer” Cain (Ed Harris) non usa mezzi termini. “La tua specie è destinata all’estinzione”, dice all’unico Pete “Maverick” Mitchell. L’ammiraglio parla dell’obsolescenza dei piloti di caccia in un’epoca in cui le bombe vengono sganciate a distanza da un centro commerciale fuori Las Vegas. Ma sta anche parlando, in modo metatestuale, della leggenda che interpreta questa leggenda: Tom Cruise, il ragazzo d’oro di Hollywood, anziano ma senza età, che spinge i 60 anni ma si arrampica ancora nelle cabine di pilotaggio in un momento in cui il suo “tipo” – la star del cinema che è un pareggio non importa il film – è stato infatti aggiunto all’elenco delle specie in via di estinzione.

Questo tipo di strizzatine d’occhio sono comuni nei cosiddetti sequel legacy, un ceppo molto consapevole della continuazione del franchise moderno. Eppure non c’è quasi un accenno di ironia in Top Gun: Maverick , un seguito di decenni dopo uno dei successi più anomali degli anni ’80. All’inizio del film, Cruise tira fuori un telo da quella vecchia motocicletta, quella su cui girava nell’86, e il momento è così incredibilmente sbalordito che quasi ti aspetti che sia accompagnato da un saluto di 21 cannoni. Questo è un film profondamente innamorato del personaggio del titolo, e con la star del cinema che riprende quel ruolo, e forse anche con la fantasia dell’America sta rinascendo.

Tom Cruise pilota un jet.

È un po’ divertente vedere un tale rispetto ovattato applicato a Top Gun , di tutte le sensazioni al botteghino. Realizzato con la collaborazione e l’approvazione finale della sceneggiatura della Marina degli Stati Uniti, quel film è stato un glorificato (e di discreto successo) annuncio di reclutamento sostenuto dall’abile abilità del suo regista, il compianto Tony Scott, e dai volti e dai corpi macchiati di sudore di il suo cast. Era propaganda di popcorn con tutta la profondità e l’anima di uno spot pubblicitario della Pepsi. Top Gun è sopravvissuto principalmente come oggetto kitsch, un pezzo antico del patriottismo superficiale e degli eccessi degli anni ’80. Ma Maverick lo prende sul serio, che è una delle chiavi del suo fascino scintillante e romantico.

Altri approfondimenti su Top Gun Maverick:

Bestseller n. 1
Top Gun
Top Gun
Amazon Prime Video (Video on Demand); Kelly McGillis, Anthony Edwards, Rick Rossovich (Actors)
Bestseller n. 2
Top Gun Maverick Helmet Maglietta
Top Gun Maverick Helmet Maglietta
Top Gun Maverick Helmet is 100% authentic, officially licensed Top Gun merchandise!; Leggera, taglio classico, maniche con doppia cucitura e orlo inferiore
19,99 EUR
Bestseller n. 3
Top Gun: Maverick
Top Gun: Maverick
Top Gun: Maverick; audioCD; Hans Zimmer;Lady Gaga;OneRepublic; Audio CD – Audiobook; 06/01/2022 (Publication Date) - Polydor (Publisher)
17,99 EUR
Bestseller n. 4
Top Gun: Maverick (Blu-ray)
Top Gun: Maverick (Blu-ray)
Edizione Blu-ray; Tom Cruise, Jennifer Connelly, Glen Powell (Actors); Joseph Kosinski (Director)
19,99 EUR
Bestseller n. 5
Top Gun - 2 Film Collection (4K UHD + Blu-ray)
Top Gun - 2 Film Collection (4K UHD + Blu-ray)
Edizione 4K UHD; Tom Cruise, Val Kilmer, Ed Harris (Actors); Tony Scott (Director)
34,99 EUR
Bestseller n. 6
Top Gun: Maverick Esclusiva Amazon (Steelbook 4K UHD + Blu-ray)
Top Gun: Maverick Esclusiva Amazon (Steelbook 4K UHD + Blu-ray)
Edizione Steelbook 4K UHD + Blu-ray; Esclusiva Amazon; Tom Cruise, Jennifer Connelly, Glen Powell (Actors)
34,99 EUR
Bestseller n. 7
COBI- Top Gun mattoncini, Colore Grigio, COBI-5811
COBI- Top Gun mattoncini, Colore Grigio, COBI-5811
Elezioni costitutivi realizzate in UE; Compatibile con altre marche; Costruzioni di assemblaggio illustrate
74,90 EUR
OffertaBestseller n. 8
Top Gun: Maverick (DVD)
Top Gun: Maverick (DVD)
Edizione DVD; Tom Cruise, Jennifer Connelly, Glen Powell (Actors); Joseph Kosinski (Director)
20,98 EUR −3,99 EUR 16,99 EUR
OffertaBestseller n. 9
Top Gun Retro Esclusiva Amazon (4K Ultra-HD + Blu-ray + gift)
Top Gun Retro Esclusiva Amazon (4K Ultra-HD + Blu-ray + gift)
Contiene un mini poster e uno sticker da collezione; Edizione 4K UHD + Blu-ray; Tom Cruise, Kelly McGillis, Val Kilmer (Actors)
29,29 EUR −3,56 EUR 25,73 EUR
Bestseller n. 10
Top Gun: Maverick (4K UHD + Blu-ray)
Top Gun: Maverick (4K UHD + Blu-ray)
Edizione 4K UHD + Blu-ray; Tom Cruise, Jennifer Connelly, Glen Powell (Actors); Joseph Kosinski (Director)
29,99 EUR

Il regista Joseph Kosinski, che ha lavorato con Cruise in Oblivion , ma ha diretto Tron: Legacy (un altro costoso e affettuoso aggiornamento di un film unico degli anni ’80), riempie i grandi stivali di Scott impegnandosi completamente nella sua estetica dell’ora magica. I primi minuti arrivano a una distanza impressionante dal territorio del remake colpo per colpo, poiché la stessa epigrafe di apertura riempie lo schermo con lo stesso carattere mentre la stessa colonna sonora di Harold Faltermeyer sale maestosamente sulla colonna sonora. Un attimo dopo, è sostituito dai suoni familiari di Kenny Loggins e dalla vista familiare di enormi uccelli di metallo che rulleggiano su una pista, passando attraverso nuvole di fumo di video musicali. Il film è ritualistico nelle sue repliche.

Anche Maverick adotta fedelmente una trama di Top Gun . Vale a dire, ne ha a malapena uno. Dopo aver evitato le promozioni per decenni, come deve fare qualsiasi ribelle incorreggibile, il veterano aviatore di Cruise viene riassegnato al suo vecchio terreno di calpestio fuori San Diego, dove prenderà alcuni giovani piloti sotto la sua ala. Si ricorda che l’attore ha recitato in un sequel legacy lo stesso anno in cui è uscito Top Gun , interpretando il pupillo hotshot in Il colore dei soldi di Martin Scorsese . Quasi quattro decenni dopo, ora è nel ruolo di Paul Newman. Il suo branco di egoisti millennial hotdogger con segnali di chiamata colorati include Bob (Lewis Pullman) socialmente imbarazzante, Phoenix (Monica Barbaro) e l’antagonista cowboy della squadra, Hangman (Glen Powell).

Miles Teller stufati.

C’è anche Rooster (Miles Teller), le cui sfumature e il taglio di capelli tradiscono la sua identità segreta di figlio di Goose, il personaggio di Anthony Edwards tragicamente ucciso nell’originale. Rooster ribolle di risentimento verso Maverick, che ha cercato a lungo di tenere il ragazzo, figlio del suo gregario morto, fuori dal cielo. È la scelta drammatica più saggia del film, che costruisce l’intero conflitto emotivo della storia attorno al persistente senso di colpa del nostro eroe e alle onde d’urto che lo strano incidente di Goose ha trasmesso attraverso le generazioni.

L’azione aerea di Kosinski è mozzafiato. Come Scott, sa come trasmettere altitudine e velocità e in modo coerente incrociare le cabine di pilotaggio per trasformare ogni esercizio di allenamento in uno spettacolo di gruppo di dilemmi a coda di rondine e battute al volo. La sceneggiatura, coautrice del frequente collaboratore di Cruise Christopher McQuarrie, escogita un rito urgente di laurea per la nuova classe: un attacco a un impianto di uranio che è come l’operazione Morte Nera incrociata con le sconfortanti probabilità di un set di Mission: Impossible . Naturalmente, il vero nemico rimane nervosamente, strategicamente nascosto, proprio come nel primo film: uno “stato canaglia” internazionale senza volto. Come sempre, Top Gun esiste in un triangolo geopolitico delle Bermuda, astraendo la guerra in una sorta di “grande gioco” alla fine di un film sportivo, libero da qualsiasi più grande posta in gioco globale.

Tom Cruise e Jennifer Connelly si abbracciano su una passerella.

Maverick è troppo feticisticamente devoto al progetto di un vecchio blockbuster per emergere completamente come film a sé stante. Ma scena dopo scena, è un momento migliore di Top Gun : più agile, più eccitante, più pieno di sentimento. Abbandona l’abitudine auto-parodica di Scott di fare la fila per le stesse due canzoni fino alla nausea. E il film sembra capire che il romanticismo è sempre stato più cruciale per la popolarità di Top Gun del romanticismo. Evidentemente assente è Charlie di Kelly McGillis , l’interesse amoroso civile del primo film. Maverick riempie il vuoto attraverso un corteggiamento più marginale con la collega degli anni ’80 Jennifer Connelly, che interpreta una cameriera di cocktail che ci è stato detto che Maverick aveva corteggiato una vita fa. (Il suo personaggio è menzionato brevemente nel primo film.) Le due star hanno un’intesa accomodante poiché le vecchie fiamme riaccendono la fiamma, anche se nessuna delle loro scene è così toccante come quella che Cruise condivide con Val Kilmer, facendo un cameo che funziona la battaglia nella vita reale di quest’ultimo con il cancro alla gola nella storia.

La vera storia d’amore qui è tra la telecamera e Cruise. È in qualche modo intenso e rilassato, portando un po’ di quella caratteristica determinazione carismatica, mentre si addolcisce anche nella piccola malinconia del viaggio nella memoria di Maverick, facendo il punto su come è cambiato da quei giorni felici nell’America di Reagan. (Quello è davvero lui nel jet, ovviamente – come con Ethan Hunt di Mission: Impossible , può essere difficile dire dove finisce il temerario immaginario e inizia quello vero.) Kosinski si crogiola nelle contraddizioni del potere stellare di Cruise come un anziano statista di multiplex cool: Quello che stiamo vedendo è un film estivo in cui Adonis riconosce i suoi anni che avanzano, sopportando le crepe dei vecchi tempi, anche se salta in ogni acrobazia con una vana sfida al processo di invecchiamento.

Maverick garantisce, come spesso fanno i sequel legacy, che i suoi personaggi sono reliquie analogiche in un mondo digitale – che collocare Top Gun nei tempi moderni è un atto di anacronistico appagamento di desideri. Ma in verità, anche l’originale era molto anacronistico: aperto in un momento in cui i combattimenti aerei stavano rapidamente diventando un ricordo del passato, applicava una sorta di romanticismo della Greatest Generation ai più ambigui obiettivi della Guerra Fredda; il suo passo per le potenziali reclute era una visione della vita (e della gloria) militare che aveva poco a che fare con la realtà contemporanea. Ciò rende Maverick un miraggio di un miraggio, nostalgico di un mondo che non è mai realmente esistito. Ecco perché è un veicolo così perfetto per Cruise, un Dorian Gray di Tinseltown il cui fisico incredibilmente preservato è la sua tecnologia organica di disinvecchiamento. È una star del cinema fuori dal tempo, che brilla in un’America rigorosamente sognata.

Top Gun: Maverick uscirà nelle sale di tutto il mondo venerdì 27 maggio.