Vivo X60 Pro prima recensione: la fotocamera creata da ZEISS, “De flavour” è già abbastanza velenosa

Prima di ottenere la serie vivo X60, ho chiesto tre volte al redattore capo di Xuewen di sapere quando sarebbe arrivato il corriere espresso.

Come modello di successo alla fine del 2020, ho grandi aspettative per questo. Il sistema di imaging progettato e prodotto da ZEISS, il nuovissimo OriginOS, debutto del chip Samsung Exynos 1080 … Queste etichette sono destinate a essere la serie X60 nata sotto i riflettori.

Ho più volte espresso con i miei amici la sensazione che vivo X50 Pro + sia uno dei migliori telefoni cellulari di quest’anno, al primo posto in termini di immagine, sensazione e design. Ma l’implicazione è che non esiste un motore lineare dell’asse X e l’algoritmo anti-mancanza deve essere migliorato.

Questi due problemi apparentemente poco appariscenti sono diventati una spina nel fianco nell’esperienza dell’utente. È come se alcune persone fossero affascinanti in superficie, infatti, i calzini della barca sono caduti fino in fondo ai loro piedi e solo tu sai se non lo sono.

Quindi, la serie X60 è appena stata rilasciata per compensare questi rimpianti? Cerchiamo insieme la risposta.

Abbastanza leggero e abbastanza bello

Nell’era dei telefoni cellulari di punta 5G con 200g + ad ogni giro, il peso di vivo X50 Pro 181,5g, combinato con il corpo rotondo, mi ha lasciato una profonda impressione.

In vivo X60 Pro, le caratteristiche sottili e leggere sono state ulteriormente rafforzate. Original Force ha uno spessore di soli 7,59 mm e pesa circa 178 g. Quando si solleva il telefono, il mignolo non sentirà una pressione evidente. Il design della superficie 3D anteriore e posteriore si adatta perfettamente all’arco della mano. Tenendolo premuto, non puoi fare a meno di sospirare “La leggerezza è come dovrebbe essere il telefono”.

Dalla parte anteriore, la serie X60 ha spostato la fotocamera anteriore al centro, non nell’angolo superiore sinistro della generazione precedente. Questa modifica rende l’aspetto anteriore molto simmetrico. Uno dei vantaggi offerti da questo è che l’angolo del viso non verrà spostato a sinistra ea destra quando si scatta un selfie e gli occhi possono essere più naturali.

Anche la qualità dello schermo è notevole. Schermo curvo AMOLED da 6,56 pollici, risoluzione 2376 × 1080, frequenza di aggiornamento 120Hz, copertura della gamma di colori DCI-P3 al 100%, luminosità di picco 1300nit, HDR 10+ … È sufficiente vedere che questo è un buon schermo.

Confrontando con X50 Pro +, ho scoperto che la curvatura dello schermo dell’X60 Pro sembra essere leggermente più piccola, ma questo non è menzionato ufficialmente. Nell’uso effettivo, il bordo dello schermo dell’X60 Pro non diventerà verde né cambierà colore, la possibilità di un tocco accidentale è molto inferiore e lo scorrimento su e giù è più seguito.

▲ X60 Pro a sinistra, X50 Pro + a destra

Un altro piccolo cambiamento è alle estremità superiore e inferiore dello schermo.X60 Pro è passato dal design lineare della generazione precedente a un design 3D leggermente curvo. Quando si eseguono operazioni gestuali come scivolare verso l’alto e uscire, il miglioramento della sensazione della mano è molto evidente.

Il retro della serie X60 continua ancora il linguaggio di design della generazione precedente. Soprattutto il design a due colori a livello di nuvola può essere incorporato nella classica custodia del telefono cellulare CMF (Color Material Finishing). Attraverso lo stile a gradini, lo spessore della lente viene suddiviso e anche la corrispondenza dei colori è progressiva da chiara a scura, dall’aspetto pulito e sottile.

X60 Pro utilizza il processo AG per lucidare la cover posteriore La superficie in vetro ha una consistenza nebulosa e non è facile ottenere le impronte digitali. A diverse angolazioni, apparirà una leggera lucentezza, un po ‘come il raso di seta al sole. Quando viene tenuto in mano, ha anche la morbidezza della seta.

Tuttavia, per l’uso quotidiano, scelgo comunque di indossare il guscio, perché è leggero e scivoloso, il che mi fa sempre preoccupare che possa “volare via”.

X60 Pro ha due colori, uno è “The Force” e l’altro è “Hua Cai”. Ciò che abbiamo ottenuto questa volta è il colore “Force”, che è un po ‘come il colore “Gravity” della serie X50. Sotto certi angoli, darà un debole colore ciano, che è molto avanzato.

Nuova esperienza “core”

Se vogliamo estrarre una parola chiave per il settore dei chip per telefoni cellulari nel 2020, penso che dovrebbe essere “5nm”.

Da settembre abbiamo visto i SoC Kirin 9000, A14, Samsung Exynos 1080 e Qualcomm Snapdragon 888 che utilizzano la tecnologia di processo a 5 nm. Il vivo X60 e X60 Pro sono i primi spettacoli di Samsung Exynos 1080.

Sebbene il punteggio in esecuzione e l’esperienza d’uso quotidiana non siano completamente collegati, questo articolo è ancora inevitabile. Attraverso i punteggi in esecuzione del seguente software, consentire a tutti di comprendere intuitivamente le prestazioni di Samsung Exynos 1080 su X60 Pro.

Nel complesso, sebbene Samsung Exynos 1080 non possa competere con Qualcomm Snapdragon 888, può ancora giocare avanti e indietro con Qualcomm Snapdragon 865 ed è naturalmente una vittoria stabile rispetto a Dimensity 1000+. Inoltre, non è la prima volta che vivo e Samsung collaborano e, grazie alla successiva ottimizzazione e messa a punto, le prestazioni di questo chip dovrebbero essere ulteriormente migliorate.

Vale la pena notare che non tutte le serie X60 utilizzano chip Samsung Exynos 1080 e l’X60 Pro + di grandi dimensioni potrebbe utilizzare Qualcomm Snapdragon 888. La situazione specifica deve ancora essere annunciata.

E l’esperienza reale di questo chip? Abbiamo usato “Pharaoh” e “PlayerUnknown’s Battlegrounds” per i test.

PlayerUnknown’s Battlegrounds non è un osso difficile per X60 Pro. Quando le opzioni di qualità dell’immagine sono regolate al massimo, l’esperienza di gioco è molto fluida e fluida e anche la temperatura dell’intera macchina è ben controllata.

“The Original God” è diverso. Quando le opzioni di frame rate e qualità dell’immagine sono tutte piene, X60 Pro sperimenterà frequenti blocchi e cadute di frame. Se modifichi l’opzione “motion blur” da “molto alto” a “alto”, l’esperienza di gioco sarà molto più fluida, ma i fotogrammi continueranno a diminuire di tanto in tanto.

Nelle impostazioni nell’immagine sopra, abbiamo regolato la luminosità dello schermo all’80% e il volume dell’altoparlante al 50% e abbiamo giocato per 20 minuti. Quindi utilizzare immediatamente la termocamera per osservare il calore del telefono.

▲ L’ambiente di prova è di circa 26 ° C

Si può vedere che l’area di riscaldamento è principalmente vicino alla telecamera e la temperatura massima è di 46-47 ° C. Questa situazione è simile all’iPhone 12 Pro Max, che ha una temperatura di circa 45-47 ° C.

Oltre alle prestazioni, il punto di aggiornamento della CPU e della GPU di questo chip è anche il rapporto di consumo energetico. Nell’uso effettivo, com’è la durata della batteria dell’X60 Pro dotato di una batteria da 4200 mAh? Abbiamo condotto un test di durata della batteria di 3 ore ei risultati sono mostrati nella tabella seguente.

La durata della batteria dell’X60 Pro è ottimizzata e non è un problema usarla per un giorno. Tuttavia, la versione corrente consuma un po ‘più di energia durante lo standby notturno, con il 7% di spegnimento in 8 ore.Spero che la versione successiva del firmware possa essere ottimizzata.

Quando si tratta della durata della batteria, è necessario menzionare la velocità di ricarica. X60 Pro, come la generazione precedente, supporta la ricarica rapida da 33 W. Può essere caricato al 61% dallo stato di spegnimento in assenza di alimentazione in 30 minuti e al 100% in 70 minuti. Inoltre, la confezione viene fornita di serie con una testina di ricarica, cavo dati e auricolari, e alcuni accessori sono ancora presenti.

Il lavoro pionieristico di Zeiss x vivo

Dallo zoom 50x dell’X30 Pro alla tecnologia delle micro-testine dell’X50 Pro, vivo ha corso all’impazzata sulla traccia video.

In termini di combinazione di lunghezze focali, vivo mi conquista il cuore. Come la generazione precedente, X60 Pro ha un totale di quattro obiettivi, che sono 0,6X ultra grandangolare + 1X fotocamera principale + 2X ritratto + 5X teleobiettivo periscopio. La praticabilità di questa combinazione di tutte le lunghezze focali è molto alta, registrando insieme la vita e la creazione professionale.

Nello specifico, l’obiettivo ultragrandangolare è stato aggiornato dalla generazione precedente da 8 milioni a 13 milioni di pixel, che può raggiungere riprese grandangolari di 120 °. Può ancora ottenere una risoluzione migliore quando si scatta di notte.

▲ Obiettivo ultra grandangolare

La fotocamera principale è ancora da 48 milioni di pixel e il sensore utilizza anche la generazione precedente IMX598, ma l’apertura è aumentata da f / 1.6 af / 1.48. Un’apertura maggiore significa un aumento della quantità di luce. In un ambiente con scarsa illuminazione, dopo che X60 Pro ha attivato la modalità scena notturna, sono necessari in media 1-3 secondi per completare la ripresa (ambiente senza impronte digitali).

▲ Le prestazioni della fotocamera principale in condizioni di luce sufficiente

▲ Le prestazioni della fotocamera principale in un ambiente con scarsa illuminazione

L’obiettivo ritratto è equivalente a 50 mm con 13 milioni di pixel. Ciò che è degno di riconoscimento è che i diversi obiettivi dell’X60 Pro sono coerenti in termini di bilanciamento del bianco e colore. Fondamentalmente, non ci saranno cambiamenti nel colore e nel bilanciamento del bianco dello schermo quando si cambia obiettivo.

▲ Obiettivo verticale 2X

Il teleobiettivo periscopio è di 8 milioni di pixel, equivalenti a circa 135 mm, e supporta uno zoom fino a 60x I parametri sono coerenti con la generazione precedente e l’effetto di imaging è buono.

▲ Teleobiettivo periscopio

Questa volta vivo ha dato due punti salienti alla serie X60. Uno è collaborare con Zeiss e l’altro è lanciare la tecnologia delle micro testine di seconda generazione.

La mano nella mano con Zeiss si riflette nell’hardware e nel software della fotocamera. Ad esempio, il numero di obiettivi nell’obiettivo X60 Pro è aumentato e tutti sono stati aggiornati a obiettivi asferici, rendendo più facile correggere le aberrazioni. Inoltre, l’obiettivo di X60 Pro utilizza il processo di rivestimento nanocristallino ALD, che è il primo smartphone ad adottare questo processo.

Il processo ALD può essere più facile da percepire per gli utenti. In scene di luce complesse, questo processo può effettivamente migliorare efficacemente i problemi di abbagliamento e immagini fantasma.

▲ Effetto di ripresa della fotocamera principale

In termini di software, vivo e Zeiss hanno collaborato per integrare l’effetto di sfocatura di rotazione del classico obiettivo Biotar di Zeiss nella serie X60 sotto forma di un algoritmo. Sebbene questo algoritmo sia la prima apparizione, la performance effettiva è molto matura e il focus rotante è pieno di fantasia.

▲ Modalità ritratto obiettivo 2X

Oltre alla splendida messa a fuoco, puoi scoprire che la modalità ritratto di X60 Pro gestisce i bordi del soggetto in modo molto pulito e ordinato. La relazione tra le scene anteriore, centrale e posteriore è chiara e la transizione è naturale. Durante l’esperienza, la modalità ritratto dell’obiettivo 2X è diventata la mia modalità di scatto più comunemente usata.

▲ Modalità ritratto obiettivo 2X

Esplorando le foto sopra, potresti aver scoperto che l’imaging dell’X60 Pro ha il sapore di Zeiss, con colori ricchi e molto accattivanti. Soprattutto per le prestazioni del rosso e del verde, si può dire che X60 Pro sia molto velenoso.

▲ Teleobiettivo periscopio

Oltre alla benedizione di Zeiss, la tecnologia delle micro testine di seconda generazione è anche un punto culminante della serie X60. Rispetto alla generazione precedente, la struttura interna e il cablaggio della micro-testina di seconda generazione hanno subito importanti modifiche e il volume è diventato più compatto. Ciò consente anche all’apertura dell’obiettivo della fotocamera principale dell’X60 Pro di avere la possibilità di andare oltre af / 1.48.

Se una parola viene utilizzata per descrivere la tecnologia delle micro testine di seconda generazione, è “stabile”. La fotocamera principale dell’X60 Pro può ottenere un effetto anti-shake a quattro assi quando si scattano foto, riducendo la possibilità di sfocatura nella modalità scena notturna. Quando si riproduce seguendo la fotografia, anche la percentuale di successo è molto alta. Puoi vedere il ragazzo da asporto nella foto qui sotto I bordi del suo corpo sono molto chiari e nitidi.

▲ Effetto di ripresa della fotocamera principale

In sintesi, con l’aggiunta di Zeiss, il colore e la trama della fotocamera X60 Pro sono molto riconoscibili. Ma se ti piacciono i colori più realistici o hai requisiti elevati per l’accuratezza del colore, questo tipo di “Germania” potrebbe essere fastidioso per te e potresti dover apportare modifiche in seguito.

OriginOS, l’estetica è cambiata

La serie X60 è dotata di un nuovissimo OriginOS, che ha aperto un grande divario con FuntouchOS in termini di esperienza visiva e utente.

Ho già menzionato il telefono vivo e il suo FuntouchOS sarà sempre sputato. Rispetto a MIUI, EMUI, ColorOS e altri sistemi, la facilità d’uso e l’estetica del primo sono relativamente arretrate.

▲ FuntouchOS a sinistra, OriginOS a destra

Ma con OriginOS, vivo può finalmente essere orgoglioso. Abbiamo introdotto in dettaglio in precedenza il suo concetto di design e le sue caratteristiche. Ciò di cui vogliamo parlare oggi è l’esperienza reale.

In generale, il pregiudizio estetico di OriginOS è molto ovvio. Se FuntouchOS è “bellezza con velocità”, allora OriginOS è “bellezza con eleganza”. Ogni volta che fai clic, scorri e ogni animazione, puoi vedere la differenza tra i due.

La sensazione di FuntouchOS è semplice e una sorta di vigore. L’animazione è molto diretta, pensata per farti sentire la sensibilità del telefono. L’animazione di OriginOS è più ricca e dettagliata. Durante l’operazione, ti dà un senso di eleganza, rendendo l’interazione più naturale e avendo il sapore di iOS.

Persone diverse hanno opinioni diverse sul fatto che siano belle o meno. La griglia Huarong predefinita di OriginOS è molto appetitosa per me. È un po ‘come Windows Phone, ma è più giovane e flessibile.

I “magneti” sullo schermo sono chiamati “componenti atomici” da vivo, sono molto fai da te, puoi modificarne le dimensioni, lo stile, la ricchezza di informazioni e così via. Per gli amici a cui piacciono le pratiche, questa potrebbe essere una cosa molto interessante.

Se non ti piace lo stile di Huarong Grid, puoi anche viaggiare nel “mondo parallelo” con un clic, trasformando il tuo telefono in un’interfaccia di stile comune per Android.

Mi piace la funzionalità del pacchetto di carte di OriginOS. Su qualsiasi interfaccia, scorri verso sinistra dal bordo inferiore destro dello schermo. Questi includono “carte di pagamento” che integrano più metodi di pagamento e “schede fotocamera” che includono più obiettivi. L’esperienza reale è molto conveniente.

Vale la pena ricordare che OriginOS ha aggiunto una nuova tecnologia di “fusione della memoria”, che combina RAM e ROM attraverso l’ottimizzazione dell’algoritmo. 8 GB di memoria in esecuzione possono ottenere un’esperienza equivalente a 11 GB di memoria in esecuzione; 12 GB possono ottenere 15 GB di memoria in esecuzione. Esperienza.

Inoltre, il nuovo sistema presenta nuovi miglioramenti nell’ottimizzazione dei processi e nel precaricamento delle applicazioni. La completa lucidatura di hardware e software rende X60 Pro molto setoso e scorrevole da usare.

Se vuoi scegliere un posto insoddisfacente, è che l’X60 Pro utilizza ancora un motore a rotore e la vibrazione è molto “primitiva”. Il 2021 arriverà presto, il nuovo prodotto di punta non ha utilizzato motori lineari, il che è un po ‘irragionevole.

Design + immagine, la direzione è chiara

Alla conferenza stampa appena conclusa, vivo ha annunciato il prezzo della serie X60. Nel complesso, il prezzo di partenza è sostanzialmente lo stesso della generazione precedente. Le versioni X60 8 + 128 GB e X60 Pro 12 + 256 GB sono più economiche rispetto alla generazione precedente.

Se guardi indietro al logo secondario del marchio vivo, troverai un fenomeno interessante. Negli ultimi anni vivo ha cambiato due volte il suo logo secondario.

La prima volta che la serie X9 è stata rilasciata nel 2016, vivo ha cambiato il sub-logo del marchio “Hi-Fi & Smart” in “Camera & Music”. La seconda volta è stata all’inizio del 2020 e l’ho aggiornata a “Camera & Design”.

Si può vedere che la direzione principale del suo attacco si è spostata dalla musica alla fotografia e al design. Come i prodotti della serie X di seconda generazione sotto il posizionamento di “Camera & Design”, la serie X60 interpreta perfettamente la direzione su cui vivo sta lavorando.

Nel complesso, oltre al rammarico del motore, le prestazioni della serie X60 sono notevoli. Questo mi fa anche aspettare con impazienza la prossima uscita della “Super Cup”, quali sorprese ci saranno in termini di prestazioni e telecamere.

Può vivo, che ha collaborato profondamente con Zeiss, fare affidamento sulla “Super Cup” della serie X60 per diventare il fotografo dominante nel campo Android? Aspetteremo e vedremo.

 

Racconta storie semplici e di facile lettura. Email di lavoro: [email protected]

#Benvenuto a seguire l’account WeChat ufficiale di Aifaner: Aifaner (ID WeChat: ifanr), ti verranno forniti contenuti più interessanti il ​​prima possibile.

Ai Faner | Link originale · Visualizza commenti · Sina Weibo