Vivo X60 Pro + recensione: programmato con successo per scattare foto del “re macchina” nella prima metà dell’anno?

“È una tazza super grande? Perché è così leggera?” Editor-in-Chief Ha espresso un tale sentimento dopo aver iniziato con X60 Pro +.

Infatti, quando la “coppa super grande” è diventata sinonimo di folle scorte di vari marchi, il cellulare e il mio portafoglio erano l’opposto, diventando sempre più pesanti.

Dal punto di vista della configurazione, la tazza extra-large della serie vivo X60 ha anche accumulato molti materiali: Qualcomm Snapdragon 888, fotocamera principale con doppia suola, micro-testina di seconda generazione, UFS 3.1, memoria LPDDR5, ricarica rapida da 55 W, motore lineare … … Si può dire che ci sono troppi elementi.

E sotto l’output di vivo, X60 Pro + ha ancora limitato la specifica 190g, quindi il redattore capo ha sospirato all’inizio.

Tuttavia, la leggerezza non è l’obiettivo di questo telefono. Prima del suo arrivo, vivo ha ripetutamente accennato che sarà una bestia nel settore della fotografia mobile. Quindi la nostra valutazione partirà dalla sua capacità fotografica.

Fiore all’occhiello dell’immagine, non si arriva mai a niente

Dopo aver ottenuto l’X60 Pro +, la prima cosa che ho fatto è stata girare il telefono sul retro e osservare la sua fotocamera.

La differenza tra X60 e X60 Pro è che X60 Pro + ha un enorme modulo fotocamera, non solo con una piccola etichetta blu, ma anche con un cospicuo rivestimento T *, che sembra proclamarsi con orgoglio come “True Choi”.

Come prima supercoppa dopo la collaborazione tra vivo e Zeiss, le quattro lenti posteriori di X60 Pro +, i parametri sono molto bluff:

  • Obiettivo della fotocamera principale GN1 da 50 milioni di pixel (f / 1.57)
  • Obiettivo ultragrandangolare con testina micro IMX598 di seconda generazione da 48 milioni di pixel (f / 2.2)
  • Obiettivo verticale 2X da 32 milioni di pixel (f / 2.08)
  • Obiettivo periscopico 5X da 8 milioni di pixel (f / 3.4)

Tali parametri hardcore dovrebbero essere la coppa super grande più lussuosa al momento.

I parametri della fotocamera principale sono sostanzialmente gli stessi della precedente generazione X50 Pro +. La dimensione del sensore GN1 ha raggiunto 1 / 1,3 pollici e le sue caratteristiche di imaging possono essere riassunte come veloci, accurate e stabili.

In un ambiente ben illuminato, l’elevata gamma dinamica portata dalla suola rende l’aspetto lineare molto piacevole. La modalità da 100 megapixel offre anche molto spazio per il post-taglio e la creazione secondaria.

Poiché l’apertura è stata aumentata da f / 1.85 della generazione precedente a f / 1.57, ha ulteriormente migliorato la sua sensibilità e ha un eccellente controllo del rumore.

Per le riprese notturne, X60 Pro + fornisce diversi algoritmi per l’oscurità estrema, scene notturne urbane e scene notturne super retroilluminate. In particolare, l’aggiunta del rivestimento Zeiss T * è molto adatto per i fantasmi e l’abbagliamento, che è molto adatto per scene notturne con illuminazione complessa.

La fotocamera ultra grandangolare utilizza un sensore IMX598 da 48 megapixel, che equivale a 14 mm. Allo stesso tempo, la micro-testina di seconda generazione può essere utilizzata per ottenere effetti anti-vibrazione della telecamera a quattro assi (traslazione dell’asse X, traslazione dell’asse Y, jitter YAW e PITCH).

In un ambiente ben illuminato, sebbene la qualità delle immagini sia molto buona, rispetto all’iPhone 12 Pro Max, il senso di gerarchia è ancora più debole.

▲ L’immagine sopra è X60 Pro +, l’immagine sotto è iPhone 12 Pro Max

Ma di notte, i suoi dettagli e la sua purezza sono ovviamente migliori di iPhone 12 Pro Max.

▲ L’immagine sopra è X60 Pro +, l’immagine sotto è iPhone 12 Pro Max

Un simile confronto sembra un po ‘una mancanza di moralità. Rispetto al suo predecessore X50 Pro +, anche la qualità dell’immagine è notevolmente migliorata e la gamma di visualizzazione è più ampia.

▲ X50 Pro +

L’ultra grandangolare è molto pratico per gli amanti della fotografia di architettura e di paesaggio. L’ultra-grandangolare di X60 Pro + non è un’esagerazione da dire, dovrebbe essere il soffitto nell’attuale campo di telefonia mobile.

L’obiettivo per ritratti 2x è fondamentalmente lo stesso della generazione precedente, entrambi sono 32 milioni di pixel, equivalenti a 50 mm, e l’immagine è molto solida.

Tuttavia, la serie X60 ha una caratteristica importante, ovvero lo stile “Zeiss Biotar” è stato aggiunto alla modalità verticale. Rispetto alla normale modalità ritratto, la sua caratteristica principale è l’effetto di rotazione fuori fuoco, che sembra molto sognante.

Con mia sorpresa, il teleobiettivo periscopio di X60 Pro + si è ridotto, da 13 milioni di pixel della generazione precedente a 8 milioni di pixel.

Nelle riprese reali, la qualità dei dettagli ingranditi dell’X60 Pro + non è ovviamente buona come la generazione precedente, ma il colore e l’aspetto generale sono leggermente migliori di quelli dell’X50 Pro +. Dovrebbe essere ottimizzato a livello di software insieme a Zeiss.

La fotocamera frontale è di 32 milioni di pixel e poiché la posizione è spostata al centro, gli occhi sono più naturali quando si scattano selfie. Inoltre, il tono della pelle ei dettagli sono ben ripristinati.

▲ La giovane donna che non aveva bellezza

In termini di riprese video, le prestazioni della micro-testina di seconda generazione di X60 Pro + sono molto stabili. Dopo aver attivato il super anti-shake, l’immagine panoramica può essere descritta solo come “setosa”.

▲ La compressione delle immagini GIF è seria, guarda il video di valutazione per i dettagli

Questa volta la Super Cup ha portato anche una nuovissima funzione “Video HDR” e “Super Clear Night View Video”.

In poche parole, dopo aver attivato la funzione “Video HDR”, la stratificazione dell’immagine sarà più ricca. La funzione di registrazione video di “HDR 10+” può fornire una migliore gamma dinamica e transizione dei colori.

“Ultra-Clear Night Scene Video” mobilizzerà le capacità hardware in misura maggiore, aumenterà l’ISO e manterrà una piccola quantità di rumore, rendendo la scena notturna più luminosa.

▲ L’immagine sotto è uno screenshot del video con il “Super Clear Night Scene Video” attivato

Nel complesso, la scheda della fotocamera è stata giocata dall’X60 Pro + con l’effetto di “King Explosion”. Che si tratti di scattare foto o video, è stata notevolmente migliorata rispetto alla generazione precedente. Soprattutto nel caso di straight out, può essere definito un nuovo punto di riferimento per l’imaging.

Tazza oversize, il design è ancora online

All’inizio del 2020, vivo ha aggiornato lo slogan del marchio in “Camera & Design”, che è sufficiente per vedere la direzione della sua macchina: fotocamera e design.

In termini di design, X60 Pro + ha un forte stile familiare. Il corpo elegante e l’iconica fotocamera a due colori a livello di nuvola sono tutti sapori familiari.

Questa volta, X60 Pro + ha una caratteristica speciale, ovvero il materiale della cover posteriore è disponibile solo in pelle liscia, senza vetro AG. Quello che abbiamo è il colore blu del mare profondo, la consistenza e la sensazione sono online.

Rispetto al materiale in vetro AG, la pelle liscia non è così scivolosa e non fa sentire freddo se usata in inverno. Ma in teoria, il suo effetto di dissipazione del calore potrebbe non essere buono come il vetro. La prestazione specifica, la testeremo più avanti nella parte relativa alle prestazioni.

Vale la pena ricordare che anche se viene utilizzato il materiale in pelle normale, il suo spessore è controllato a 9,1 mm. Al contrario, i dati della versione in pelle liscia X50 Pro + sono 9,48 mm. È più leggero e più sottile. X60 Pro + è una tazza super grande e si sente molto bene.

Dopo un attento gioco, ho scoperto che l’X60 Pro + è molto più raffinato rispetto alla precedente generazione di Super Cup. Questo perché vivo ha smussato e lucidato ogni pulsante e persino ogni apertura, il che sembra molto lucido.

Anche se il design di X60 Pro + è ancora eccellente, puoi sentire un pizzico di compromesso. Ciò è principalmente dovuto al fatto che il modulo della fotocamera è diventato più grande e più convesso a causa dell’impilamento dei materiali. Sul tavolo, l’iPhone 12 Pro Max sembra molto più piatto.

▲ X60 Pro + a sinistra, iPhone 12 Pro Max a destra

Quando lo si tiene con una mano, l’indice può toccare facilmente gli angoli dell’obiettivo, il che sembra anche interrompere leggermente la coordinazione sul retro.

Il design include non solo l’aspetto, ma anche l’interno. Questa volta tutte le serie X60 sono dotate di sistema OriginOS di serie, scartando il tanto criticato FuntouchOS.

OriginOS utilizza un design in stile piastrelle. Se sei un vecchio utente di Windows Phone, dovresti avere familiarità con questo stile di pittura. La dimensione dell’icona, la ricchezza delle informazioni, lo stile dell’icona e della finestra possono essere regolate a piacimento, il che è molto adatto a chi ama lanciarsi e cimentarsi con le macchine.

Se non sei abituato a questo stile, puoi anche passare al layout Android comune con un clic. Sebbene OriginOS abbia fatto un grande passo avanti in termini di estetica, c’è ancora spazio per miglioramenti in termini di efficienza.

Com’è la performance?

Diamo un’occhiata ad altre configurazioni di X60 Pro +.

Il primo è lo schermo. Sebbene questo display AMOLED da 6,56 pollici supporti una frequenza di aggiornamento di 120 Hz, una frequenza di campionamento tattile di 240 Hz, una luminosità di picco di 800 nit, la gamma di colori P3, il display HDR 10+, ma a causa dell’esistenza del “portiere” di Xiaomi 11, I parametri sembrano ancora un po ‘mediocri.

Ciò che è gratificante è che questa generazione di tazze super grandi ha migliorato l’algoritmo anti-mistouch e possiamo regolare la sensibilità su entrambi i lati dello schermo nelle impostazioni. L’ho regolato al livello più basso, il che ha notevolmente ridotto la possibilità di falsi tocchi causati dallo schermo curvo.

X60 Pro + utilizza processore Qualcomm Snapdragon 888, standard UFS3.1, memoria LPDDR5. Abbiamo utilizzato AnTuTu, GeekBench 5 e altri software per testare i punteggi di corsa.I dati sono migliori dello Xiaomi Mi 11, che è anche Snapdragon 888, e non è a poca distanza dallo stesso X60 Pro junior.

▲ Il punteggio progressivo è solo di riferimento e il punteggio non è direttamente collegato all’esperienza reale

Nel gioco “Peace Elite”, dopo che la qualità dell’immagine è stata raggiunta completamente, non vengono rilevati blocchi o cadute di frame. Tuttavia, sembra esserci margine di miglioramento nella messa a punto di “Original God”, dimostrando che Xiaomi Mi 11 è difficile da distinguere. Nei primi 10 minuti, la fluidità di 60 fotogrammi può essere sostanzialmente mantenuta, ma quando la temperatura corporea aumenta, il frame rate inizia a fluttuare frequentemente.

▲ Risultati dei test di “The Original God”

Dopo aver giocato a “The Original God” per 20 minuti, abbiamo osservato con una termocamera e abbiamo scoperto che l’area calda del telefono cellulare era concentrata sul lato destro della fotocamera. La temperatura massima era di 44,5 gradi Celsius, che era superiore a quella di Xiaomi Mi 11 (46-47 gradi) e iPhone 12 (45 gradi Celsius). -47 gradi) sono più bassi, il materiale in pelle di X60 Pro + non sembra essere un peso per la dissipazione del calore.

Questa volta l’X60 Pro + è finalmente dotato di un motore lineare, e si può dire che sia uscito dopo mille chiamate. “Buzzing” finalmente divenne “Da Da Da”.

Come si sente questo motore? Dipende dal modello con cui confronti. Sebbene non possa eguagliare la sintonizzazione di iPhone, OnePlus, Meizu e altri telefoni cellulari, è un enorme miglioramento rispetto alla generazione precedente. Almeno non sarò più scioccato dalla vibrazione dei messaggi del mio cellulare.

X60 Pro è dotato di una batteria da 4200 mAh e supporta la ricarica rapida cablata da 55 W. Viene rilevato che la batteria può essere caricata dallo 0 al 90% in 36 minuti e sono necessari 51 minuti per caricarsi completamente.

Dopo il test di durata della batteria standard di 3 ore, questa tazza super capiente ha ancora il 68% di carica residua, che è migliore di Xiaomi Mi 11 e iPhone 12. La durata della batteria giornaliera non dovrebbe essere un problema.

per riassumere

Come un vecchio utente X50 Pro +, ho onestamente grandi aspettative per la serie X60 di supercoppe. E nemmeno l’X60 Pro + mi ha deluso: quei piccoli e grandi rimpianti, come i motori lineari e gli algoritmi anti-mancante, sono fondamentalmente inventati in questa generazione.

Tuttavia, il teleobiettivo periscopio che si restringe, la mancanza di doppi altoparlanti e la mancanza di supporto per la ricarica wireless possono essere considerati nuovi rimpianti.

Dal punto di vista del posizionamento della linea di prodotti, dopo tutto, il punto forte di X60 Pro + stesso è l’immagine. Se aspro cerca tutti gli aspetti del bilanciamento, forse possiamo guardare avanti nella serie NEX.

Dopo che l’algoritmo rappresentato da Google Pixel e iPhone ha utilizzato la fotografia computazionale per distruggere una cerchia di amici, X60 Pro + utilizza la fotocamera principale a doppia suola e la benedizione Zeiss per supportare una configurazione così esagerata, vincendo per la torta hardware. Tono.

È proprio come la secolare lotta tra Jianzong e Qizong della Chinese Mountain School di “Swordsman”: la scuola di algoritmi si concede mosse e rifiniture, mentre la scuola di hardware si sforza di arricchire la sua forza interna. Chi può rappresentare la direzione finale dello sviluppo della fotografia mobile? Non siamo ancora in grado di saltare a una conclusione.

Ma il beccaccino e la vongola stanno combattendo, e noi consumatori siamo sempre i pescatori felici.

 

Racconta storie semplici e di facile lettura. E-mail di lavoro: [email protected]

#Benvenuto a seguire l’account WeChat ufficiale di Aifaner: Aifaner (ID WeChat: ifanr), ti verranno forniti contenuti più interessanti il ​​prima possibile.

Ai Faner | Link originale · Visualizza commenti · Sina Weibo