Quando la “Fake Smile Elite” di LinkedIn incontra il “Neizu Builder”

ai3 - Quando la “Fake Smile Elite” di LinkedIn incontra il “Neizu Builder”

Esiste una sorta di studio del successo, che consiste nell’apprendere dalla vita quotidiana una profonda saggezza sul posto di lavoro.

Un altro tipo di successo è che un suggerimento può risolvere tutti i problemi.

LinkedIn, dove le élite sono ovunque, non fa eccezione. Secondo l’utente di LinkedIn Tom Orbach, i post virali su LinkedIn hanno una cosa in comune: egocentrici, anche un po’ narcisisti.

Poiché odiava questo fenomeno, ha utilizzato l’IA per creare un generatore di post virali basato su oltre 100.000 post di LinkedIn più popolari. La traduzione letterale è “generatore di post virali”.

twitter1 - Quando la “Fake Smile Elite” di LinkedIn incontra il “Neizu Builder”

Il suo utilizzo è molto semplice Inserisci un’attività quotidiana e un suggerimento, quindi determina il “livello di imbarazzo” basso o alto e puoi generare un post di ispirazione posturale con un clic, in modo che l’apprendimento pseudo-successo non abbia nessun posto dove nascondersi.

Sconfiggi il narcisismo con il narcisismo

Come funziona esattamente il generatore di post? Diamo prima un’occhiata ad alcuni esempi.

post3 - Quando la “Fake Smile Elite” di LinkedIn incontra il “Neizu Builder”

L’attività quotidiana in cui ho inserito era “sveglia”, il suggerimento era “fai un miliardo” e l’”imbarazzo” è stato superato e il risultato è stato: “rilassati. Va bene se non guadagni un miliardo. È fantastico fallire. Ma non è bello fallire davanti a me quando mi sveglio, figliolo.

Oltre ad essere prepotente, sono un po’ deluso.In questo momento, potrei essere la generazione ricca che ha avviato un’attività con il sangue nei primi anni e ora odia il ferro.

post5 - Quando la “Fake Smile Elite” di LinkedIn incontra il “Neizu Builder”

L’utente Twitter @CKergaravat ha digitato un’attività quotidiana di “leggi la mia posta” e ha suggerito “niente è impossibile”. Nei post generati, le sue e-mail sono diventate la ricetta del successo a cui tutti si sono riversati.

twitter2 - Quando la “Fake Smile Elite” di LinkedIn incontra il “Neizu Builder”

“Ammiro le persone che leggono le mie e-mail nelle loro carriere… sanno che niente è impossibile e nient’altro conta. Hai bisogno del mio consiglio? Inizia la giornata alle 5 del mattino e leggi la mia e-mail. Ti cambia la vita. Assicurati solo di leggerla bene e il resto seguirà”.

In un post sulle “dimissioni”, qualcuno ha messo in scena il magico realismo di picchiare i lavoratori, che andava contro l’atmosfera positiva di LinkedIn:

“Quando avevo dieci anni, pensavo che il mio scopo nella vita fosse quello di avviare un’impresa. Ma oggi ho finalmente capito che il mio destino è lasciare il lavoro ogni giorno per il resto della mia vita. Perché lo dico? Perché Ho lasciato il mio lavoro stamattina, è la sensazione più bella del mondo. Ora voglio lasciare il mio lavoro tutto il tempo”.

quit job - Quando la “Fake Smile Elite” di LinkedIn incontra il “Neizu Builder”

Alcune persone sono yin e yang, deridono l’app della porta accanto, e poi un finale O Henry:

“Se vuoi essere motivato, allora twitta. Ho twittato per la prima volta quando avevo 18 anni e non so come sono sopravvissuto. Non c’è sensazione migliore di questa! Vorrei poter twittare tutto il tempo. Dio e vieni pagato per questo Perché la rabbia rende il mondo un posto migliore.

twitter - Quando la “Fake Smile Elite” di LinkedIn incontra il “Neizu Builder”

Naturalmente, ce ne sono altri senza senso come “Lavati i denti e digrigna la lingua. Una volta che riesci a farlo, otterrai 10 volte il tuo stipendio”.

La mia esperienza personale è che quando ho iniziato a usare il generatore, mi sentivo davvero fresco, ma dopo averlo sperimentato è diventato un po’ noioso. È ancora un insieme di battute fredde e umorismo nero, che è un classico modo di lamentarsi di Internet .

juejuezi - Quando la “Fake Smile Elite” di LinkedIn incontra il “Neizu Builder”

In una certa misura, questo non è diverso da “The Absolute Son Generator”: è tutta una scrittura basata su modelli, battute ammucchiate, ironici e plausibili consigli inutili. Perché è tra assurdo e ragionevole, fa ridere la gente.

Questo è anche uno stile comune dopo che l’IA ha decostruito meccanicamente il testo. Prima c’era un’IA che guardava 400.000 ore di film horror. La sceneggiatura originale che scriveva era una combinazione di horror, umorismo e suspense, e l’intero film era pieno di frasi d’oro. “, o la benedizione dell’inferno “Ti auguro un buono per l’acquisto di una bara.”

AI - Quando la “Fake Smile Elite” di LinkedIn incontra il “Neizu Builder”

Il creatore Tom Orbach ha affermato che il generatore è stato creato in parte per l’umorismo e in parte per le critiche alla cultura narcisistica su LinkedIn. In qualità di responsabile del marketing di crescita, il suo profilo LinkedIn è “Il marketing virale è la mia tazza di tè”.

Pertanto, questo piccolo scherzo è anche in qualche modo speculativo. Abbastanza opportunamente, mentre il post è ancora in fase di caricamento, il generatore dirà: “Farai esplodere LinkedIn!”

post6 - Quando la “Fake Smile Elite” di LinkedIn incontra il “Neizu Builder”

Tom Orbach ha lanciato questo generatore nel febbraio dello scorso anno, ma sfortunatamente all’epoca a nessuno importava perché era in una lingua ebraica relativamente piccola. Il 15 agosto di quest’anno, la versione inglese del generatore è diventata virale su Twitter , con oltre 1 milione di persone che hanno utilizzato il generatore.

post4 - Quando la “Fake Smile Elite” di LinkedIn incontra il “Neizu Builder”

Il generatore è stato acquisito dall’agenzia pubblicitaria incentrata su LinkedIn Taplio per una somma non rivelata, quasi due settimane dopo che i social media sono diventati virali. Sotto il generatore c’è un collegamento al sito Web ufficiale di taplio, che invita le persone a fare clic e ottenere una “vera idea virale”. Sin dai tempi antichi, le routine non sono durate a lungo, almeno ora possono svolgere un ruolo nel drenaggio.

Non può essere più divertente dell’IA, almeno non più fastidioso

Sebbene i contenuti su LinkedIn non siano esattamente come i 100.000 post che Tom Orbach alimenta l’IA, non è solo Tom Orbach a pensare che alcuni dei contenuti su LinkedIn siano troppo “narcisisti”.

Entrepreneur Magazine ha concluso che alcuni dei post più fastidiosamente popolari di LinkedIn hanno molte cose in comune, inclusi molti spazi tra le frasi, consigli cliché e narrazioni drammatiche di successo o fallimento.

Di recente, c’è un “CEO che piange” fuori dal cerchio.

ceo2 - Quando la “Fake Smile Elite” di LinkedIn incontra il “Neizu Builder”

All’inizio di agosto, l’amministratore delegato di un’agenzia di marketing ha annunciato su LinkedIn che l’azienda stava licenziando i dipendenti, non solo in un linguaggio ipocrita, ma anche con un selfie in cui piangeva: “Questa sarà la cosa più vulnerabile che abbia mai condiviso… Ho solo pensato di mostrare alla gente che non tutti i CEO sono insensibili e non si preoccupano quando devono licenziare il personale”.

Entro un giorno dalla pubblicazione, il post ha ricevuto più di 33.000 commenti e più di 6.800 commenti. Alcune persone hanno affermato che “sembra aumentare la visibilità dell’azienda a scapito delle persone che sacrificano i propri mezzi di sussistenza”. Alcuni pensano invece che di piangere, meglio fare qualcosa di più pratico per placare i dipendenti. .

ceo - Quando la “Fake Smile Elite” di LinkedIn incontra il “Neizu Builder”

Stili di post simili includono pensare che hai meno successo potrebbe essere dovuto solo alla pigrizia, usare parole come “sinergia” per mostrare risultati mediocri, vantarsi di dare ai senzatetto consigli in stile “perché non mangiare carne macinata” e promuovere i propri cari La malattia mi ha reso un leader d’affari migliore…

real post - Quando la “Fake Smile Elite” di LinkedIn incontra il “Neizu Builder”

▲ Il successo sul fallimento.

Per dirla semplicemente, alcune ricerche a caldo su Weibo hanno il sapore dei “consigli di esperti”.

Una sezione Reddit chiamata LinkedIn Lunatics tiene traccia di tali contenuti dal 2019 e ora conta più di 120.000 membri.

Fast Company ha commentato : Se LinkedIn non è fondamentalmente diverso da Facebook ora, cos’è che attrae i professionisti?

lin2 - Quando la “Fake Smile Elite” di LinkedIn incontra il “Neizu Builder”

Nonostante si lamenti di LinkedIn e ne tragga profitto, Tom Orbach afferma di essere un utente fedele di LinkedIn, il suo social network preferito:

“Mi piace la sua positività, ma a volte è troppo intimidatorio. Penso solo che le persone dovrebbero essere più autentiche e vedersi meno come leader di pensiero e più come colleghi tra loro”.

Questo punto di partenza indica un problema: l’ansia da identità personale sui social media.

LinkedIn ha attualmente quasi 800 milioni di membri in tutto il mondo ed è una piattaforma sociale sul posto di lavoro abitualmente utilizzata da dipendenti di società straniere, rimpatriati e dirigenti aziendali.

Gli utenti hanno bisogno di tali piattaforme e le piattaforme hanno bisogno di tali utenti.

lin - Quando la “Fake Smile Elite” di LinkedIn incontra il “Neizu Builder”

La maggior parte degli utenti di LinkedIn indossa avatar aziendali in giacca e cravatta e scarpe di pelle e pubblica seriamente “curriculum elettronici”, elencando il background scolastico, l’esperienza lavorativa, le capacità di premiazione, ecc.

Tuttavia, un sondaggio del 2020 ha mostrato che il 34% degli intervistati ha falsificato i propri profili LinkedIn in varia misura, il che ha una certa somiglianza con i post di Bo Yan.

lende - Quando la “Fake Smile Elite” di LinkedIn incontra il “Neizu Builder”

Presentarsi su Internet, o anche esagerare, si basa sui bisogni umani ed è spesso inevitabile. È il caso delle immagini delicatamente ritoccate su Instagram, Xiaohongshu e LinkedIn, che raramente sono sotto i riflettori, solo ora esagerate dai generatori di post.

L’autore medio Zander Nethercutt ha criticato Instagram dicendo:

“Cosa succede quando una società che valorizza l’immagine rispetto alla sostanza incontra un mezzo dominato dal primo? La nostra generazione è cresciuta sapendo che l’immagine che rappresentiamo è più importante di chi siamo veramente”.

Questo passaggio sembra valere per ogni piattaforma social. Dobbiamo mostrare un marchio personale, un’immagine migliore della nostra vera identità.

È solo che quando la cosiddetta routine o formula viene smantellata dall’IA e trasformata in un generatore di post con pochi tocchi del dito, tutto sembra noioso.

 

Li Ruoqiuhuang, per esorcizzare il male. Email di lavoro: [email protected]
casella di posta 8

#Benvenuto a prestare attenzione all’account WeChat ufficiale di Aifaner: Aifaner (WeChat: ifanr), contenuti più eccitanti ti verranno forniti il ​​prima possibile.

Love Faner | Link originale · Visualizza commenti · Sina Weibo