Test: 10 domande per scoprire se sei veramente un audiofilo

Potresti pensare di essere un audiofilo, ma in realtà pochissimi amanti della musica spuntano tutte le caselle necessarie. Sei davvero un audiofilo? O sei solo un grande pretendente?

Solo perché hai il catalogo completo di Britney Spears nella tua libreria iTunes non ti qualifica: dipende tutto dall’attrezzatura che usi e dalla tua comprensione della tecnologia musicale.

Se vuoi scoprire se sei un vero audiofilo, puoi prendere il nostro fatto sul posto Quiz scientifico al 100% di seguito. Rispondi a ogni domanda con un “sì” o un “no”, tieni un conto in sospeso nella tua testa e alla fine riveleremo i risultati. Esatto, stai per scoprire se sei un audiofilo.

Cos’è un audiofilo?

Prima di iniziare, è importante definire esattamente cosa intendiamo quando diciamo “audiofilo”.

Secondo Dictionary.com , un audiofilo è qualcuno che è “particolarmente interessato alla riproduzione del suono ad alta fedeltà”.

Wikipedia si espande ulteriormente, affermando:

I valori audiofili possono essere applicati a tutte le fasi della riproduzione musicale: la registrazione audio iniziale, il processo di produzione e la riproduzione, che di solito avviene in un ambiente domestico. Un obiettivo chiave degli audiofili è catturare l’esperienza di un’esibizione musicale dal vivo in una stanza con una buona acustica e riprodurla a casa.

Ai fini di questo quiz, è l’aspetto dell’ascolto domestico che ci interessa. Quindi, senza ulteriori indugi, iniziamo!

1. Possiedi un paio di cuffie che valgono più di $ 250?

Mi dispiace, ma usare quelle cuffie gratuite per iPod / iPhone scandalosamente scomode solo perché sono “alla moda” non ti qualifica come un audiofilo. Invece, hai bisogno di un paio di cuffie che abbiano una qualità costruttiva eccezionale, alti livelli di comfort per un uso prolungato e, soprattutto, un suono straordinario.

Questi non sono economici. Ad esempio, le cuffie Sennheiser HD 820  ti costeranno più di $ 1500. Secondo quanto riferito, è come ascoltare veri altoparlanti.

Non ci aspettiamo che nemmeno l’audiofilo più ardente sborserà così tanto, ma è ragionevole aspettarsi che un vero sostenitore spenda più di $ 250. Senza quel livello di investimento, la qualità di fascia alta semplicemente non c’è.

2. Ti iscrivi a Tidal per l’alta fedeltà?

C’è una cosa che distingue Tidal da Spotify: la musica senza perdite.

La musica senza perdita di dati conserva ogni singolo dettaglio della registrazione del brano originale; rende le dimensioni dei file molto più grandi (quasi dieci volte le dimensioni degli MP3), ma la qualità è notevolmente migliorata.

Significa che i veri audiofili sceglierebbero di abbonarsi al servizio senza perdite di $ 20 / mese di Tidal piuttosto che accontentarsi di un’alternativa di qualità inferiore.

3. Credi che i cavi costosi facciano davvero la differenza?

Chiariamo una cosa: scientificamente parlando, la qualità del cavo fa la differenza per il suono dei tuoi altoparlanti.

L’altoparlante, il ricevitore / amplificatore e il cavo creano un circuito elettrico, quindi l’uso di un cavo con componenti di qualità superiore influenzerà la resistenza e la capacità del circuito e cambierà l’uscita di conseguenza.

La presa? La differenza è trascurabile. Ciò significa che è necessario un orecchio altamente addestrato per notare il cambiamento del suono. Se riesci a sentire la differenza, ci sono buone probabilità che tu sia un audiofilo.

4. Acquistate ancora vinili?

Abbiamo già visto perché il vinile è meglio del digitale . Ci sono molte ragioni, ma probabilmente la più grande differenza è la qualità del suono.

Il vinile è spesso il modo in cui l’artista intendeva far sentire la propria musica: non è stato migliorato digitalmente, non è stato aumentato artificialmente il suo volume e non è stato salvato, strappato e convertito mille volte prima di colpire le tue orecchie.

La maggior parte delle persone non si preoccupa abbastanza della differenza del suono per andare in un negozio di mattoni e malta per acquistare un disco in vinile. L’eccezione sono gli audiofili, a cui forse importa un po ‘troppo.

5. Prestate attenzione all’acustica di una stanza?

Sono andato a scuola a Manchester, in Inghilterra. Durante la mia permanenza lì abbiamo fatto costruire un nuovo grande palazzetto dello sport al coperto.

Non molto tempo dopo che fu completato, la Royal Philharmonic Orchestra stava cercando un posto per registrare il loro nuovo album. Secondo quanto riferito, il direttore dell’orchestra è entrato nella sala, ha battuto le mani una volta e ha subito capito che era il luogo in cui avrebbe avuto luogo la registrazione.

Era chiaramente un audiofilo. Se anche tu hai orecchio per queste cose, probabilmente lo sei anche tu.

6. Ti interessa di più la qualità audio rispetto alla musica reale?

Sceglieresti di ascoltare una vecchia registrazione di Cliff Richard di Congratulazioni in vinile a favore dell’uscita digitale di una band moderna?

Eviteresti la nuova uscita del tuo artista preferito solo perché è stata pubblicata solo su CD ?

Se hai risposto a uno di questi con un “Sì”, allora sei a) pazzo (!) Eb) un audiofilo.

7. I tuoi altoparlanti hanno un posto d’onore nel tuo salotto?

Gli altoparlanti mal posizionati possono produrre un suono di registrazione di qualità come le unghie trascinate su una lavagna. Allo stesso modo, se hai speso diverse migliaia di dollari per una configurazione costosa, perché dovresti nasconderli su uno scaffale sotto la TV?

Se i tuoi altoparlanti sono al centro della scena nel tuo soggiorno a scapito di divani, tavoli e televisori, dovrai contrassegnare questa domanda con un “Sì”.

8. Conosci la definizione di “velocità di risposta”?

Se conosci la definizione di velocità di risposta, puoi passare alla domanda nove.

Per chi non lo sapesse, una velocità di variazione è la “velocità di variazione della tensione per unità di tempo”. In termini musicali, si riferisce agli amplificatori, in particolare, alla capacità dell’amplificatore di mantenere l’uscita a frequenze più alte (ovvero, la velocità con cui un amplificatore può rispondere a un rapido cambiamento del livello di ingresso).

No, neanche noi lo capiamo veramente, motivo per cui la conoscenza delle velocità di risposta è un fattore determinante in questo quiz!

9. Passi ore a discutere di bitrate con i tuoi amici?

Ai tempi della condivisione illegale di file, prima che avessimo Spotify e Tidal, usavamo programmi come Kazaa e Limewire per acquisire file musicali da altri utenti. La chiave per ottenere una buona copia era scaricare una versione con il bitrate più alto possibile.

In breve, bitrate indica la quantità di dati che viene elaborata in un certo periodo di tempo. Nel mondo della musica, questo viene normalmente misurato in kilobit al secondo. Un bitrate alto in genere significa minore compressione e migliore qualità audio.

Su iTunes, la musica viene offerta a 256 kilobit al secondo, mentre la musica che ascolti alla radio viene normalmente trasmessa a circa 128 kilobit al secondo. Un file senza perdita di dati, come quelli su Tidal, verrà eseguito a oltre 1.400 kilobit al secondo.

Per l’utente medio, queste differenze sono appena percettibili. Tuttavia, se hai cuffie costose o un eccellente set di altoparlanti, sarai in grado di cogliere le differenze più facilmente. E discuterne con i tuoi amici. Fino alla nausea.

10. Possiedi album importati che sono stati pubblicati solo in un altro paese?

Hai esplorato negozi online cercando di trovare un nuovo album di quella band di conga cubana emergente? Sei volato in Nigeria per assaggiare l’ultima musica popolare africana? Se ami la musica di altre culture e in altre lingue, potresti essere un audiofilo.

In alternativa, potresti aver speso una piccola fortuna per acquisire album di importazione dei tuoi artisti preferiti solo perché hanno una traccia rara su di loro, o sono destinati ad essere un oggetto da collezione in futuro. Ancora una volta, questo potrebbe contrassegnarti come un audiofilo per il quale nessuno sforzo o spesa è troppo grande quando si tratta di musica.

A quante domande hai risposto “Sì”?

Allora, a quante domande hai risposto affermativamente? Tieni a mente questo numero, poiché ecco la nostra ripartizione ufficiale dei punteggi progettata per determinare se sei un audiofilo:

0: Sei l’opposto di un audiofilo, un filisteo audio, se vuoi. La tua raccolta musicale è probabilmente composta da remix di Avicii dei successi di Justin Bieber.

1-4: sei un tipico amante della musica. Ti piace spendere soldi per articoli musicali occasionali di grandi dimensioni e sei felice di fare qualche sacrificio per massimizzare il tuo divertimento, ma non sei disposto a portarlo agli estremi. Justin Bieber non è presente nella tua libreria, anche se Avicii potrebbe.

5-7: Sei un audiofilo. Hai costruito un’impressionante libreria di canzoni e sei sempre alla ricerca della migliore attrezzatura attraverso cui godertela. Pensi che Justin Bieber sia un cantante, ma non ne sei certo al 100%.

8-10: sei l’incarnazione di un audiofilo. I produttori di musica ti chiamano per la tua opinione e ricevi campioni di hardware gratuiti dai migliori produttori del settore che cadono nella tua cassetta delle lettere su base settimanale. Non hai mai sentito parlare di Justin Bieber … sei fortunato tal dei tali.