Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

DSC05186 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Dieci anni fa, l’industria degli smartphone era ancora in un periodo esplorativo e la maggior parte dei prodotti dei principali produttori cercava come presentare come dovrebbe essere uno “smartphone”.

Batterie sostituibili e fusoliere di forma speciale, che un tempo erano gli attributi dell’era del “telefono funzionale”, e l’esclusivo design posteriore, la tecnologia integrata e altre caratteristiche dell’era dello “smartphone” esistevano nei prodotti in quel momento.

img 636b18c986de9 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

▲ Vivo X1

Dieci anni fa, questo nodo è stato anche un punto di partenza per l’industria degli smartphone in Cina.Molti produttori, incluso Vivo, stavano anche esplorando come definire gli smartphone e hanno lanciato i prodotti di prima generazione secondo la propria comprensione.

Dieci anni fa, come consumatori, ci stavamo adattando anche al ruolo crescente degli “smartphone”. Può effettuare chiamate, navigare sul Web, intrattenere e persino eseguire registrazioni di base.

image 6 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

▲ L’immagine di Nexus 4 dieci anni fa proviene da: Wired

Ma a giudicare dai prodotti dell’epoca, sembravano poterne sostituire molti, ma in realtà erano un po’ impotenti ed era difficile sostituirne altri.

Come dice il proverbio, “Dieci anni di affilatura di una spada, senza mai provare una lama gelata”. Per l’industria degli smartphone, dieci anni non sono solo un’affilatura di una spada, ma anche più di una prova del filo. La precedente “esplorazione ” gradualmente ha la risposta. Come rendere gli smartphone diventa chiaro.

Allo stesso modo, ai nostri occhi, lo stato degli smartphone è diventato molto importante: puoi uscire senza portafoglio, ma non puoi senza cellulare.

DSC05186 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Inoltre, i cellulari di oggi hanno iniziato a sostituire gli oggetti grandi e piccoli che ci circondano, dagli MP3 alle fotocamere digitali, dalle chiavi della macchina alle carte d’identità, come se un cellulare fosse una tasca Doraemon, con mezzo mondo.

Quando ci troviamo al nodo di dieci anni, può essere un riassunto del passato o può essere l’inizio di un nuovo decennio.

DSC05124 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Per vivo, anche la serie vivo X90 di quest’anno ha lo stesso significato. Come il lavoro decennale della serie X, porta anche l’accumulo tecnologico decennale e la ricerca finale del vivo.

E l’ultra-grande vivo X90 Pro+ presenta lo stato quasi perfetto dell’attuale “smartphone”, soddisfacendo tutte le “fantasie” del pubblico sull’ammiraglia Xeon.

La fotocamera delle masse, la fotocamera di riserva del fotografo

Questa frase può essere utilizzata per riassumere la qualità dell’immagine del vivo X90 Pro+: è una fotocamera per il pubblico e una fotocamera di backup per i fotografi.

Nella prima metà dell’anno, dopo l’uscita della serie vivo X80, c’erano solo due prodotti “cup-up”, l’X80 e l’X80 Pro, quindi molti utenti stavano aspettando anche un Pro+ super big cup killer di vivo.

DSC02459 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

▲ Vivo X80 Pro

Ma anche per la serie vivo X80 che semplifica la serie di prodotti, in termini di successive prestazioni di mercato e reputazione degli utenti, la serie vivo X80 è ancora l’ammiraglia video che non può essere ignorata nel mercato della telefonia mobile nella prima metà dell’anno.

Nella seconda metà dell’anno, la serie vivo X90 è tornata al ritmo originale di vivo e la coppa ultra-grande con l’immagine definitiva è tornata, come se avesse accumulato energia per sei mesi, e la grande mossa è stata finalmente rilasciato.

Rispetto alla generazione precedente, il vivo X90 Pro+ è quasi completamente aggiornato in termini di specifiche di configurazione dell’immagine e concetti di immagine.

DSC05061 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Lasciando da parte le specifiche della fotocamera, solo dalla sensazione pesante, puoi dire che sei un giocatore dei pesi massimi.

Contando la fotocamera frontale, il vivo X90 Pro+ è dotato di un totale di cinque fotocamere, che sono:

  • Obiettivo ultra grandangolare: IMX598, 48 milioni di pixel, 1/2 pollice, F2.2
  • Grandangolo (fotocamera principale): IMX989, 50 milioni di pixel, 1 pollice, F1.75
  • Obiettivo verticale (2x): IMX758, 50 milioni di pixel, 1/2,51 pollici, F1.6
  • Teleobiettivo (3.5x): OV64B, 64MP, 1/2 pollice, F3.5
  • Anteriore: GD2, 32 milioni di pixel, 1/2,8 pollici, F2,45

Vale la pena notare che la configurazione della fotocamera del vivo X90 Pro+ questa volta è piuttosto splendida, ma la selezione della lunghezza focale non sembra essere così lunga.

DSC05158 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Il nativo più lontano è di circa 3,5 volte e la lunghezza focale equivalente a pieno formato è di circa 90 mm. Il vivo X90 Pro+ non ha scelto una fotocamera periscopica 5x o superiore, ma con la suola esterna e pixel elevati, può comunque ottenere un effetto zoom vicino a 100 volte.

Xnip2022 11 25 17 18 17 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

▲ 3,5 volte

Tuttavia, nell’esperienza reale, l’effetto dello zoom 100x è ancora un po’ riluttante, e se si vuole prendere in considerazione la qualità dell’immagine, tenendo conto delle condizioni di luce, circa 20x (ovvero una lunghezza focale di 500 mm) sarà un punto debole per il teleobiettivo.

Xnip2022 11 25 17 19 58 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

▲ Sinistra: 3,5x, Destra: zoom 20x

Nella definizione ufficiale del vivo X90 Pro+, i due teleobiettivi (2x, 3.5x) sono predisposti per i “ritratti” e sono anche le principali lunghezze focali.

In effetti, l’attuale set di combinazioni di lunghezze focali copre effettivamente 14 mm ~ 90 mm, che è quasi la lunghezza focale più comunemente utilizzata ed è anche coerente con alcune scene creative.

DSC05143 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

E le lunghezze focali originali 2x e 3,5x, rispetto alle lunghezze focali simili ritagliate dalla fotocamera principale, presentano effettivamente alcuni vantaggi in termini di apertura, relazione prospettica e dimensioni del sensore, e la qualità dell’immagine è migliore.

Xnip2022 11 25 17 22 33 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

▲ Sinistra: 2x verticale, Destra: 3,5x verticale

L’obiettivo da ritratto 2x è equivalente alla lunghezza focale di 50 mm, mentre il 3,5x è di 90 mm. Nelle fotocamere tradizionali, queste due lunghezze focali sono più utilizzate per scattare ritratti. 50 mm è vicino al rapporto prospettico dell’occhio umano, adatto per scattare a metà -corpo e spiegare l’ambiente.Il 90mm si concentra sui primi piani di alcuni ritratti.

Quando riprendiamo architettura o paesaggi, abbiamo bisogno di uno slancio super grandangolare e potremmo anche aver bisogno di una composizione super teleobiettivo. Ma quando scatti i ritratti, cerca di evitare la prospettiva della lunghezza focale e riduci il più possibile la deformazione del viso e del corpo.

Xnip2022 11 25 17 26 45 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

▲ Sinistra: 2x verticale, Destra: 3,5x verticale

Questo è il motivo per cui molti telefoni cellulari ritagliano automaticamente due volte in “modalità verticale” o utilizzano una lunghezza focale vicina a 50 mm per inquadrare e ritagliare le immagini, al fine di garantire il più possibile un normale rapporto testa-corpo.

L’hardware mantiene il segmento verticale a doppia messa a fuoco e anche la modalità verticale di vivo X90 Pro+ ha molte opzioni e la flessibilità creativa è molto elevata.

Xnip2022 11 25 17 29 11 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

▲ Sinistra: 2x verticale, Destra: 3,5x verticale

Tuttavia, per aumentare la difficoltà, non ho scelto di scattare alla luce del giorno (in effetti, Guangzhou ha sempre piovuto), ma ho aspettato la prima notte quando si sono accese le luci.

Sotto una luce ambientale complessa, unita al processo di riconoscimento e calcolo della modalità ritratto, è in realtà un ottimo test per vivo X90 Pro+. Per non parlare dei telefoni cellulari, le fotocamere sono facili da catturare alla cieca in tali condizioni.

WechatIMG415 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

▲ 2x ritratto

Contro la pioggerellina e le sollecitazioni dei miei colleghi, ho scattato un gruppo di ritratti nel più breve tempo possibile. Che si tratti di 2 volte o 3,5 volte, che si tratti di una faccia frontale o di una faccia di profilo, la velocità di riconoscimento e la capacità di morso del vivo X90 Pro+ rendono il processo di ripresa a portata di mano.

DSC05147 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Allo stesso tempo, in modalità ritratto, chiamare i vari stili di obiettivi Zeiss può ottenere una sfocatura da sogno. Il volto umano ha sempre mantenuto il livello del ritratto di vivo, con contorni netti e dettagli sufficienti.

WechatIMG382 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

La “modalità ritratto” integrata del vivo X90 Pro+ può effettivamente essere estesa a scene di natura morta, per questo motivo ho anche testato appositamente alcuni soggetti ripresi di frequente.

In modalità verticale si riconoscono perfettamente i bordi delle piante e le cannucce delle tazzine da caffè.Anche se l’”apertura simulata” viene regolata in un secondo momento, la capacità di distinguere le immagini rimane la stessa.

Xnip2022 11 25 17 35 06 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

▲ Sinistra: apertura F11 simulata, destra: apertura F0.95 simulata

Con mia grande sorpresa, nella scena patchwork di foglie di piante, ho scelto di simulare la profondità di campo F4.Nel film finito, c’è già una parte di sfocatura in primo piano, che è molto vicina allo stato di profondità di campo sotto l’ottica fisica.

Questa volta l’obiettivo ritratto a doppia focale vivo X90 Pro+ è una configurazione unica e la fotocamera principale da un pollice diventerà anche la configurazione standard delle future ammiraglie dell’immagine.

WechatIMG392 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

WechatIMG387 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Il motivo per cui abbiamo cercato sensori di grandi dimensioni è in realtà per immagini di luce scura più pure e sfocatura a livello fisico.

E questa è la cosa più impressionante della fotocamera di vivo X90 Pro+. In effetti, nel processo di esperienza dell’immagine del telefono cellulare, preferiamo la luce e Hitachi e l’ambiente arioso, e possiamo scattare foto con texture sufficienti e luci e ombre a portata di mano.

WechatIMG391 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

WechatIMG386 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Forse è a causa della pioggia a Guangzhou nei giorni scorsi, la luce e l’ombra drammatiche esistono solo sotto le luci al neon di notte, e anche la fotocamera principale da un pollice del vivo X90 Pro+ rende le foto più pure.

Rispetto al passato, la velocità di imaging del vivo X90 Pro+ al buio è stata notevolmente migliorata ed è quasi uguale alla velocità di imaging durante il giorno, solo uno scatto.

WechatIMG389 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Allo stesso tempo, sotto la doppia benedizione della suola e dell’ampia apertura, il primo piano e lo sfondo sono selezionati correttamente, ed è facile ottenere una bellissima “vera sfocatura”, che aggiunge un’atmosfera unica all’intera foto.

Detto questo, ogni obiettivo del vivo X90 Pro+ può essere considerato come una “suola”: oltre alla struttura ottica come lenti e rivestimenti speciali insieme a Zeiss, il suo modulo obiettivo ha anche un rigonfiamento più evidente.

Ma in realtà, dal punto di vista dell’aspetto, le quattro lenti sono effettivamente progettate nel modulo circolare il più possibile, e il rapporto tra la loro posizione e area rispetto alla cover posteriore è molto ragionevole, e il senso di presenza non è così forte.

DSC05145 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

A partire dal vivo X70 Pro+, vivo e Zeiss hanno introdotto congiuntamente “Zeiss Natural Color” sui telefoni cellulari.

Ma “Zeiss Natural Color” è fedele al grado di restauro, e l’impressione più grande in quel momento era che il colore diventasse più chiaro ed elegante. Nel vivo X90 Pro+, vivo ha anche realizzato una versione più ampia di “Zeiss Natural Color”, che è arrivata alla 2.0.

Xnip2022 11 25 17 45 29 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

▲ A sinistra: Zeiss Natural Color 2.0, a destra: Vivo Bright Color

Rispetto alla 1.0, si concentra maggiormente sul ripristino delle prestazioni cromatiche, mentre la versione 2.0 si concentra sull’”atmosfera” complessiva, come contrasto, bilanciamento del bianco, luminosità e tono. In poche parole, ha una presentazione più complessa di colori, scene e oggetti.

WechatIMG404 e1669520332964 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

▲ Zeiss Natural Color 2.0: ultra grandangolare

Inoltre, le fotocamere vivo supportano anche “vivo vivid color”, ovvero lo stile vivido, nitido e strutturato su cui vivo si è sempre concentrato sulla serie X. In effetti, il suo stile è più adatto al pubblico.

Xnip2022 11 25 17 52 24 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

▲ A sinistra: Zeiss Natural Color 2.0, a destra: Vivo Bright Color

Intuitivamente parlando, il colore naturale Zeiss è più realistico, mentre il colore vivido di vivo è più rinfrescante e luminoso.

Per un confronto diretto, sotto Zeiss Natural Color, l’atmosfera presentata dalla foto è più vicina all’occhio umano, come il vapore acqueo intorno all’edificio e il cielo nebbioso, mentre nel colore brillante, il colore è un po’ più luminoso e il anche il contrasto è leggermente migliorato.A prima vista, l’attrattiva è migliore.

WechatIMG416 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Oltre al colore, con vivo X90 Pro+, vivo ha anche aggiunto un nuovo pacchetto di obiettivi Zeiss “Zeiss Flare Portrait”, la scena di destinazione è un ritratto retroilluminato.

Che si tratti di un film di successo di Hollywood o di un documentario di livello mondiale della BBC, quando la telecamera passa attraverso il sole, ci sarà sempre un alone di luce che passa attraverso l’obiettivo e in questo momento sentirai anche un senso di calore.

WechatIMG414 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Nelle scene in controluce, una corretta introduzione dell’effetto alone renderà la foto più vivida, soprattutto quando si scattano ritratti, conferirà all’immagine un sapore speciale.

Compreso l’originale pacchetto di lenti ad effetto Zeiss modificabile, il vivo X90 Pro+ offre anche un interessante effetto di ripresa, la sfocatura in miniatura Zeiss, che simula l’effetto dello spostamento dell’asse attraverso algoritmi.

WechatIMG407 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Questo stile di foto porterà una sensazione simile alla “prospettiva di Dio” per riprendere un paesaggio in miniatura, e può anche essere sovrapposto con l’effetto pacchetto obiettivo Zeiss per ottenere effetti più interessanti e drammatici.

Oltre al miglioramento di questi livelli hardcore dell’immagine, anche i chip e gli algoritmi auto-sviluppati integrati nel vivo X90 Pro+ hanno fatto un balzo in avanti. V1 è in qualche modo simile a un ISP plug-in e V2 è più vicino a AI-ISP, ovvero aggiunge operazioni di elaborazione in tempo reale AI.

Offre effetti di ripresa rapidi e fluidi al sistema di imaging di vivo X90 Pro+. Devi sapere che la fotocamera vivo X90 Pro+ ha parametri lussuosi e ricche funzioni e ha requisiti elevati per la raccolta e l’elaborazione dei dati grezzi.

408 1669370333.2022 11 25 18 02 39 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Il chip V2 auto-sviluppato migliora indirettamente la fluidità e l’esperienza di ripresa del vivo X90 Pro+.V2 è stato integrato in varie funzioni del vivo X90 Pro+.Entrambi hanno l’ombra di V2.

Ciò che è più intuitivo è ancora la registrazione video in condizioni di scarsa illuminazione con specifiche elevate.In una luce difficile da distinguere ad occhio nudo, il vivo X90 Pro+ può ottenere risultati finali chiari e luminosi.

Tuttavia, vale la pena notare che mentre l’esposizione complessiva viene aumentata, vengono mantenuti dettagli sufficienti e i video in condizioni di scarsa illuminazione si evolvono gradualmente da buoni scatti a buoni scatti.

4091669370594 .pic hd - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Per quanto riguarda l’esperienza di imaging del vivo X90 Pro+, quanto sopra è solo una goccia nel mare, ma il tempo per iniziare è breve e si sperimenta solo dalle scene più basilari e convenzionali.

Il vivo X90 Pro+ è inoltre dotato di molte funzionalità di livello professionale, come cielo stellato portatile, video HDR Dolby Vision, registrazione in formato SuperRAW a 14 bit, ecc., che possono soddisfare gli standard esigenti dei quasi professionisti.

DSC05198 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

L’immagine del vivo X90 Pro+ ha un potenziale considerevole. È come una fotocamera senza difetti. Per noi è un telefono cellulare non meno di una fotocamera e nelle mani di fotografi professionisti è una fotocamera. Un solido strumento di authoring .

Il sistema di imaging del vivo X90 Pro+ sembra molto complicato, comprese innovazioni auto-sviluppate e innovazioni congiunte, dotato di un sistema a quattro fotocamere estremamente pesante.

Utilizza anche molta tecnologia sul sistema di imaging, introduce molti concetti professionali e include innumerevoli funzioni.

DSC05094 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Ma alla fine, tutto ciò che ha fatto è stato per un semplice risultato. È consentire a tutti di creare buone opere senza distrazioni, senza essere limitati da alcune ragioni oggettive come attrezzature, tecniche e colori.

Rendere semplice una cosa complicata è in realtà una tendenza su cui gli smartphone stanno attualmente puntando, ed è anche un aspetto portato dal progresso tecnologico.

Sotto l’immagine, ci sono anche le massime prestazioni

Il vivo X90 Pro+ è la nostra prima esperienza con la piattaforma mobile Qualcomm Snapdragon 8 Gen 2 e utilizza anche lo storage LPDDR5X e la memoria flash UFS4.0. Di conseguenza, si è formato anche un nuovo triangolo di ferro ad alte prestazioni della prossima generazione di telefoni cellulari di punta.

DSC05180 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Qualcomm Snapdragon 8 Gen 2 ha apportato alcune modifiche all’architettura della CPU, dall’architettura 1+3+4 three-plex a 1+4+3, ovvero un super core Cortex X3, 2 prestazioni dei componenti Cortex-A715 e 2 Cortex-A710 core e tre core ad alta efficienza energetica Cortex-A510.

Tale modifica, infatti, non solo garantisce l’efficienza energetica, ma tiene conto anche del supporto per le applicazioni a 32 bit.

11bb1cb60pe71ab77d4140b7b953ab02 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Secondo i dati ufficiali di Qualcomm, Qualcomm Snapdragon 8 Gen 2 ha un miglioramento delle prestazioni del 35% e un miglioramento dell’efficienza energetica del 40%.

Sul vivo X90 Pro+, i dati intuitivi indicano che il punteggio corrente è stato notevolmente migliorato e, per quanto riguarda l’efficienza energetica e la stabilità a lungo termine, sarà testato nella scena del gioco.

DSC05169 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Vale la pena notare che prima del lancio di vivo X90 Pro+, “Honor of Kings” abilitava l’intera serie di vivo X90 con una qualità dell’immagine estremamente elevata e un frame rate ultra elevato allo stesso tempo.

Nella precedente generazione di modelli Qualcomm Snapdragon 8+ Gen 1, ci sono solo una manciata di modelli che possono essere aperti in doppia. In quanto gioco mobile nazionale, “Glory of the King” non consuma troppe prestazioni relativamente parlando, ma quando l’elevata frequenza dei fotogrammi e l’elevata qualità dell’immagine vengono riprodotte insieme, è facile per alcuni prodotti bloccare il telaio a causa dell’accumulo di calore per diversi round consecutivi sotto i 60 fps.

image 7 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Nel test di diversi giochi di “Glory of the King”, la curva di Perfdog è quasi piatta intorno ai 120 fps e il tasso di utilizzo di CPU e GPU è abbastanza stabile. Le fluttuazioni nella curva sono fondamentalmente cristalli che esplodono nella pagina di liquidazione.

DSC05174 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Nel test della mappa di corsa “Yuan Shen” ad alta intensità di 30 minuti, il vivo X90 Pro+ si è avvicinato ai risultati del full frame e anche i dati di “congelamento medio ogni dieci minuti” sono molto impressionanti.

Nell’esperienza reale, raramente ho visto una mappa così fluida nella mia impressione.La cosa più importante è che questo set di dati non si ottiene pedalando più volte per ottenere il meglio, ma installando “Yuan Shen” e caricandolo per la prima volta dopo i dati.

2 1 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Ad essere onesti, per giochi ad alto carico come “Yuan Shen”, alcuni dispositivi Qualcomm Snapdragon 8+ Gen 1 che si concentrano sulle prestazioni in realtà hanno risultati simili, ma sono nella seconda metà del processo di esecuzione a lungo termine (circa 20 minuti) , ci saranno evidenti fluttuazioni del frame rate.

Il motivo per cui sono così impressionato dai dati del vivo X90 Pro+ è che le sue specifiche dello schermo raggiungono i 2K, e il secondo è il suo controllo della temperatura.

DSC05144 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Anche questo è tra i flagship dotati di schermi 2K, il frame rate e il numero di freeze sono piuttosto elevati.

Nel vivo X90 Pro+, vivo raramente ha costruito due camere di vapore VC di ampia area, che il funzionario ha detto è quello di garantire il funzionamento stabile di complessi algoritmi in tempo reale.

Si può dire che questo serve a consentire a vivo X90 Pro+ di avere prestazioni stabili con frequenti scatti di foto e video a lungo termine, senza tempi di inattività dovuti all’accumulo di calore.

Per quanto riguarda la scena del gioco, tale attrezzatura la mantiene anche in uno stato molto calmo durante il test.

DSC05173 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Tieni le mani orizzontalmente e nessuna delle tue dita può sentire il calore della fusoliera, inclusa l’area della fotocamera e la parte superiore della fotocamera. Solo quando inizi a cercare la fonte di calore, scoprirai che l’intera macchina ha solo un po’ di calore percepibile al confine.

Quando si scattano foto o video, anche il telaio difficilmente può sentire il calore in modo intuitivo e l’intera macchina è terribilmente calma.

Si può dire che questo sia il merito di Qualcomm Snapdragon 8 Gen 2, ma penso che questo merito debba in realtà essere dato alla programmazione del software, al design della dissipazione del calore interno e all’impilamento della dissipazione del calore del vivo X90 Pro+, che si completano a vicenda.

DSC05155 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Il triangolo di ferro delle prestazioni guidato da Qualcomm Snapdragon 8 Gen 2 non è altro che il disco base ad alte prestazioni di vivo X90 Pro+.

Sotto questo disco di base, il suo chip V2 auto-sviluppato e l’HiFi senza perdite wireless hanno alzato il limite superiore e si sono differenziati.

DSC05160 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Il chip V2 auto-sviluppato è in realtà difficile da definire o utilizzare i dati per misurare le sue prestazioni, ma dopo aver sperimentato vivo X70 Pro+ e vivo X80 Pro, la velocità di imaging e l’efficienza di calcolo del vivo X90 Pro+ sono piuttosto nitide.

Inoltre, molte delle sue funzioni possono essere sovrapposte e più effetti possono essere utilizzati insieme e l’effetto può essere ottenuto in uno scatto.Anche in condizioni di scarsa illuminazione, tutto ciò che puoi sentire è la velocità dell’otturatore e non c’è quasi nessuna “esitazione” .

Con la benedizione del chip V2 auto-sviluppato, il vivo X90 Pro+ ha una velocità di imaging “nitida e risoluta”, che è anche la sensazione iniziale di molti colleghi intorno a me dopo aver iniziato.

DSC05140 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Questo chip V2 auto-sviluppato è un miglioramento delle prestazioni dell’immagine e l’HiFi senza perdite wireless è il desiderio di vivo per se stesso dieci anni fa.

Con l’emergere di veri auricolari wireless, c’è un compromesso, che è convenienza e qualità del suono. Sotto la grande tendenza, anche vivo, che ha introdotto l’HiFi nei telefoni cellulari per la prima volta dieci anni fa, ha rispettato questa “scelta”.

DSC05194 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Tuttavia, attraverso l’accumulo e l’aggiornamento della tecnologia, vivo ha realizzato la coesistenza di HiFi e true wireless in vivo X90 Pro+ e vivo TWS 3 Pro dieci anni dopo.

Dopo che il vivo TWS 3 Pro è stato abbinato al vivo X90 Pro+, basandosi sulla tecnologia aptX Lossless, può raggiungere una velocità di trasmissione di 1,2 Mbps, che ha raggiunto lo standard HiFi.

DSC05192 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Quando i due sono accoppiati, c’è anche un logo HiFi “perduto da tempo” sulla barra di stato del vivo X90 Pro+. E vivo ha anche introdotto l’audio spaziale e la riduzione attiva del rumore a 48 dB su TWS 3 Pro.

Indipendentemente dalla tua capacità di discriminazione dell’orecchio, questa combinazione ti porterà un intervallo di “un orecchio”. Se attivi l’audio spaziale, ci sarà un intervallo di “mezzo orecchio”. Le voci umane e gli strumenti musicali possono essere presentati in modo abbastanza specifico. Quando esce, anche il riconoscimento è completo, che è diverso dai precedenti auricolari true wireless come nuvole e fango.

DSC05088 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Simile all’imaging, in termini di prestazioni, il vivo X90 Pro+ non è solo l’elevata energia e il basso consumo offerti da Qualcomm Snapdragon 8 Gen 2, ma anche l’esperienza unica offerta dal chip V2 auto-sviluppato e dalla tecnologia HiFi wireless fa parte di le eccellenti prestazioni del vivo X90 Pro+.

E tale tecnologia e stoccaggio, infatti, possono finalmente consentire al pubblico di avere un’esperienza eccellente quando si utilizza la macchina di punta e cercare di evitare il processo di compromessi.

Il design evidenzia un “equilibrio”

Per quanto riguarda l’aspetto del vivo X90 Pro+, se parli solo dei dati, è spesso 9,7 mm (la fotocamera raggiunge i 14,5 mm) e pesa 221 g (senza custodia protettiva), quindi verrà sicuramente in mente un “mattone”.

Ma quando ho iniziato a utilizzare vivo X90 Pro+ con questa impressione, mi ha sorpreso.

DSC05105 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

L’arco della fusoliera nasconde bene il suo spessore, mentre il materiale in pelle liscia conferisce una consistenza flessibile e delicata sulla pelle. Nella curva che si adatta al palmo, il vivo X90 Pro+ sembra essere un po’ più leggero soggettivamente, anche se dopo un lungo periodo di utilizzo, il mignolo continuerà a protestare.

Si può dire che il vivo X90 Pro+ non sia un prodotto sottile e leggero, ma non si può dire che sia spesso o non si senta bene.

DSC05126 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

La buona sensazione è in realtà difficile da quantificare con i dati, ma un processo piuttosto soggettivo. Il vivo X90 Pro+ non sfrutta i dati, ma nell’uso reale l’esperienza che offre è molto migliore rispetto ad alcuni flagship con bordi ad angolo retto.

Per quanto riguarda lo stile di design completamente riconoscibile del vivo X90 Pro+, a mio avviso, è in realtà una continuazione dello stile di design della precedente serie X, ed è anche un equilibrio tra il modulo fotocamera super-grande e l’estetica.

DSC05098 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

A partire dalla serie vivo X60, per neutralizzare la brusca causata dalla fotocamera sollevata, vivo ha introdotto il design di “Buting Cloud Steps”, che è tratto dall’antica architettura cinese e aggiunge uno strato di transizione al modulo della fotocamera.

Nella serie X70, il modulo della fotocamera è diventato più grande e vivo ha esteso i “passi della nuvola di battuta” alla “finestra della nuvola”.Gli elementi sono ancora la fotocamera e uno strato di elementi di transizione per alleviare la sensazione brusca.

DSC00974 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

▲ Vivo X70 Pro+

Lo stesso vale per la serie vivo X80, ma per far apparire ordinata la fotocamera, viene aggiunto un cerchio alla finestra della nuvola per distinguere le diverse aree, formando un fascino orientale di “cielo e luogo rotondi”.

Sul vivo X90 Pro+, il modulo della fotocamera ha già un notevole senso di presenza.Per bilanciare e neutralizzare, vivo ha semplicemente ampliato l’area che originariamente apparteneva alla finestra della nuvola all’intera cover posteriore.

DSC05115 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Distinto semplicemente da un nastro, la parte superiore è l’area della fotocamera e la parte inferiore è l’area dell’impugnatura. Compreso il modulo della fotocamera, sono presi dalla sezione aurea. Con il nastro, sono combinati in un’alba nella media orientale .

Con Huaxia Red, la concezione artistica orientale è piena, e c’è anche un senso della tecnologia e della nuova tendenza nazionale.

Nell’uso effettivo, con il nastro come confine, il palmo e le dita cadranno sostanzialmente nella parte inferiore e, con una ragionevole distribuzione del centro di gravità, non ci sarà alcuna sensazione di pesantezza superiore e l’intera macchina cadrà la mano con calma.

DSC05109 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Quando si scattano foto orizzontalmente, inconsciamente, i palmi e le dita eviteranno deliberatamente l’area della fotocamera, diventando uno stato di utilizzo della fotocamera.

Per quanto riguarda il design esterno del vivo X90 Pro+, si può dire che è pienamente riconoscibile, ma penso che in realtà ci siano molte considerazioni in esso, e una soluzione ottimale è stata trovata nell’equazione binaria di bellezza e praticità.

DSC05106 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

La parte anteriore del vivo X90 Pro+ è uno schermo OLED Samsung 2K E6 da 6,78″. Rispetto alla generazione precedente, la luminosità di picco locale ha raggiunto i 1800 nit.

Nell’uso quotidiano, è quasi difficile riscontrare una luminosità dello schermo insufficiente e la maggior parte della luminosità automatica si aggira intorno al 50% all’interno o nell’attuale tempo piovoso a Guangzhou.

La cosa più importante è che questo schermo finalmente supporta l’attenuazione PWM a 1440Hz, che riduce i danni agli occhi causati dallo stroboscopio.

DSC05132 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Per gli smartphone, l’aspetto appartiene alla categoria del design e il sistema software è in realtà una manifestazione del potere del design.

L’ultimo sistema OriginOS 3 di Vivo trova anche un equilibrio tra praticità, interazione e fluidità.

I cambiamenti in OriginOS 3 in realtà non sono grandi: non c’è nessun salto in avanti nella versione grande del sistema, ma le competenze di base che sono fluide e facili da usare vengono costantemente consolidate.

DSC05136 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Il lato positivo è che offre cartelle di grandi dimensioni, alcune modifiche al tocco visivo e l’ottimizzazione della pianificazione in background. Potrebbe essere difficile trovare le modifiche per la prima volta. Anche dopo aver provato vivo X90 Pro+ per un periodo di tempo, l’impressione del sistema è ancora regolare e nitido sulla velocità di reazione.

Fino a quando un giorno, qualche giorno fa, ho accidentalmente aperto un certo software di consegna di cibo, rimaneva ancora in background e manteneva la pagina dell’ordine andato a buon fine, senza essere erroneamente ripulito dal sistema.

DSC05181 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

In questo momento, mi sono reso conto che per un sistema operativo le competenze di base sono molto più importanti dell’accumulo di alcune piccole funzioni e della messa in mostra di un mucchio di concetti, che hanno un impatto molto maggiore sull’esperienza.

Che sia dall’aspetto o dal sistema, vivo X90 Pro+ non sta facendo domande a scelta multipla Sì o No, ma trova una soluzione ottimale in termini di praticità ed estetica.

Apri il prossimo decennio della serie vivo X90

La serie vivo X90 ha dato alla serie vivo X un foglio di risposta di dieci anni quasi perfetto, e allo stesso tempo ha fissato un’altezza considerevole per i prossimi dieci anni.

Nel complesso, i punti di forza della serie vivo X sono cambiati negli ultimi dieci anni, dall’HiFi al video, dalle impronte digitali più sottili alle impronte digitali sotto lo schermo, ma il fulcro delle precedenti generazioni di prodotti è sempre stato “l’innovazione tecnica”. “.

DSC05084 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Quando si tratta di vivo X90 Pro+, le innovazioni tecnologiche degli ultimi dieci anni sono finalmente arrivate e sono finalmente esplose, proprio mentre vivo insiste nel “mettere la testa nella causa e il frutto arriverà quando sarà maturo”.

Può soddisfare al momento tutte le “fantasie” dell’ammiraglia Xeon delle persone, ed è anche la “causa” dell’innovazione tecnologica che vivo ha continuamente piantato durante il decennio, e il “frutto” che alla fine arriverà a fruizione.

DSC05203 - Vivo X90 Pro+ prima esperienza: ecco come dovrebbe essere il flagship di Xeon

Sul vivo X90 Pro+, la complessa tecnologia di imaging, il difficile chip auto-sviluppato e lo stile di design unico sono tutti risultati semplici che possono portare “un’esperienza eccellente”.

Nei prossimi dieci anni, potrebbe essere difficile per noi prevedere come cambieranno la forma del prodotto e le funzioni del prodotto della serie vivo X. Tuttavia, nella serie vivo X90 e nella serie vivo X negli ultimi dieci anni, possiamo affermare che continueremo a piantare cause nella tecnologia e ottenere risultati nei prodotti.Sarà la costante persistenza della serie vivo X.

#Benvenuti a prestare attenzione all’account pubblico WeChat ufficiale di Aifaner: Aifaner (ID WeChat: ifanr), altri contenuti interessanti ti verranno presentati il ​​prima possibile.

Ai Faner | Link originale · Visualizza i commenti · Sina Weibo